LUGANO
24.10.19 - 06:000

«Ho fatto ballare i politici». Da Lugano alla conquista dell’Europa

Mahmood ieri sera allo Studio Foce ha dato il via al suo tour europeo. «Non mi interessa l'intrusione nella mia vita privata». Le droghe? «Solo qualche canna»

LUGANO - È partita da Lugano l’avventura europea di Mahmood. Forte del successo di "Barrio", il cantante vincitore dell’ultimo festival di Sanremo si è esibito ieri sera allo Studio Foce. Stasera sarà a Zurigo. Poi sarà la volta di Francia e Germania. Lo abbiamo incontrato poche ore prima di salire sul palco. 

Da uno a 10 quanta paura c'è per il tuo primo tour europeo?
In realtà non tanta. Semmai c’è il desiderio di dare il massimo. È il mio primo tour europeo e mai mi sarei immaginato di poterlo fare con il primo album. Spero di riuscire a far capire agli altri quanto io ci tenga a fare questo lavoro e quanto c’è di me nelle mie canzoni.

Pensi che il pubblico europeo sarà diverso da quello italiano?
Finora ho suonato solo a Montreux e a Tel Aviv. Il pubblico è sempre diverso. All’estero sono molto attenti alla musica. Lì sono figlio di una scelta, nel senso che scelgono di andare a vedere un cantante italiano, e questo non è così usuale.

La vittoria a Sanremo, poi l'Eurovision, e oggi la tua prima tournée europea. Ti aspettavi tutto questo successo solo un anno fa?
Ovviamente no. Nonostante abbia 27 anni credo di avere la testa giusta per conservare il mio equilibrio. Mi sono trovato anche in situazioni difficili  che credo di aver saputo gestire bene. 

Quanto ti pesa l'invasione della stampa  nella tua vita privata?
Per niente. Che continuino a scrivere quello che vogliono. Posso solo dire che al momento non sto con nessuno, ma anche se fosse non mi interessa di quello che potrebbero scrivere. In fondo credo che chi ascolta la mia musica è poco interessato ai miei fatti privati.

Cosa ti ferisce maggiormente?
Il mio giudizio. Quando sbaglio e non vorrei sbagliare. 

Sei molto presente sui social. Tanti apprezzamenti ma anche critiche. Le leggi?
Leggo quasi tutto. Sulle critiche costruttive rifletto. Sulle altre passo oltre. Ultimamente non sto trovando molti haters però, giusto qualcosa sotto i videoclip.

Barrio si è rivelata un altro successo. Quanta ansia c’è stata nel creare il secondo successo dopo Soldi.
In effetti l’ansia c’era. Ha funzionato il lavoro di gruppo e l’affinità con Dardust e Charlie Charles.

Soldi...soldi è diventato ormai un classico. Tu cosa hai fatto con i primi soldi guadagnati?
Sto ancora cercando casa. Non l’ho ancora trovata, spero di potere usare i soldi per comprarne una.

In città o in periferia come canti in Barrio?
Solo in periferia, è lì che mi sento a casa.

Ieri ti sei esibito al Parlamento Europeo, a Strasburgo. Come è andata?
È stata una bella esperienza. I parlamentari sono persone normali, mica alieni. Si sono alzati tutti a ballare, ed è stata una bella risposta.

Se avessi la possibilità quale problema ti piacerebbe risolvere?
Sicuramente l’impatto climatico. È un tema a cui dare molta importanza. Viviamo in un pianeta che si prende cura di noi e sarebbe giusto che noi ci prendiamo cura di lui.

In Calipso hai collaborato con artisti completamente estranei al tuo mondo, come Sfera Ebbasta e Fabri Fibra. Cosa ti ha lasciato questo incursione nel panorama hip hop?
I primi artisti con cui ho collaborato erano dei rapper, quindi con Fabri Fibra mi sono trovato bene. Sfera è un artista che ammiro molto. Rifarei subito un’altra canzone con lui. 

Fibra e Sfera hanno più volte ammesso il loro rapporto con le droghe,  in particolare con la marijuana, qual è il tuo rapporto con queste sostanze?
Mi sono limitato solo a qualche canna. Nulla di più

Come mai in Italia quando intervistano artisti con origini straniere la domanda sulle origini non manca mai?
Perché le vecchie generazioni sono abituate a creare differenze. L’avevo già notato a Sanremo. Io sono cresciuto in una generazione mista. Nella mia classe c’erano africani, rumeni, cinesi.

Tra le città che toccherai con il tour quale conosci?
Londra. Ci vado da quando avevo 19 anni. L’amo molto. 

So che ci porterai tua madre.
Non c’è mai stata. È il mio regalo. È lei che mi ha permesso di arrivare dove sono arrivato appoggiandomi in tutto. Pagando i corsi di canto, e dandomi una mano economicamente e moralmente. 

Dopo la tourneè cosa vorresti fare?
Chiudermi in studio e lavorare al prossimo disco.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
7 ore
Belen e Nina Moric, pace fatta… cantando
Le due showgirl hanno sotterrato l’ascia di guerra durante una festa a Capri
ITALIA
9 ore
«A mia moglie il più doloroso addio»
Il grande compositore si è spento a 91 anni. E ha lasciato un ultimo lungo messaggio per familiari e amici
ITALIA
11 ore
Anna Tatangelo: «Gigi D’Alessio ci sarà sempre per me»
Una storia finita e un cambio di look, ma la cantante parla bene del suo ex
FOTO
CANTONE
13 ore
«Morricone in Piazza grande fu qualcosa di grandioso»
L'ultimo concerto in Ticino del Maestro raccontato da chi lo rese possibile: «Ci invitò a casa sua a Roma»
REGNO UNITO
15 ore
Una moneta da 1'000 sterline per celebrare Elton John
Sarà coniata in soli quattro esemplari e costerà molto di più del suo valore nominale. Ci sono però tagli più economici.
STATI UNITI
17 ore
Nick Cordero muore dopo 95 giorni di battaglia contro il coronavirus
A dare la triste notizia è stata la moglie dell'attore di Broadway attraverso Instagram
ITALIA
19 ore
È morto Ennio Morricone
Il celebre compositore di colonne sonore è spirato a Roma per le conseguenze di una caduta, aveva 91 anni
VIDEO
CANTONE
22 ore
L'eterno divenire dei Freaky Farm
Venerdì è uscita una versione tutta nuova di "Biokarma", con tanto di ben tre remix
ITALIA
1 gior
Prima lui era il marito di lei, ora lei è la moglie di lui
Quest'estate Stefano De Martino è diventato il più ricercato dai cacciatori di gossip, ben più di Belen
STATI UNITI
1 gior
Charlize Theron stressata dall'istruzione "casalinga" dei figli
L'attrice ha parlato della sua esperienza di mamma durante la pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile