People
01.09.08 - 19:300
Aggiornamento : 14.11.14 - 03:20

Salute: cuore, sopra i 70 battiti al minuto e' allarme rosso

Monaco, 1 set. (Adnkronos Salute) - La lotta alle malattie cardiovascolari, primo killer in Italia e nel mondo, è anche una questione di polso. Parola di scienziati. Palparlo per 'ascoltare' il ritmo del cuore è, infatti, un gesto semplice e gratuito che può salvare la vita. Se il conteggio supera i 70 battiti al minuto è 'allarme rosso' e bisogna correre ai ripari, perché il rischio di infarto può aumentare anche del 46%. A rispolverare una delle manovre più antiche nella storia della medicina è uno studio internazionale pubblicato su 'Lancet', coordinato dall'Italia e presentato al Congresso della Società europea di cardiologia (Esc) in corso a Monaco di Baviera. A guidare la ricerca il nuovo presidente dell'Esc, Roberto Ferrari, che proprio in occasione del summit tedesco riceve ufficialmente il suo mandato biennale davanti a una platea di oltre 35 mila colleghi. Lo studio si chiama 'Beautiful', è iniziato nel 2004 e ha coinvolto 10.917 pazienti con problemi coronarici, in 781 centri di 33 Paesi in 4 Continenti. I risultati inchiodano la frequenza cardiaca, inserendola nella lista dei fattori di rischio cardiovascolari già noti come pressione alta o quantità fuori soglia di colesterolo e trigliceridi nel sangue. In particolare, Ferrari e colleghi hanno osservato che nei cardiopatici con frequenza superiore ai 70 battiti al minuto aumentavano progressivamente il rischio di infarto (del 46%) e di scompenso cardiaco (del 56%), e la mortalità (+34%). Non solo. Gli autori hanno anche dimostrato che trattando gli 'over 70 battiti', per riportare la frequenza cardiaca sotto i livelli da Sos, i pericoli per il cuore diminuiscono. La terapia con un farmaco frutto della ricerca italiana e già disponibile nel nostro Paese, l'ivabradina, riduceva infatti del 36% il rischio di infarto e del 30% la probabilità di un intervento di rivascolarizzazione coronarica. E questo nonostante i pazienti arruolati nell'indagine fossero già trattati secondo le linee guida. L'ivabradina agisce sui canali If dell'atrio destro del cuore, che controllano la frequenza cardiaca e sono stati individuati 15 anni fa dall'elettrofisiologo milanese Dario Di Francesco. "Per quattro anni abbiamo valutato l'efficacia dell'ivabradina - spiega Ferrari, direttore della Clinica cardiologica dell'università di Ferrara e primo italiano alla guida dell'Esc - una molecola studiata appositamente ed esclusivamente per abbassare la frequenza cardiaca, e disponibile da alcuni mesi anche in Italia per il trattamento dell'angina". E i dati ottenuti parlano chiaro, tanto da rappresentare "una vera e propria rivoluzione nella lotta alle malattie cardiovascolari, che vede il nostro Paese all'avanguardia", precisa, come prova lo stesso studio 'Beautiful'. Insomma, se il cuore corre troppo bisogna tenerlo a freno per meglio contrastare l'emergenza malattie coronariche. Un problema che - complici stili di vita scorretti come fumo, vita sedentaria e abbandono della dieta mediterranea - interessa oggi 4 milioni di italiani e secondo l'Organizzazione mondiale della sanità resterà fino al 2030 il primo problema sanitario nel pianeta. La prevenzione è la parola d'ordine e da Monaco i cardiologi fanno coro: occorre intervenire su tutti i fattori di rischio, compresa la frequenza cardiaca. "Il medico - è l'appello di Ferrari - deve tornare ad abituarsi a un gesto semplice, ma importante: ascoltare il linguaggio del corpo. Sentire il polso a ogni persona che si presenta in ambulatorio è fondamentale - avverte l'esperto - Purtroppo oggi, in un mondo globalizzato e tecnologico, la prognosi di un paziente cardiopatico si fa con esami complessi e costosi. Ci siamo dimenticati che il corpo 'parla', si esprime attraverso la frequenza cardiaca. Un esame semplicissimo come quello del polso, privo di costi, non invasivo e che tramite il contatto fisico migliora il rapporto col paziente, fornisce dunque indicazioni estremamente importanti: più bassa è la frequenza e minore è il rischio, e viceversa", chiude Ferrari.

TOP NEWS People
ITALIA
1 ora
Fedez su Tiziano Ferro: «Non volevo offenderlo. Non capisco perché ora»
Il cantante romano ha spiegato che si è sentito offeso per il testo di una canzone scritta 10 anni fa dal rapper
CANTONE
3 ore
Il ritorno di Iris Moné con “Soul Sister”
«È un pezzo sull'amicizia», racconta la cantante ticinese che è reduce da un mini-tour di successo in America Centrale
ITALIA
4 ore
Cristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez si sono sposati?
La cerimonia si sarebbe tenuta in gran segreto in Marocco
LUGANO
8 ore
"L’altra metà" di Renga: «Volevo fare musica che piacesse anche ai miei figli»
Il cantante italiano sarà protagonista al Palazzo dei Congressi di Lugano domenica 1 dicembre. Biglietti disponibili su Biglietteria.ch
STATI UNITI
18 ore
Gigi Hadid e Zayn Malik, un ottimo rapporto 
Sembra che la modella abbia ricominciato a sentire il cantante dopo essersi lasciata con Tyler Cameron
STATI UNITI
20 ore
Ecco qui tutti i nominati per gli "Oscar della musica"
E sarà un faccia a faccia all'ultimo premio fra Billie Eilish e Lizzo, terzo incomodo fra le due sarà il rapper country Lil Nas X
STATI UNITI
22 ore
La moglie di James Van Der Beek ha rischiato la vita durante l'aborto 
Kimberly ha voluto ringraziare tutti per l'affetto ricevuto
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
“L'ufficiale e la spia” è impeccabile, a differenza di Polanski
L'ultima pellicola del regista, che racconta l'affaire Dreyfus con maestria, è un'opera che non merita davvero di essere così controversa
VIDEO
LUGANO
1 gior
Christian De Sica: «Roma oggi è come Bagdad dopo le bombe»
Trovò Charlie Chaplin alquanto strano. Il suo antidepressivo si chiama Frank Sinatra. Questo e altro in un’intervista all’attore romano che il 27 novembre sarà al Palazzo dei Congressi
STATI UNITI
1 gior
Jennifer Aniston fa il pieno: 20 milioni di follower per lei
L’attrice ha festeggiato il traguardo su Instagram postando un ironico video in cui piange dalla commozione
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile