ITALIA
13.04.18 - 17:490

Terence Hill: «Torno al Western dopo 20 anni, ma in moto»

Sarà regista e protagonista di "Il Mio Nome è Thomas", in sala dal 19 aprile

ROMA - Parla di epicità, fuori dalle regole, semplicità, ma l'incubo più ricorrente che lo assale quando è sul set «è quello di aver dimenticato il copione, o di aver perso la borsa che lo conteneva». Terence Hill, al secolo Mario Girotti, a 79 anni torna al cinema, dopo 20 anni, con un film "Il Mio Nome è Thomas" che lo vede regista e protagonista.

In sala dal 19 aprile, il film ha nel cast anche Veronica Bitto, Guia Jelo e Andy Luotto. È prodotto da Jess Hill (figlio di Terence Hill) per Paloma 4 ed è distribuito da Lux Vide.

Storia on the road fra Italia e Spagna che richiama le atmosfere western, genere per il quale è diventato un volto iconico grazie a titoli come I quattro dell'Ave Maria, Il mio nome è Nessuno e Lo chiamavano Trinità, uno dei molti film interpretati in coppia con l'amico Bud Spencer. E proprio a lui Terence Hill dedica questo suo nuovo lungometraggio girato in parte nel deserto dell'Almeria.

«È ambientato ai giorni nostri ma ci sono delle evidenti citazioni come la scazzottata, le padellate, più di me la protagonista è la ragazza, Veronica Bitto, che per me è bravissima. Il mio personaggio è in sella non a un cavallo ma questa volta alla sua Harley Davidson. Vuole affrontare un viaggio solitario verso il deserto dell'Almeria. Solitario si fa per dire: Lucia, ragazza vulcanica e problematica, entra prepotentemente nella mia vita. Dopo averla difesa dall'aggressione di due delinquenti, stringiamo una tenera amicizia».

Finalmente una donna accanto a Terence Hill?

«È vero. Ci sono tanti tipi di attori, io non ho la certezza che in ruoli opposti da quelli cui ormai il pubblico è abituato, riscontrerei lo stesso gradimento. Magari è una mia semplice fissazione».

Nel titolo 'Il Mio Nome è Thomas' ricorda il mio nome è Nessuno, in cui un giovane Terence Hill aveva recitato a fianco di Henry Fonda con la produzione di Sergio Leone, è un omaggio?

«In verità doveva chiamarsi in un altro modo (Io Viaggio da solo) ma era troppo lungo. Detto questo ci tengo a dire che Leone in quel film mi ha insegnato i fondamentali ha svelato anche il suo lato umano, si è commosso in una scena al mixaggio del mucchio selvaggio con Henry Fonda - mi teneva spesso al suo fianco - quando finalmente l'ha vista come doveva essere, nel modo giusto. Mi disse 'guarda questo è il west'. Inoltre mi ha fatto comprendere l'importanza della musica. Leone resta nella storia del cinema in generale a prescindere dal genere».

«Ho pensato a questo film 10 anni», aggiunge. «La storia solo in parte mi è stata ispirata dalla lettura di un libro, che 20 anni fa in America mi aveva passato mia moglie, scritto da Carlo Carretto (1910-1988, già dirigente di Azione cattolica, poi religioso dei Piccoli fratelli del vangelo coscienza critica e guida di una generazione, monaco che nel '54 si ritirò nel Sahara dove visse dieci anni ritmati da silenzio e lavoro). Il volume viene mostrato nel film in una delle sue prime edizioni che si apre con Terence Hill sonnecchiante su una sedia da barbiere, mentre un gatto gli passa sotto e un'aquila lo sorvola. Quando si sveglia eccolo subito accendere una roboante Harley Davidson dopo aver detto: 'Vado in Spagna per rileggere questo libro nel deserto...'».

In fondo anche Don Matteo, giunto all'undicesima stagione che sta per concludersi, «è un cowboy di cui non conosciamo il passato come il mio nome è nessuno (che era un personaggio ispirato inizialmente ad Ulisse)». Per Terence, Trinità «fu una rivoluzione. Allora il genere western aveva stufato il pubblico. Io e Bud abbiamo aiutato a trovare i produttori. Con quel film, tra l'altro, ho scoperto anche il mio lato ironico, che non sapevo di avere. Più dietro alla cinepresa in verità che nella vita devo dire. Leggerezza come lo è stato Don Matteo, anche se in questo ultimo caso nessuno conosce il vero miracolo del successo di ascolti».

Però Il mio nome è Thomas non lo voleva produrre nessuno. «Ci ho messo dentro un bel po' dei nostri soldi chiedendo un prestito negli Stati Uniti». Terence Hill ha vissuto per 30 anni, racconta, in «un paese Massachusetts dove c'erano più tacchini che cittadini. Poi da qualche anno vivo in Umbria dove ho preso casa e ogni tanto vengo a Roma». Terence confessa infine: «Il mio sogno sarebbe che la gente uscendo dal cinema non commentasse la regia, gli interpreti, la scenografia... ma si facesse una sola domanda ti è piaciuto? Ha passato 95 minuti gradevoli?».

TOP NEWS People
STATI UNITI
26 min
Il rapper Lil Reese è stato ferito gravemente
Il 26enne è stato colpito al collo da un colpo d'arma da fuoco
ITALIA
4 ore
Stefano De Martino e Belen Rodriguez non si risposano
«Ho già dato!» ha dichiarato in tv il ballerino e conduttore
VIDEO
STATI UNITI
16 ore
Jennifer Aniston è un'icona: «Tutto grazie a Friends»
L'attrice ha ricevuto l'Icon Award ai 'People's Choice Awards' a Los Angeles
VIDEO
REGNO UNITO
18 ore
Le Spice Girls hanno "snobbato" Adele
Le cantanti avevano paura che la star le avrebbe potute mettere in ombra se fosse salita sul palco con loro
STATI UNITI
20 ore
Leonardo DiCaprio compie 45 anni
A 22 anni dal successo di "Titanic", l'attore ha finalmente un Oscar ed è un produttore e un ambientalista molto impegnato
LOCARNO
22 ore
Abbiamo il primo nome di Moon&Stars 2020
Il 16 luglio 2020 Lenny Kravitz salirà di nuovo sul palco di Piazza Grande
FOTO
STATI UNITI
1 gior
La gente ha scelto: "Stranger Things" è lo show dell'anno
I People's Choice Awards hanno incoronato anche "Avengers: Endgame" e star del calibro di Gwen Stefani, Jennifer Aniston
VIDEO
CANTONE
1 gior
Scilla Hess danza con i demoni
Sono quelli che si possono incontrare in una relazione o quelli interiori? La cantante ci spiega come interpretare il suo nuovo videoclip
ZURIGO
1 gior
Quando al tuo compleanno fai cantare Lewis Capaldi
È successo ai colleghi di 20 Minuten che festeggiavano i 20 anni, la star scozzese: «Pure per me il 20esimo compleanno è stato un grande giorno»
STATI UNITI
1 gior
Miley Cyrus dovrà essere operata e non potrà parlare per settimane
Durante il recente ricovero per una tonsillite i dottori hanno scoperto un problema serio alle corde vocali. Lei però, non si perde d'animo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile