Ti Press
L’OSPITE
19.07.17 - 15:580

Piove, casse malati ladre?

Rolando Bardelli, medico e municipale di Balerna (Verdi)

Come ogni estate, il rito dell’annuncio di un aumento dei premi di cassa malati si è consumato: nel 2018 probabilmente pagheremo il 4-5% in più. Non poco, soprattutto per cittadini e famiglie con reddito modesto. La colpa è delle casse malati?

L’assicurazione malattia regolamentata dalla LAMal è problematica sotto diversi punti di vista, ma è iniqua per un aspetto: paghiamo premi assicurativi molto diversi per aver diritto a una copertura delle stesse prestazioni sanitarie, la cui fatturazione è definita da tariffari identici per tutti. Trattandosi di un’assicurazione obbligatoria, dovremmo invece pretendere di pagare premi uguali per prestazioni uguali. Ma le regole del gioco sono decise dalla politica e non dalle casse malati stesse.

L’attuale tendenza a ridurre le prestazioni sanitarie stazionarie spostandole nel settore ambulatoriale contribuisce ad aumentare i costi a carico di casse malati e pazienti in quanto lo stato sovvenziona nella misura del 55% solo la medicina ospedaliera. Una riflessione della politica sull’attuale sistema di finanziamento della medicina stazionaria e ambulatoriale diventa sempre più impellente.

I progressi della medicina hanno un’incidenza significativa: procedure diagnostiche e terapeutiche innovative spesso costano di più. Difficile, però, rinunciare a esami e cure che generalmente risultano più efficaci.

C’è però in gioco un altro fattore di crescita dei costi, difficilmente quantificabile, ma importante: l’intenzione della LAMal di far giocare il più possibile il mercato e la concorrenza. La sanità è diventata un mercato appetito da molti investitori, comprese grosse catene come Migros o attori immobiliari come Genôlier. L’offerta di prestazioni tende così a svilupparsi al di là delle effettive necessità di diagnosi e cure. Siccome l’offerta tende a generare la domanda, chi investe in campo sanitario è sicuro di ottenere un buon tornaconto, a spese della LAMal.

 I Verdi del Ticino ritengono che in questo ambito un freno ai costi sanitari sia necessario attraverso una seria pianificazione della sanità stazionaria e ambulatoriale, ponendo dei limiti all’attuale “laissez aller” e alla tendenza a favorire collaborazioni pubblico-privato che rischiano di giovare molto di più agli investitori che ai pazienti.

Una maggior assunzione di responsabilità da parte dei cittadini-pazienti può contribuire a frenare l’aumento dei costi sanitari. Se uno stile di vita sobrio e salutare ci aiuta ad aver meno necessità di cure e di farmaci, un briciolo di sano spirito critico associato a un buon rapporto con i propri curanti permette di evitare procedure diagnostiche e trattamenti non veramente necessari.

 

 

TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile