Keystone
Bruno Ganz.
+1
CANTONE
18.02.19 - 06:010
Aggiornamento : 08:17

Il ricordo commosso di Ganz, «il più grande attore svizzero»

Venerdì, a 77 anni, Bruno Ganz ha perso la sua battaglia contro il cancro. Marco Solari e Mohammed Soudani ci parlano di lui

LOCARNO - «È stato il più grande attore svizzero», parola di chi, da un’intera vita, si ciba della settima arte, ossia Marco Solari, presidente del Festival del Film di Locarno da quasi due decenni.

Ganz, nato nel 1941 a Zurigo, da padre svizzero e madre italiana, approdò sul grande schermo nel 1960, recitando in “Der Herr mit der schwarzen Melone” di Karl Suter, per poi fondare, dieci anni più tardi a Berlino, la compagnia teatrale di ispirazione brecthiana Schaubühne am Halleschen Ufer. 


Keystone
Bruno Ganz ne "La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler" (2004).

Un amore, quello per il palcoscenico, che Bruno Ganz mai mise da parte, coltivandolo parallelamente a quello per il cinema. Proprio Berlino fu il centro, il punto focale, della sua vita, della sua carriera, così come lo sfondo, il teatro, che lo vide angelo per Wim Wenders ne “Il cielo sopra Berlino” (1987) e l’opposto, il male, diciassette anni più tardi, per Oliver Hirschbiegel ne “La caduta” (2004), in cui impersonò Adolf Hitler.

Signor Solari, lei e Ganz vi conoscevate da decenni: che tipo di rapporto era il vostro?

Vorrei fare una premessa: lui apparteneva a una famiglia semplice e a priori già sapeva che per raggiungere determinati obiettivi avrebbe dovuto lottare molto di più rispetto ad altri. Ed è ciò che ha fatto. Dico questo, perché, tale condizione ha forgiato in lui una certa diffidenza verso le classi più alte, verso la classe dirigente. Inizialmente, per cui, anche con me era un po’ restio ad aprirsi. Ma nel corso del tempo, poi, le cose sono cambiate: non che avessimo un vero e proprio rapporto di amicizia, ma devo dire che parlavamo molto…


TiPress
Marco Solari, presidente del Festival del Film di Locarno.

Come descriverebbe invece il Ganz attore?

Bruno Ganz non indossava maschere, riuscì a cucirsi addosso tutti i personaggi interpretati. Questo grazie a una forza mentale assolutamente fuori dal comune, che richiedeva un’energia e una volontà incredibili. Si può nascere con il talento, ma di giorno in giorno va rifinito, raffinato, tentando di smussare anche la più piccola imperfezione. Ed è ciò che lui faceva costantemente, nonostante gli anni di esperienza che portava con sé, nel proprio bagaglio.


Keystone
Nel 2011, al Festival del Film di Locarno, Bruno Ganz fu insiginito del Pardo alla carriera.

Per poter ammirare le sue enormi capacità attoriali, quali sono i tre film che sente di poter consigliare a quei giovani che magari, proprio per una pura questione anagrafica, soltanto in questi giorni hanno sentito parlare di lui?

“La caduta - Gli ultimi giorni di Hitler” (2004) di Oliver Hirschbiegel, “Vitus” (2006) di Fredi Murer, “Pane e tulipani” (1999) di Silvio Soldini e, infine, un quarto, “Heidi” (2015) di Alain Gsponer, per un pubblico ancora più giovane.

Mohammed Soudani ricorda Ganz: «Un Signore del cinema»


TiPress
Il regista Mohammed Soudani.

Abbiamo raggiunto il cineasta ieri mattina in Kenya, dove in questo periodo sta lavorando al suo nuovo progetto cinematografico. La collaborazione tra Soudani e Ganz risale al 2010, quando il regista lo ingaggiò per “Taxiphone: El Mektoub”: «A proporgli la parte fu mia moglie Tiziana, che lo conosceva personalmente già da qualche anno, ovvero dalle riprese di “Pane e tulipani” di Soldini (pellicola co-prodotta da Tiziana Soudani tramite Amka Films, ndr). Un ruolo, quello di “Taxiphone”, che lui, Bruno, accettò immediatamente. Era un attore straordinario, così come un uomo gentilissimo, gioioso e alla mano: un Signore del cinema svizzero e internazionale».

TiPress
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
REGNO UNITO
2 ore
Principe William: «Per non soffrire di ansia, non mettevo le lenti a contatto»
In questo modo non vedeva i volti di coloro che erano giunti per ascoltarlo, ha dichiarato in un'intervista
CANTONE
6 ore
Con “Prendere e partire” degli Eleonor il viaggio si fa in musica
Il trio locarnese ritorna con un singolo a tutta estate davvero irresistibile fra musica pop e cantautorato
ITALIA
15 ore
Verdone contro tutti: attacca colleghi, amici, giornalisti
Alla soglia dei 70 anni l’attore ha fatto un lungo elenco di chi non sopporta più
REGNO UNITO
17 ore
La quarantena secondo Martin Scorsese
Il grande regista ha filmato la sua esperienza e stasera la Bbc lo manderà in onda
LOCARNO
19 ore
James Blunt e Nek confermati per Moon&Stars 2021
I due artisti facevano parte della line-up di quest'anno
STATI UNITI
19 ore
C'è un regista per il film nello spazio con Tom Cruise
Sarà Doug Liman, che ha scritto anche la sceneggiatura
ITALIA
21 ore
Crisi di coppia, lo sfogo di Belen: «Vivo giorni difficili»
La showgirl argentina non fa nomi, ma smentisce l’incontro con Iannone
ITALIA
23 ore
Il tour di Vasco Rossi slitta al 2021
Sono oltre 360'000, fanno sapere gli organizzatori, gli spettatori già "prenotati"
FRANCIA
1 gior
'Lady Lucille', la love story tra Johnny Hallyday e Catherine Deneuve
Avevano entrambi 18 anni quando nacque un'«amicizia amorosa» durata fino alla morte del cantante
STATI UNITI
1 gior
"La passione di Cristo" avrà un sequel
S'intitolerà "The Resurrection" e a dirigerlo sarà sempre Mel Gibson
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile