Tipress
OSPITE
23.08.18 - 09:240

Sì alla sperimentazione nella scuola, no all’oscurantismo!

Stefano Testa, sindacalista VPOD Ticino

Galileo Galilei fu condannato per aver sovvertito la filosofia naturale aristotelica e le Sacre scritture e fu costretto il 22 giugno 1633 all'abiura delle sue concezioni astronomiche. Tempi e modalità lontane? Non del tutto. In Ticino il referendum in votazione popolare il 23 settembre 2018 vuole impedire la sperimentazione del progetto de “La Scuola che verrà”. Vuole impedire a quattro sedi di scuola media e tre sedi di scuola comunale di sperimentare per la durata di tre anni delle modalità di insegnamento volte a prendere a carico meglio gli allievi in base alle loro caratteristiche. Si tratta di modalità già note oggi nella scuola ticinese dell’obbligo, ma applicate in misura molto limitata: l’insegnamento da parte di due docenti in una classe, l’insegnamento in classi dimezzate, un maggiore sostegno per gli allievi in difficoltà... Si investiranno 6 milioni di franchi sull’arco di tre anni per verificare se i mezzi impiegati consentiranno effettivamente di fare passi avanti nell’apprendimento degli allievi. Esperti universitari indipendenti faranno una valutazione autonoma della sperimentazione rispetto al Dipartimento educazione e all’on. Bertoli.

La Commissione parlamentare scolastica ha persino introdotto nella scuola media una variante da sperimentare “targata PLR”, per consolidare l’accordo finale a quattro: in Parlamento infatti hanno votato a favore del credito PLR, PPD, PS e Verdi, quindi un’ampia maggioranza del Gran Consiglio. Docenti, sindacati della scuola, genitori e partiti affiancheranno la sperimentazione per evidenziare e discutere eventuali e inevitabili problemi che sorgeranno. Il Governo e il Parlamento alla fine dovranno dire la loro sulla sperimentazione e sulla valutazione fatta dagli esperti: ed il popolo potrà ancora esprimersi, tra quattro anni, sulle eventuali modifiche delle leggi scolastiche alla fine del processo, qualora la sperimentazione avesse un seguito in Parlamento. Questo è un percorso scientifico, innovativo, partecipativo e democratico: votiamo quindi Sì alla sperimentazione de “La scuola che verrà”.

PS: una parte dei referendisti, capeggiati da Sergio Morisoli e Paolo Pamini, ha depositato nel 2016 un’iniziativa parlamentare che vuole creare una scuola élitaria e finanziare anche le scuole private: l’iniziativa si chiama “La scuola che vogliamo” e vorrebbe modificare una trentina di articoli della legge della scuola. Morisoli e Pamini vogliono stravolgere la scuola ticinese senza fare alcuna sperimentazione: ecco come predicano e come razzolano!

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile