SEANKENNEY
+ 13
LUGANO
12.02.19 - 06:010
Aggiornamento : 20:50

«Gioco ai Lego da 40 anni»

Sean Kenney ci racconta la sua passione per le costruzioni Lego e come è riuscito a trasformarla in lavoro. A Lugano una mostra celebra le sue opere

LUGANO - Sean Kenney è il pluripremiato artista dietro alla mostra luganese Nature with Lego bricks. Partendo da mattoncini Lego, è capace di creare delle vere e proprie opere d'arte: dal leone in scala reale, al Nintendo di enormi dimensioni. È stato riconosciuto dalla grande compagnia danese come uno dei pochi costruttori Lego professionisti, ottenendo molto successo con le sue esposizioni in giro per il mondo.

1. All'età di 4 anni iniziò la sua avventura nel mondo di Lego. Qual è stato il suo primo gioco Lego?

In realtà non ricordo di preciso, ma abbiamo trovato foto di me da molto piccolo che giocavo con i pezzi di un set Lego Duplo di rettangoli base.

2. Come è nata l'idea di creare una scultura?

Ho sempre amato creare. Ho continuato a costruire sculture Lego per tutta l'infanzia e persino nei miei anni da adolescente e da adulto. Ogni progetto che ho fatto mi ha insegnato un nuovo modo di fare qualcosa. Il mio obiettivo è quello di provare sempre a superare i limiti di ciò che è possibile con i mattoncini Lego, motivo per cui il mio lavoro si evolve sempre e le opere diventano più grandi e più elaborate.

3. E qual è stata la prima scultura?


SEANKENNEY

Ho costruito modelli in scala con i pezzi Lego per tutta la vita, ma la prima volta che ho provato a realizzare con i mattoncini una scultura grandissima di un oggetto che nella realtà appare più piccolo è stato nel 2001, quando mi sono sfidato a realizzare un modello di Homer Simpson. Gran parte del processo di costruzione era pura visualizzazione. Ho pensato che costruire superfici curve con mattoni quadrati sarebbe stata una sfida divertente, quindi non ho fatto alcuna pre-pianificazione, schizzi, misurazioni o progettazione assistita dal computer prima di iniziare questo modello.

4. Il suo primo cliente fu Nintendo nel 2008, come andò?

Mi hanno contattato per creare un ingrandimento gigante del loro dispositivo di gioco portatile "Nintendo DSI", come parte del lancio del prodotto. Il vero DSI è lungo solo 6 pollici, la scultura che ho creato è 2.000 volte il volume dell’oggetto reale. La mia opera è stata esposta orgogliosamente al Nintendo World Store, di fronte a Rockefeller Plaza a Manhattan.

5. Durante la sua adolescenza era solito giocare con i Lego, come veniva vista questa passione dai suoi amici?

Quando ero all'università, portai i miei pezzi LEGO nel mio appartamento e i miei coinquilini pensarono che fosse strano che avessi dei giocattoli con me. Ma poi ho iniziato a creare cose e loro pensarono che fosse davvero bello quello che facevo.

6. Come si sono comportati i suoi familiari quando ha lasciato il suo lavoro per dedicarsi alla sua passione?

Penso che i miei genitori all'inizio erano confusi. Mio padre ha lavorato in un ufficio per tutta la vita, e credo avrebbe voluto che trovassi anche io un lavoro simile in modo da avere una buona carriera e provvedere alla mia famiglia. Ma mio padre è anche amante del modellismo e ama giocare con i modellini di ferrovie nel suo tempo libero, quindi dopo aver visto cosa stavo facendo con le mie opere d'arte, credo abbia capito. Ora la mia famiglia è molto orgogliosa.

7. Cosa ha provato quando ha visto le sue opere esposte in luoghi come l'Empire State Building o per conto di Google?

Voglio sempre fare del mio meglio per essere orgoglioso delle mie creazioni. Metto sempre tutto il tempo e le energie che posso in tutto ciò che creo, quindi ogni volta che le vedo in mostra sono sempre molto orgoglioso. È anche divertente guardare le reazioni degli altri al mio lavoro senza che sappiano che io sono colui che ha creato quell’opera.

8. Quali sono le tappe principali della realizzazione di un'opera?

Si inizia con disegni a matita o idee, prima ancora di toccare qualsiasi pezzo Lego. Trascorriamo molto tempo a elaborare idee, disegnare e pianificare come far prendere vita a idee fantastiche. Facciamo un sacco di lavoro di progettazione per capire come sarà la scultura, e come possa essere fisicamente abbastanza forte da resistere all'esposizione pubblica e alla spedizione.

9. Dalla progettazione al completamento di un'opera quanto tempo passa?

In media, una grande scultura può richiedere da 300 a 700 ore per essere costruita. Sono da 3 a 6 mesi di lavoro a tempo pieno! Ci sono circa 10-15 di noi qui nel mio studio, costruiamo e progettiamo i modelli, saldiamo e gestiamo la logistica.

10. Quanti pezzi di Lego possiede?

Al momento ho oltre 2 milioni di pezzi. Cambio circa 250.000 a 400.000 pezzi Lego ogni anno, e ne tengo a portata di mano in qualsiasi momento oltre 1 milione.

11. Una volta esposte, le tue opere sono smantellate o durano per sempre?

Tutte le mie sculture sono completate e completamente incollate, rinforzate con acciaio e personalizzate in modo tale da poter resistere nel tempo.

12. In molti hanno chiesto quale sia la sua scultura preferita. Io voglio chiederle quale è stata la più difficile da realizzare?

La creazione Lego più difficile che abbia mai realizzato è un pezzo concettuale chiamato "Growing Ideas", che parla dei temi della creatività e dell'ispirazione. Contiene quasi mezzo milione di pezzi Lego e ci sono voluti 2 anni e mezzo per crearla, insieme a una squadra di circa una dozzina di persone. Abbiamo ingaggiato anche un filmmaker professionista per creare un documentario sulla costruzione di questa scultura.

 

SEANKENNEY
SEANKENNEY
SEANKENNEY
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report