keystone-sda.ch/ (OPEN ARMS / HANDOUT)
ITALIA
10.08.19 - 20:460

«Qui a Lampedusa per aiutare», e poi una "frecciata" a Salvini

Richard Gere ha incontrato oggi la stampa: «Sono venuto spontaneamente, nessuno ha richiesto la mia presenza»

LAMPEDUSA - Era in vacanza vicino Roma con la sua famiglia Richard Gere. Quando ha sentito la storia della Open Arms ferma da giorni al largo di Lampedusa con 121 migranti a bordo e senza un porto dove sbarcare, l'attore americano non c'ha pensato due volte. Ne ha parlato col figlio, Homer James Jigme, 19 anni. E dopo essersi messo in contatto con il fondatore della ong spagnola, Oscar Camps, assieme al suo primogenito ha preso il primo volo per l'isola delle Pelagie.

Dopo avere constatato di persona le condizioni dei naufraghi salendo sulla Open Arms, dove intanto il numero è salito a 160 dopo il salvataggio, ieri notte, di altri 39 migranti, Richard Gere s'è presentato a fianco a Camps, al direttore di Open Arms Riccardo Gatti e allo chef Rubio per raccontare cosa ha visto e soprattutto le storie terribile che ha ascoltato direttamente dai migranti, rimanendo scioccato dagli orrori riferiti dalle donne stuprate nei campi libici.

Camicia azzurra, pantaloni grigi e cappellino color corda, Gere è apparso commosso: «Sono venuto a Lampedusa solo per aiutare queste persone. Anche negli Stati Uniti la gente che arriva dal Messico, da Panama, dall'Honduras da El Salvador viene demonizzata: è ora di dire basta».

Gere non parla bene l'italiano, ma lo comprende perfettamente. E ha capito tutto quando ieri mattina s'è sentito dire no da un uomo che, con la propria barca, doveva portarlo sulla Open Arms - da dieci giorni al largo di Lampedusa - assieme allo chef Rubio e agli attivisti della Ong spagnola.

«Sono venuto spontaneamente, nessuno ha richiesto la mia presenza. Amo moltissimo gli italiani, il vostro spirito, la vostra anima, la vostra generosità e anche la gioia di vivere. Eppure sto notando - ha detto il divo di Hollywood - che qualcosa è cambiato. È stato difficile raggiungere la Open Arms con la montagna di provviste. Quando ho sentito quanto stava accadendo e del decreto passato in Italia, non potevo credere che i miei amici italiani potessero tirare fuori questo odio. Open Arms l'ho conosciuta qualche anno fa a Barcellona. Non è la prima volta che vengo a Lampedusa, ho già visitato l'hotspot tre anni fa e ho conosciuto le sofferenze di coloro che chiamano migranti, ma che sono dei rifugiati».

Assieme ai volontari dell'Ong «siamo andati a comprare tante provviste: le persone avevano bisogno di mangiare e bere. Ci sono state delle difficoltà per portare i viveri - ha aggiunto - La prima barca che avevamo trovato non ci ha accompagnati perché temeva ripercussioni».

«Salvini? Anch'io vengo da un Paese dove c'è una situazione bizzarra» - E a chi gli ha chiesto di Matteo Salvini, ha risposto secco: «Non sono interessato alla politica italiana; anch'io vengo da un Paese dove c'è una situazione bizzarra. Sembra che ci sia una generazione di politici che mette la propria energia nel dividere le persone. Ma siamo tutti interdipendenti. Molte di queste persone hanno viaggiato sulle barche, sono state riportate in Libia, torturate e poi di nuovo si sono messi in cammino. Se non ci fosse stata l'Open Arms queste 121 persone sarebbero morte».

Secca la replica del ministro Salvini: «Richard Gere è incredulo per l'approvazione del decreto Sicurezza Bis: sicuramente è colpito favorevolmente dalle scelte a favore delle forze dell'ordine e contro scafisti e criminali. L'Italia le attendeva da anni. In compenso, visto che il generoso milionario annuncia la sua preoccupazione per la sorte degli immigrati della Open Arms, lo ringraziamo: potrà portare a Hollywood, col suo aereo privato, tutte le persone a bordo e mantenerle nelle sue ville».

keystone-sda.ch/ (ELIO DESIDERIO)
Guarda le 3 immagini
1 mese fa Richard Gere sta con Open Arms e i migranti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
BASILEA
43 min

Federer e Mirka, amore alle Olimpiadi. Ma prima...

Il primo bacio fu a Sydney, nel 2000. Il primo incontro tra Roger e la moglie è però precedente; e non andò bene. Il libro "Roger Federer. Il campione e l’uomo" racconta questo e tanti altri aneddoti

CANTONE
4 ore

Si scopre giallista a 50 anni. E non si ferma più

Mirko Stoppa, classe 1964, è al suo quarto romanzo. I suoi libri hanno una caratteristica particolare: tutti autoprodotti

STATI UNITI
16 ore

Lindsay Lohan ha tampinato Liam Hemsworth sui social

Ma fra l'ex di Miley Cyrus e l'attrice difficilmente ci sarà qualcosa: «Adesso lui ha solo bisogno di riprendersi e stare con la sua famiglia»

STATI UNITI
18 ore

Demi Lovato ha dichiarato guerra ai fotoritocchini su Instagram

Ed è già al terzo post "tutto al naturale": «Che si vedesse la cellulite era la mia più grande paura»

ITALIA
21 ore

Furto alla Rinascente: Marco Carta chiede il rito abbreviato

Il processo, che inizia venerdì, si svolgerà quindi a porte chiuse e il cantante potrà godere di uno sconto di pena

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile