Addio a Mikis Theodorakis, il più grande compositore greco è morto
KEYSTONE
Mikis Theodorakis è morto all'età di 96 anni.
GRECIA
02.09.21 - 10:120

Addio a Mikis Theodorakis, il più grande compositore greco è morto

Aveva 96 anni. Famoso per aver composto la colonna sonora del famoso film del 1964, «Zorba il greco».

ATENE - Il più famoso compositore greco della storia Mikis Theodorakis, autore fra l'altro della colonna sonora del film cult del 1964 Zorba il greco e icona della resistenza alla dittatura dei colonnelli, è morto all'età di 96 anni. Lo ha riferito una fonte dell'ospedale di Atene in cui era ricoverato.

Talento prolifico e anticonformista in politica, Theodorakis è stato sempre apprezzato nel suo paese d'origine e nel mondo per la sua musica ispiratrice e la sua sfida al regime che ha governato la Grecia dal 1967 al 1974.

Theodorakis era nato il 29 luglio 1925 nell'isola greca di Chio e fin da ragazzo ha intrecciato il suo talento con il coraggio politico, in una scelta che ha segnato il corso della sua esistenza.

Resistenza al nazi-fascismo - Già a 18 anni, quando studiava al conservatorio di Atene, era entrato nella Resistenza all'occupazione nazi-fascista e per questo ha subito arresti e torture. Ai tempi della guerra civile è stato rinchiuso in un campo di prigionia. Una volta libero, nel 1950, dopo il diploma al conservatorio, comincia la sua carriera: viaggia, soggiorna a Parigi e Mosca, dirige un'orchestra sinfonica ma, soprattutto, comincia quel lavoro sulla musica popolare che lo renderà famoso.

Rinnovamento culturale - Negli anni Sessanta del secolo scorso Mikis Theodorakis è il protagonista indiscusso del rinnovamento culturale greco, senza mai dimenticare l'impegno politico. Nel 1962 firma la colonna sonora di "Fedra" di Jules Dassin, con Melina Mercouri nel ruolo della protagonista e nel 1964 la musica per "Zorba il greco", il film di Michael Cacoyannis con Anhtony Quinn.

In questa occasione Theodorakis sublima il suo lavoro di elaborazione e reinvenzione della tradizione: scrive la "Danza di Zorba", per tutti il Sirtaki, una danza del tutto originale ispirata a due celebri balli popolari: il syrtos, che prevede figure di gruppo, e il pidiktos, caratterizzato dall'accelerazione del ritmo. Ed è proprio questa accelerazione che spinge il sirtaki in giro per il mondo, fino a diventare un best seller che occupa i primi posti delle classifiche e diventa da subito il più celebre ballo greco nel pianeta. Ancora oggi è l'inevitabile colonna sonora del folklore greco.

Nel mirino della giunta militare - Pochi anni e Theodorakis e la Grecia si ritrovano a fare i conti con la dittatura: nel 1967 una giunta militare prende il potere con un colpo di stato. L'autore del Sirtaki è il presidente del Lambrakis, un movimento giovanile progressista e deputato del nuovo partito della Sinistra. La sua fama mondiale gli risparmia la vita ma non il carcere, le torture, il confino, le intimidazioni a lui e alla famiglia. La sua musica viene messa fuorilegge come la minigonna e i libri di Mark Twain, ma il suo nome diventa il simbolo della lotta per la libertà.

Solo nel 1970, e grazie alla spinta di un movimento d'opinione internazionale, ottiene la libertà. E quando, nel 1974, finalmente cade la dittatura, Theodorakis è la figura attorno cui si stringono i sogni di un intero Paese. Nel frattempo, in esilio, aveva firmato altri due tra i suoi lavori più celebri: la colonna sonora di "Z-L'orgia del potere", il film di Costa Gravas sull'assassinio del deputato di sinistra Grigoris Lambrakis che nel 1967 vinse il premio Oscar per il miglior film straniero, e "Serpico", la storia, vera, del poliziotto Frank Serpico, interpretato da Al Pacino.

Le terribili esperienze vissute sotto le varie dittature gli avevano lasciato una salute malferma, ma non avevano compromesso la sua attività e il suo impegno politico che lo portò a una clamorosa adesione alla coalizione di destra per denunciare gli eccessi del governo di Andreas Papandreu.

Theodorakis è stato un compositore prolifico e poliedrico, che ha collaborato con tre poeti premi Nobel, Pablo Neruda, Odisseo Elitis, Giorgos Sefèris, con un simbolo dell'Africa libera come Sédar Senghor, ha scritto opere sinfoniche, oratori, musiche per balletti, canzoni e raccolte di ballate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
8 ore
La lista dei regali delle Kardashian attira numerose critiche
Troppo alti i prezzi dei prodotti suggeriti dalle famose dive dei reality, commentano i fan
ITALIA
14 ore
È morto Toni Santagata
Cantautore e cabarettista fu fra i protagonisti di “Canzonissima”, sua anche "Quant'è bello lu primm'ammore"
ITALIA
1 gior
Da Sangiovanni a Morandi: annunciati i Big di Sanremo
Troviamo tra gli altri Elisa, Achille Lauro, Emma, Michele Bravi, Iva Zanicchi e Mahmood e Blanco
ITALIA
1 gior
Mengoni: «Ho avuto il Covid, mi ha messo a dura prova»
L'appello del cantante: «C’è il vaccino, bisogna usarlo. Bisogna mantenere gli accorgimenti che abbiamo seguito finora»
ITALIA
1 gior
I 60 anni di Maria De Filippi, Maurizio Costanzo: «La risposerei anche domani»
Domenica il compleanno della conduttrice, il marito: «Pronta una cena intima»
STREAMING
ITALIA
1 gior
Elettra Lamborghini ci fa ballare anche a Natale
La star ha lanciato il suo singolo "A mezzanotte", un'immersione romantica nell'atmosfera natalizia
ITALIA
2 gior
Federica Pellegrini, la proposta di nozze di Matteo Giunta è arrivata in albergo
Il futuro marito della nuotatrice: «Dovevo farlo in strada, ma ho avuto paura dei paparazzi»
REGNO UNITO
2 gior
Ed Sheeran ed Elton John insieme per il brano "Merry Christmas"
Il ricavato delle vendite durante tutto il periodo natalizio verrà devoluto in beneficenza
STATI UNITI
2 gior
George Clooney ha rifiutato 35 milioni di dollari per un giorno di lavoro
L'attore e regista ha detto no allo spot della compagnia aerea «di un paese a volte discutibile»
ITALIA
2 gior
Serena Grandi: «Feci sesso con un ragazzo nel corridoio di un hotel»
L’attrice e gli eccessi del passato: «Panatta il partner più trasgressivo»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile