Foto tio.ch/20 minuti/Davide Giordano
Miriana Trevisan, classe 1972.
BELLINZONA
09.05.19 - 06:010

Miriana Trevisan: «Scrivere è stato un rito liberatorio»

La showgirl italiana Miriana Trevisan, ospite d’onore di Fitness Experience a Bellinzona, ci ha parlato del suo romanzo “La donna bonsai” (Baldini e Castoldi, aprile 2019)

BELLINZONA - Ieri pomeriggio la showgirl italiana Miriana Trevisan era a Bellinzona come ospite d’onore di Fitness Experience, l’evento organizzato dalla Tre Castelli Fitness che fino al 10 maggio combina sport e tematiche sociali grazie a una serie di workshop coordinati da medici e specialisti nel settore della salute e del benessere. I temi principali sono: esercizio come farmaco antidepressivo; obesità e cultura dell’alimentazione; la lotta ai tumori secondo l’esperienza della Lega ticinese contro il cancro.

In quest’occasione Trevisan ha presentato “La donna bonsai”, edito da Baldini e Castoldi: sebbene non sia il suo vero esordio letterario - è stato preceduto qualche anno fa da una raccolta di fiabe - è il suo primo romanzo, dai toni fortemente autobiografici. Racconta infatti le esperienze di quattro donne, attive in vario modo nel mondo della televisione, che hanno subito violenze fisiche e psicologiche.

«A scrivere questo romanzo mi ha spinto una donna, la giornalista Ilaria Bonaccorsi, che inizialmente mi chiese di redigere un articolo su Sara Tommasi che, come ricorderete, ha sofferto molto», spiega Trevisan.

«Sono storie che ho ascoltato, che ho visto e che ho vissuto - prosegue - Storie di quattro donne, totalmente diverse l’una dall’altra, che si ritrovano strette all’interno di questo vaso, il vaso di un bonsai». «Il vaso di un bonsai - precisa - in cui le radici sono costrette a non poter esprimere la potenzialità di questo albero meraviglioso: e in alcuni casi, le donne si sentono schiacciate in questo modo dalla società, purtroppo ancora così patriarcale, misogina, maschilista».

Nel libro viene denunciato questo aspetto, «senza, però, voler attaccare l’uomo». «Una sfumatura, questa, che alla fine del libro, forse, si capirà», sottolinea la showgirl.

Un libro, che, inevitabilmente, in alcuni passaggi, «mostra dei dolori molto profondi, delle cicatrici». «In Virginia - che è il nome di mia nonna -, la protagonista, c’è molto di me: scrivere è stato uno sfogo, un’elaborazione di quella sensazione di fastidio che ho avuto in alcuni istanti della mia carriera».

Un processo di scrittura a tratti comprensibilmente «doloroso» per Miriana, ma, soprattutto, spiega prima di concludere, «liberatorio».

TOP NEWS People
STATI UNITI
1 ora
"Warrior Nun": la serie Netflix è già un cult
Da pochi giorni disponibile sulla piattaforma, lo show con le “suore guerriere” è già uno dei titoli più caldi
STATI UNITI
2 ore
Presidente Kanye? Il primo sondaggio non va benissimo
Il rapper ha annunciato l'intenzione di candidarsi la scorsa settimana. E la strada è decisamente in salita
CANTONE
5 ore
Out of Chaos «è più un rito che un pezzo musicale»
Il Lugano Percussion Ensemble eseguirà questa sera una composizione scritta per l'occasione da Zeno Gabaglio
ITALIA
17 ore
Dayane Mello avverte Belen: «Attenta ad Antinolfi!»
La showgirl all’argentina: «Stava con me, vuole solo popolarità»
STATI UNITI
19 ore
Due dei presunti killer di Pop Smoke rischiano la pena di morte
La procura distrettuale di Los Angeles ha incriminato quattro persone, fra cui 2 minorenni, per l'omicidio
VIDEO
ITALIA
21 ore
Renato Pozzetto compie 80 anni
Spettacoli, cabaret, musica e cinema. Non manca niente nel curriculum del grande comico
SVIZZERA
21 ore
A Erika Stucky il Gran Premio svizzero di musica
Tra i premiati c'è anche un ticinese: Francesco Piemontesi
STATI UNITI
23 ore
Morto Grant Imahara, volto di MythBusters
La causa potrebbe essere un aneurisma cerebrale. Aveva 49 anni
STATI UNITI
1 gior
Naya Rivera, il cordoglio di amici e colleghi
La coincidenza delle date: il suo corpo è stato ritrovato il 13 luglio, a sette anni esatti dalla morte di Cory Monteith
LOCARNO
1 gior
Il corto (ticinese) che ha convinto il Pardo e Werner Herzog
Si intitola "Grigio. Terra bruciata", realizzato dal regista Ben Donateo, ed è stato selezionato per i "Pardi di domani"
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile