Keystone
L'OSPITE
06.06.18 - 12:000

O la borsa o la vita! La Posta Svizzera sempre più anti-sociale!

Partito Comunista

Il 4 giugno la Commissione federale della Posta (PostCom) lodava il servizio postale svizzero. Il tempo di una notte e il 5 giugno PostFinance annuncia il taglio di 500 impieghi a tempo pieno nel giro di due anni. 

Ci sarebbe da ridere se non stessimo parlando di licenziamenti, gli ennesimi, dell’ex-regia federale. Magra consolazione pensare che due terzi dei posti di lavoro cancellati saranno assorbiti dalla naturale fluttuazione del personale: il resto sono infatti licenziamenti e in generale stiamo parlando di giovani che non potranno sostituire chi va in pensione.

La motivazione addotta è la solita: la riduzione dei margini di profitto! La banca postale non farebbe utili a sufficienza? Ma che panzane ci stanno raccontando i manager della Posta? Dopo la “contabilità creativa” - per usare un eufemismo - emersa presso AutoPostale, possiamo avere tanti legittimi dubbi sulla serietà dei vertici a cui il governo ha appaltato la gestione dell’azienda postale, un tempo fiore all’occhiello della Confederazione.

La Posta non deve aver per obiettivo quello di fare profitti, essa è un servizio pubblico e ha dunque una responsabilità per garantire il tessuto sociale del Paese. Pendente in Gran Consiglio c’è l’iniziativa cantonale del Partito Comunista che chiede a Berna di ri-nazionalizzare la Posta, ci attendiamo che essa sia affrontata il più presto possibile perché se non si affrontano le cause dei problemi, non si riuscirà a salvare questa azienda che ogni giorni annuncia solo tagli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile