Foto Fabio Lovino
Elisa, classe 1977.
CANTONE
18.07.19 - 06:010
Aggiornamento : 10:32

Aspettando Elisa a Bellinzona: «Il cantautorato è dominato dagli uomini»

Un concerto attesissimo, quello di Elisa: la cantautrice italiana si esibirà nell’ambito di Castle On Air (Bellinzona) venerdì 26 luglio alle 20.30

BELLINZONA - Ventidue anni di carriera. Dieci album in studio. 5,5 milioni di dischi venduti, che l’hanno proiettata dritta verso il successo in Italia, in Europa, così come negli Stati Uniti. Numerose, inoltre, le (prestigiose) collaborazioni che ha collezionato nel corso del tempo. Qualche nome? Luciano Pavarotti, Francesco De Gregori, Ligabue. Ma anche Tina Turner - «un’esperienza incredibile e surreale», ammette la cantautrice, nel corso di un’intervista telefonica che ci ha concesso in vista dello show bellinzonese -.

Elisa, a inizio giugno è uscito l’ep - costruito con cinque brani in inglese - “Secret Diaries” (Universal): quattro inediti e “Feeling This Way”, che in italiano - con il titolo “Con te mi sento così” - troviamo nel tuo ultimo album, “Diari aperti” (Universal, ottobre 2018)...

«Il fatto di proseguire questo rapporto viscerale con la lingua inglese è un mio desiderio puro, intimo, fragile, nonostante la mia storia - di vita e di musica - accada in Italia. Non si tratta di voler cercare il successo planetario, ma di continuare ad avere uno scambio anche con il pubblico internazionale, proprio per un confronto più obiettivo, reale».

Negli ultimi tempi l’inglese ti mancava?

«Mi manca sempre, quando non c’è…».

Ti fa sentire meglio cantare all’interno di un contesto anglofono?

«Affermare che io mi senta meglio, forse oggi non corrisponderebbe al vero. E per me, questa, è una conquista: d’altra parte, ho imparato a cantare in italiano, trovando la mia identità in una maniera non tanto semplice…».

Per quale motivo?

«Musicalmente non avevo radici. Tutto il mio background, i miei ascolti, eccetto Battisti e Mina, erano in inglese. Ho dovuto per cui scoprire e capire come utilizzare la mia lingua. Un processo molto bizzarro, direi…».

Si dice che le donne all’interno dell’industria discografica siano meno considerate degli uomini… Condividi?

«Sì, sono abbastanza d’accordo. In Italia c’è poca attenzione per quello che è il cantautorato femminile. Il cantautorato di successo - a cui, di conseguenza, viene data più rilevanza -, nella misura dell’80% appartiene agli uomini. E da questa percentuale fuoriesce un ambiente un pochino maschilista».

È così anche a livello internazionale?

«No, non credo. Non ho questa impressione. Non conosco comunque la situazione nei micromercati, ossia nei mercati nazionali di altri Paesi…».

Andiamo nella seconda metà degli anni Novanta… È stato difficile all’inizio?

«No, il primo disco mi ha portato tanta fortuna... Ho dovuto semmai imparare a convivere con una nuova vita: dal paesino di provincia in cui facevo la parrucchiera, a diciotto anni, d’un tratto, mi sono ritrovata a girare il mondo… La gavetta, diciamo, l’ho fatta nei 4-5 anni precedenti a tutto questo...».

Chi è stato il primo a credere in te? Caterina Caselli o Corrado Rustici?

«In primis Caterina, che mi ha dato l’opportunità di esprimermi, offrendomi un contratto discografico. Ma è stato assolutamente fondamentale anche Corrado, che l’ha convinta a darmi una chance con l’inglese…».

Un’ultima domanda… Elisa che tipo di mamma è?

«Malgrado i numerosi impegni, con i miei due figli credo di essere una mamma abbastanza presente. Sono forse un po’ ansiosa… Li lascio comunque sperimentare qua e là, seppur con un po’ di tachicardia... (ride)».

Info: gcevents.ch

 

 

 

Foto Fabio Lovino
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
2 ore
Vanessa Incontrada, in lacrime parla di bellezza: «La perfezione non esiste»
La conduttrice, molto criticata per il suo aumento di peso, si è sfogata con un monologo in diretta tv: «Nel 2000 avere le forme è sbagliato»
ITALIA
19 ore
Facchinetti e quella volta che gli prosciugarono il conto 
Per la prima volta ha rivelato che tre anni fa un suo ex socio lo mise in una situazione molto difficile
ITALIA
1 gior
Costanza Caracciolo a "Verissimo": «Sono al sesto mese»
Aspetta un'altra femminuccia da Bobo Vieri, dopo la nascita di Stella lo scorso anno
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift: «Le donne non sono delle incubatrici»
Secondo la cantante le persone dovrebbero smetterla di chiedere alle donne quando hanno intenzione di avere figli
FOTOGALLERY
MONDO
1 gior
Miss Universo, ecco le novanta bellezze a caccia della corona
La sessantottesima edizione del prestigioso concorso si terrà domenica 8 dicembre ad Atlanta. La Svizzera non sarà rappresentata
STATI UNITI
1 gior
Nuovo look per Pink
La cantante ha deciso di radersi i capelli e ha condiviso la prima foto della sua 'nuova' testa sui social
STATI UNITI
2 gior
Chris Martin: «Da ragazzino ero omofobo: avevo paura di essere gay»
Il cantante dei Coldplay ha raccontato di alcuni momenti di disagio vissuti nel periodo dell’adolescenza
LOCARNO
2 gior
Gwen Stefani arriva a Moon&Stars
La cantante porterà in Piazza Grande le hit della sua carriera
REGNO UNITO
2 gior
Kate e il look shabby-natalizio
La duchessa di Cambridge si è divertita con un gruppo di bambini festanti in una fattoria sostenuta dalla charity Family Action di cui è appena diventata madrina
FOTO E VIDEO
LUGANO
2 gior
Nella lussuosa Via Nassa con la star ticinese di "Riccanza"
Capricciosa ed esagerata. La 25enne Camilla Neuroni, nota per le sue dichiarazioni sconcertanti sugli «svizzeri tutti ricchi» a MTV Italia, si racconta in un video tra le vetrine più “in”
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile