Così “The Closer” ha generato la tempesta perfetta
Netflix
STREAMING
18.10.21 - 06:300

Così “The Closer” ha generato la tempesta perfetta

Lo special comico di Dave Chappelle, tacciato di omofobia e transfobia, ha scosso i social e anche Netflix, ecco come

NEW YORK - Quando esplode una tempesta mediatica uno degli scenari possibili è che, dopo un po', la faccenda si plachi. L'altro è che invece sfugga poi di mano finendo per travolgere un po' tutti, come un tornado. È proprio questo quello che è successo dopo che Netflix lo scorso 5 ottobre ha pubblicato “The Closer”, l'ultimo special del comico americano Dave Chappelle.

Per chi non lo conoscesse, Chappelle è uno dei più famosi “stand-up comedian” americani, e senza dubbio una voce importante sulla questione afroamericana. È un impenitente e irriverente satirista con una passione estrema per provare, sempre e costantemente, a spostare l'asticella un po' più in là in cerca della risata, ma non solo.

È il caso di quest'ultimo spettacolo per Netflix, che segue l'assai criticato e precedente “Stick & Stones” e si concentra volutamente sull'aspetto di quest'ultimo che aveva fatto alzare più sopracciglia: ovvero il suo sbeffeggiamento del movimento Lgbtqi+ e soprattutto una serie di battute sulle persone trans.

In “The Closer”, Chappelle non lascia, anzi raddoppia: fra altre battute, giustificazioni ed exursus che – ovviamente – possono essere condivise e far ridere, oppure anche no (vedi box qui sotto). A chi sicuramente tutto questo non è piaciuto per niente è la comunità arcobaleno che ha infiammato i social di critiche, chiedendone l'immediata rimozione.

Virulenta anche la reazione interna a Netflix stessa, con proteste molto vocali – e anche uno sciopero, previsto per questa settimana – di/delle dipendenti trans e simpatizzanti. Un dialogo furibondo, portato avanti su social e nei forum aziendali che ha costretto anche il gigaboss, Ted Sarandos, a prendere posizione in maniera un po' maldestra difendendo la scelta della messa in onda.

Culmine di tutto, la fuga di informazioni finanziarie riguardanti “The Closer” costato 24 milioni (contro i 21 della hit senza precedenti “Squid Game”) e pure il lavoro alla dipendente whistleblower. Un bel tornado, non c'è che dire. E se Chappelle al termine dello show afferma di aver finito con la comunità lgbtq, la sensazione è che loro, con lui e Netflix, abbiano appena cominciato.

Ridere sì, oppure no

Entrare nel merito del fatto che “The Closer” funzioni o meno, se se la giochi nel lecito oppure in palese offside non è affatto semplice e richiederebbe un sacco di exursus - sull'etica, la filosofia della comicità e la libertà d'espressione - che molto probabilmente a voi lettori interesserebbero poco.

Alla domanda, fa ridere? Anche qui la risposta è duplice, dipende cosa vi tocca e cosa no, quali sono i vostri valori e quanto siete disposti ad alzare uno sghignazzo malgrado possiate non essere al 100% d'accordo con quello che viene detto. Se c'è una cosa che si può appurare, senza entrare nel merito contenutistico, è che quello di “The Closer” è un Chappelle in forma, fra il discreto e il buono, ma non un ottimo Chappelle.

La sua chiave di volta, per affrontare la questione Lgbtqi+, è semplicemente la sua. Quella del satirico intrinsecamente afroamericano: che scardina le convenzioni bianche che, di fatto, hanno cambiato la società e l'ambito in cui lavora instillando quel "politcally correct" - anche se chiamarlo così è davvero sbagliato - che non manca di portare levate di scudi.

Un atteggiamento verso il cambiamento del sistema di valori, quello del comico, che pare per certi versi reazionario e un po' stona con l'intento satirico suo, che è da sempre stato se non altro eversivo e diretto a un establishment bianco americano che potente lo è davvero.

L'impressione, puramente personalissima di chi scrive, è che qui gli sia un po' sfuggito il fatto che dietro al suo tanto paventato «quelli dell'alfabeto», vi siano tantissime persone - anche afroamericane - che quotidianamente devono lottare anche solo per esistere. Insomma, comunque la si guardi e pensi, è difficile che si possa parlare di un centro pieno.

Netflix
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
4 ore
Serena Grandi: «Io, martoriata dalla chirurgia estetica»
L’attrice ha pubblicato un’autobiografia in cui si pente di aver fatto ricorso al bisturi
ITALIA
6 ore
Claudio Santamaria: «Pensavo che Francesca fosse troppo bella per me»
L’attore ha parlato di come è nato il rapporto con la moglie
SVIZZERA
8 ore
"Loving Highsmith" apre le Giornate di Soletta
Il documentario sulla scrittrice è diretto da Eva Vitija
STATI UNITI
10 ore
Quella volta che Bradley Cooper si trovò un coltello puntato nella metro: «Una cosa da matti»
L'attore ha ricordato in un'intervista podcast quanto successogli nel 2019: «Ho fatto quello che non si dovrebbe fare»
STATI UNITI
12 ore
Raid della polizia a casa di Marilyn Manson
Il motivo riguarda le indagini per presunti abusi su diverse ex-fidanzate, sequestrati diversi supporti di dati
CANTONE
13 ore
Racconti fantastici, premiato "Solo testa" al concorso Altroquando
Mike Papa di Anagni, convincendo anche Giona A. Nazzaro, ha ottenuto il primo posto
ITALIA
15 ore
Fedez: «Io e Chiara facciamo terapia di coppia»
La confessione in tv del rapper che però minimizza: «È una cosa normale»
AUSTRALIA
17 ore
È morto Dalaithngu, l'aborigeno di "Crocodile Dundee"
«Scompare un artista iconico, che ha segnato la storia del cinema australiano»
FOTO
CANTONE
19 ore
Due fiabe ticinesi da mettere sotto l'albero
“La fuga di margherita” e “Misha, il re dei trovatelli” sono due carinissime idee regalo nostrane per i più piccoli
ITALIA
1 gior
Modà, Kekko Silvestre ha sposato due volte la sua Laura
Il cantante ha raccontato la sua particolare scelta dopo 23 anni di fidanzamento
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile