OSPITE
29.08.18 - 16:300

Alimenti equi: solidarietà qui e altrove

Lisa Mazzone, Consigliera Nazionale Ginevra

Mangiare consapevolmente e senza nuocere alla salute deve diventare la regola e non essere riservato solo a chi può permetterselo. I consumatori non hanno mai chiesto di mangiare carne trattata con ormoni o uova di galline allevate in batteria. Per questo motivo abbiamo fissato standard soddisfacenti per la produzione alimentare in Svizzera. Per i prodotti importati non è così, eppure rappresentano la metà di tutto il cibo consumato. Non tutti sanno cosa inghiottono quando mettono la forchetta in bocca a causa della mancanza di trasparenza sulle etichette. Per questo motivo l’iniziativa Fair Food – Alimenti Equi chiede maggiore chiarezza e che anche i prodotti importati siano soggetti a criteri di qualità.

Come possono i nostri agricoltori aspettarsi un reddito dignitoso se sono soggetti a una forte concorrenza sleale da parte dei prodotti importati? Questo dumping sulla qualità dei prodotti ha conseguenze negative anche in Svizzera: degrada le condizioni di lavoro nei nostri campi, rendendo la vita difficile per coloro che li lavorano. A causa delle precarie condizioni di lavoro all'estero, gli agricoltori locali vedono i loro redditi sotto pressione. L’iniziativa esige condizioni di lavoro eque lungo tutta la filiera alimentare, in Svizzera e all'estero. "Equa" significa che gli agricoltori percepiscono gli stessi salari del resto della popolazione attiva della loro regione.

Ciò che consideriamo inaccettabile da noi non è meno inaccettabile all'estero. In Spagna, nella provincia di Almeria, i lavoratori agricoli ricevono 2,5 euro all'ora lavorando quotidianamente per 16 ore. In Germania ci sono lavoratori come in una catena di montaggio che macellano animali fino a 14 ore al giorno senza pause per miseri 4 euro l’ora. Ecco la realtà del cibo che troviamo nei nostri negozi. Condizioni di lavoro non dignitose, orari di lavoro sproporzionati, rischi per la salute o uso di sostanze chimiche: molti lavoratori della catena alimentare, anche in Europa, ne sono soggetti. Le multinazionali agroalimentari praticano condizioni degradanti e conducono una guerra dei prezzi che non va a vantaggio né dei lavoratori né dei consumatori. Gustare il cibo senza coscienza sporca e promuovere prodotti sani coltivati in condizioni sociali dignitose sono i chiari obbiettivi dell’iniziativa.

I primi a trarre vantaggio da questa iniziativa saranno i consumatori. Che gusto ha un ortaggio coltivato in condizioni di sfruttamento? Che sapore ha un hamburger precotto composto da carne proveniente da macelli con animali sotto stress, antibiotici e promiscuità? Il gusto dipende dalla qualità dei prodotti. I consumatori non vogliono essere ingannati o sfruttati.

Dire sì all’iniziativa Alimenti Equi significa restituire il gusto al cibo. Buon gusto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile