Facebook
STATI UNITI
14.02.19 - 19:000

Il rapper YNW Melly in manette, avrebbe ucciso due colleghi

Il 19enne sarebbe l'autore del doppio omicidio di due suoi amici, avvenuto il 26 ottobre dell'anno scorso

MIRAMAR - Il giovanissimo rapper YNW Melly - affiliato all’etichetta del più noto Young Thug - è stato arrestato nelle scorse ore, accusato di essere l’autore di due omicidi di primo grado, avvenuti lo scorso 26 ottobre.

Quella notte - Il 19enne, al secolo Jamell Demons, secondo quanto riferito dalla polizia di Miramar (in Florida) avrebbe sparato e ucciso due amici e colleghi rapper (YNW Juvy e YNW Sakchaser), alterando in seguito la scena del crimine per simulare una sparatoria da un’auto. Le manette sono scattate anche per una seconda persona, un 20enne, sospettato di aver preso parte all’agguato.

Erano le prime ore del mattino quando le due vittime, riferisce il SunSentinel, furono raggiunte da numerosi proiettili. Le prove raccolte dalla scientifica sembrano ora inchiodare il giovane musicista, mentre il movente del gesto rimane per il momento avvolto nell’ombra.

La dedica - Il 27 ottobre, il giorno successivo alla morte dei due rapper, YNW Melly aveva pianto la loro prematura dipartita con un post sulla sua pagina Facebook: «Mi hanno strappato due fratelli. So che veglierete su di me da lassù».

Una lunga fedina - Quello di YNW Melly non è un nome nuovo per le autorità. Il classe ‘99 infatti ha già avuto numerosi problemi con la giustizia. Nel 2017 ha trascorso del tempo dietro alle sbarre per il coinvolgimento in una sparatoria quando aveva solo 16 anni. La scorsa estate è stato arrestato possesso di armi da fuoco e di marijuana. Quest’ultima è stata inoltre la causa anche del suo ultimo breve soggiorno in carcere, durante il mese scorso.

TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report