Bang ShowBiz
ITALIA
13.04.19 - 08:030

Carlo Conti: «Penso sempre a Fabrizio Frizzi»

Il conduttore ha rivelato che il giorno in cui è tornato a condurre "L'Eredità" dopo la morte del collega è stato il più difficile della sua carriera

ROMA - Carlo Conti ha raccontato che tornare a condurre "L'Eredità" dopo la morte di Fabrizio Frizzi è stata una cosa davvero difficile da fare. Il conduttore, che era stato al timone del programma di Raiuno dal 2006 al 2013, aveva infatti passato il testimone proprio a Frizzi, che lo aveva poi condotto per cinque anni fino alla sua scomparsa prematura avvenuta nel marzo 2018.

Carlo, ospite nell'ultima puntata del "Maurizio Costanzo Show", a cui è stato dato il nome "I Tre Moschettieri" in onore degli ospiti Conti, Gerry Scotti e Paolo Bonolis, ha spiegato: «Professionalmente un momento difficile è stato quando sono tornato all'Eredità dopo la scomparsa di Frizzi. La puntata più difficile. Volevo essere in qualunque altro posto tranne che lì. Mi sembra di aver detto proprio queste parole, poi ho chiuso e sono andato avanti».

«Fabrizio è qui con noi, sarà sempre con noi. Ha lasciato questo suo grande sorriso, questa sua grande forza. Credo non sia passato giorno in cui non mi sia venuto in mente Fabrizio. Soprattutto per questo fatto di essere diventati entrambi genitori in età adulta, diciamo», ha aggiunto.

A ricordare Frizzi nella stessa puntata del "MCS" è stato anche Gerry Scotti, che dopo le parole del collega ha affermato: «Se la puntata si chiamava i quattro moschettieri, qui ci sarebbe dovuto essere anche Fabrizio Frizzi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile