STATI UNITI
12.02.19 - 15:000

Katy Perry e la gaffe delle scarpe "razziste": «Scusatemi, non volevo»

Insulti sui social per la linea di scarpe della cantante che secondo molti è decisamente "blackface", lei si difende ma poi le ritira dagli scaffali

LOS ANGELES - Dopo Gucci e il suo maglione, considerato da molti razzista (vedi qui), a chiedere venia è toccato a Katy Perry che ha disegnato una linea di scarpe per un celebre marchio americano (Dillard's, di proprietà della Global Brands Group).

Al centro della polemica un paio di mocassini (le Rue) e uno di sandali (le Ora). Entrambe disponibili in diverse colorazioni e decorate con occhi, naso e bocca rossa.


Dillard's
Due Ora (oro e nero) a confronto

Se quelle dai toni più fantasia sono da considerarsi "ok", sarebbero meno politically correct quelle nere che richiamano l'estetica "blackface" (pelle color carbone, labbrone rosse) utilizzata per ritrarre gli afroamericani negli anni dell'oppressione.

Non ci è voluto molto prima che qualcuno se ne accorgesse e sui social scattasse un pandemonio: «Mio Dio, ma non ti vergogni per quelle scarpe?», ha twittato un’utente.


Dillard's
Una Rue nera

Katy Perry e l'azienda produttrice sono subito corse ai ripari con un comunicato congiunto: «Le Rue e le Ora facevano parte di una collezione ideata l'anno scorso in 9 differenti colorazioni (nero, blù, oro, grafite, piombo, nudo, rosa, rosso e argento)» .

«L'idea era di riproporre le linee tipiche del surrealismo», spiega la cantante, «mi ha molto intristito scoprire che, secondo alcuni, la versione nera richiamava i tratti dolorosi dell’estetica blackface. Non era assolutamente nostra intenzione offendere o arrecare sofferenza, per questo le scarpe verranno rimosse dagli scaffali online».

Dillard's
Guarda tutte le 5 immagini
3 mesi fa «Quel maglione è razzista» e Gucci lo ritira
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report