CANTONE
17.09.19 - 06:010

Si scopre giallista a 50 anni. E non si ferma più

Mirko Stoppa, classe 1964, è al suo quarto romanzo. I suoi libri hanno una caratteristica particolare: tutti autoprodotti

GORDOLA – Si è scoperto scrittore a 50 anni. E da allora non ha più smesso di produrre. Mirko Stoppa, classe 1964, di Gordola, ma di origini momò, è ormai al suo quarto romanzo. Libri a tinte gialle. Tutti con una caratteristica: autoprodotti. Giornalista professionista, Stoppa oggi si occupa di comunicazione per una grande azienda. Ha esordito nel 2015 con “L’assassino del domino”, seguito da “Hircus occidit Lavis” (2016). “Livio, trovami” e “Il mistero della rotoballa” sono, invece, stati entrambi pubblicati del 2019.

Il suo quarto libro ha un titolo particolare. A che cosa si è ispirato?

Forse è la parola “rotoballa” che rende il titolo particolare. Per la prima volta mi sono ispirato a fatti realmente accaduti, ma per proteggere persone e luoghi sono stati cambiati e adattati alla storia che racconta di una rotoballa e di una cabina telefonica.

Quattro libri in pochi anni. Si è scoperto scrittore a 50 anni. Come è avvenuta la metamorfosi?

Nessuna metamorfosi, perché in realtà ho sempre scritto, sia per lavoro, sia per passione. Poi è arrivata la persona giusta che nel momento giusto mi ha detto: «perché non pubblicare invece di lasciare i fogli in un cassetto?». Alla mia compagna devo molto.

I suoi testi sono molto legati al territorio ticinese. Quanta ricerca storica e geografica c'è dietro?

Molta ricerca. Per essere credibili è fondamentale scrivere cose corrette. Questo l’ho imparato facendo giornalismo. I gialli non fanno eccezione ed è molto importante la preparazione, la documentazione e, appunto, la ricerca. Leggere e studiare altri gialli è stato di grande aiuto. In questo modo ci si procurano gli strumenti narrativi necessari per una buona scrittura.

Qual è il suo legame col Ticino?

Il legame con il territorio è un fatto naturale: scrivo dei luoghi che conosco; mi piace sapere da dove veniamo, per cui storia e geografia sono importanti. Inevitabilmente finiscono nelle pagine che scrivo, come altre passioni: la genealogia e le aringhe. Questo senza essere altezzoso e noioso.

Ha deciso di auto pubblicarsi. Perché questa scelta?

Il 98% degli editori a cui scrivi non ti risponde. I tre quarti di chi risponde ti ringrazia ma non è interessato. E quello che si interessa a te non è un editore, ma uno stampatore. Infatti, se paghi, pubblichi. Stampare mille copie costa parecchio. Gli editori che ho incontrato mi hanno fatto un’offerta senza aver letto una pagina di quanto avevo scritto…

Dunque come funziona il suo sistema?

L’autoproduzione (nel mio caso con Createspace independent Publishing Plattform di Amazon) mi permette di stampare i miei libri senza anticipare un franco, senza dovere calcolare nel prezzo le percentuali di editori e librerie, senza avere libri in giacenza e cogliere ogni occasione per piazzarne uno. Con l’autoproduzione del libro su richiesta, il prezzo di copertina è più contenuto, anche perché scrivo per essere letto, certo non per diventare ricco. L’aspetto negativo dell’autoproduzione è che spesso i media non ti prendono in considerazione e nessuno recensisce questi libri.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
38 min
Mediaset cancella “Live - Non è la d’Urso”
Ma questo non significa che la rete abbia perso fiducia nella conduttrice, anzi
SVIZZERA
6 ore
Loco Escrito conquista gli Swiss Music Awards
L'artista ha portato a casa il trofeo per miglior cantante uomo e miglior canzone
STATI UNITI
6 ore
I cani rapiti di Lady Gaga sono tornati a casa
Una donna li ha consegnati alla polizia di Los Angeles. La cantante aveva offerto una ricompensa di 500'000 dollari
ITALIA
8 ore
Fedez: «Ho l’ansia, la combatto coi tarocchi»
Stress da Sanremo e da secondogenito in arrivo: il rapper si confessa
ITALIA
19 ore
Una modella la nuova fiamma di Briatore? 
Gregoraci dimenticata, l’imprenditore avrebbe una relazione con Miss Russia
STATI UNITI
22 ore
La boutade presidenziale di Kanye West gli è costata 12 milioni
Gran parte dei quali in burocrazia ma anche in pubblicità e in (una montagna) di magliette
GINEVRA
1 gior
Creato il "Nastro di Platino" per Sophia Loren
Premiata per il ruolo "La vita davanti a sé": «Lo dedico ai miei coetanei, i sogni non hanno età»
STATI UNITI
1 gior
Harry a cuore aperto: «La stampa stava distruggendo la mia salute mentale»
In un'intervista, il duca del Sussex ha raccontato il perché della sua partenza per gli Stati Uniti e molto altro.
POLONIA
1 gior
Calpesta un'immagine della Madonna: condannato per blasfemia
«La Polonia sta diventando l'ultimo bastione del regime fondamentalista cattolico».
CANTONE
1 gior
Dj Ala torna a farci ballare con "Le Parole"
Un brano reggaeton romantico prodotto in Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile