Barbara Lehnhoff e Aris Bassetti.
CANTONE
13.03.17 - 06:000
Aggiornamento : 10:23

On The Camper: «Ecco la Tessinoise»

In programma dal 14 al 16 aprile - tra lo Studio Foce e il Living Room di Lugano - si terrà la Tessinoise, il festival della label indipendente, di base ad Agno, On The Camper

LUGANO - Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Aris Bassetti, che con Barbara Lehnhoff nel 2006 ha dato vita all’etichetta.

Aris, raccontami la nascita del festival…

«A marzo 2016 abbiamo festeggiato i 10 anni della label con una rassegna di due giorni al Foce di Lugano. Devo dire che è andata molto  bene, basti calcolare il sold out per entrambe le serate. Inoltre, tutti sembravano apprezzare il concetto dell’evento, ossia quello di creare una situazione molto interessante per i gruppi sul palco: un buon servizio tecnico, delle belle luci, una bella sala. Nel contempo, abbiamo portato nel pubblico personaggi chiave della musica svizzera e oltre, come, ad esempio, i programmatori del Paléo Festival di Nyon e della storica sala francese Le Confort Moderne, così come la programmatrice del Frison di Friborgo e alcuni booker europei. Insomma, una situazione che per un gruppo ticinese è piuttosto speciale. L’evento ha portato in Ticino gente dalla Francia, dalla Germania, dall’Italia e dal resto della Svizzera. Nei mesi successivi abbiamo ricevuto molti feedback positivi, così come tanti incoraggiamenti a continuare... Ed ecco, quindi, la Tessinoise».

Una rassegna che non coinvolge “soltanto” i gruppi della scuderia On The Camper…

«Ci è sembrato naturale aprire il festival a band legate ad altre label. Il Ticino musicale e artistico sta lentamente fiorendo e noi, devo dire, conosciamo bene certe dinamiche e difficoltà: l'obiettivo è creare qualcosa capace di andare oltre il festival, aggregando diverse realtà indipendenti molto attive. La Tessinoise vorrebbe essere un'istantanea del Ticino culturale di questo momento, messo in relazione non solo al resto della Svizzera: da qui l’idea di accostare al festival una gazzetta con interviste ai gruppi che vedremo sul palco e che regolarmente si muovono in tutta Europa. Tra i tanti scopi, la rassegna ha anche quello di rimettere il Ticino sulle mappe della cultura musicale elvetica...».

Come è avvenuta la selezioni dei gruppi che vedremo esibirsi quest’anno?

«Ci siamo focalizzati su band della Svizzera italiana alla ricerca di un’identità musicale, che non mollano alle prime difficoltà e che non cedono davanti a specchi per le allodole come i concorsi a votazione».

Vuoi fare i nomi di coloro che vedremo sul palco?

«Organizzare un festival senza suonarci è davvero difficile: per l’apertura – venerdì 14 aprile – io e Barbara (Peter Kernel, ndr) ci prodigheremo in uno show speciale... A seguire Evelinn Trouble (Zurigo) e i Brns (Bruxelles). Dopo ci sposteremo al Living Room, per un after party con Ms Hyde. Sabato 15 inizieremo con un batterista eccezionale: Julian Sartorius. Poi, sono in programma gli show – attesissimi, tra l'altro – dei Rocky Wood e dei Marquis Malanga (ex Kamikaze). Nel corso della serata è prevista, inoltre, una “secret performance” di Marko Miladinovic. All’after party, sempre al Living, in consolle vedremo due dj di Ginevra, Les Diplomates. Domenica 16, se fa bel tempo, verso le 14, al Lido San Domenico – in collaborazione con Le Confort Moderne di Poitiers – ascolteremo in quadrifonia “Zaireeka” (1997) dei Flaming Lips, mentre la sera, al Foce, si esibiranno Nic Gyalson, Hyperculte (Ginevra) e Pussywarmers & Réka. Al Living, poi, chiuderemo con un dj set firmato Bongo Joe Records, un negozio di dischi, caffé ed etichetta discografica di Ginevra».

I Peter Kernel, quindi, terranno uno show speciale. Vuoi approfondire?

«Ci presenteremo con una formazione un po’ diversa: Peter Kernel & Their Wicked Orchestra. In queste ultime settimane abbiamo riarrangiato alcuni nostri brani per pianoforte, viola, violoncello, arpa e harmonium. Un mix particolare, che speriamo di saper gestire. Ci sono dinamiche molto diverse a cui non siamo abituati: è tutto molto curioso, intenso e fragile. In occasione del festival pubblicheremo un ep in vinile: al suo interno un brano inedito e alcuni di questi nuovi arrangiamenti...».

So che state lavorando al quarto album: quando prevedi la pubblicazione?

«All’inizio del 2018...

Oltre al vostro ep, quali le prossime uscite di On The Camper?

«Poco prima del festival, il 7 aprile, uscirà il nuovo singolo dei Marquis Malanga. A giugno i Lonesome Southern Comfort Company registreranno il nuovo disco, ma la data di uscita è ancora da definire. Stesso discorso vale per i Viruuunga...».

Info: latessinoise.com

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
FOTO
STATI UNITI
1 ora

Will Smith mattatore all'anteprima mondiale di "Aladdin"

Insieme a lui c'era la sua famiglia al gran completo

FOTO E SONDAGGIO
MONDO
3 ore

Ecco quanta beneficenza fanno le star

Leonardo DiCaprio si impegna per la protezione del clima, Angelina Jolie per i migranti e Beyoncé lotta per la parità dei diritti: per loro ogni momento è buono per una buona azione

INTERVISTA
CANTONE
8 ore

"Salmo 23", viaggio nelle fobie e nelle paure del nostro tempo

In proiezione domani, giovedì 23 maggio alle 19, al PalaCinema di Locarno con ingresso libero, “Salmo 23”, il primo lavoro, un cortometraggio, del giovane attore e regista ticinese Silvio Akai

FOTO
FRANCIA
20 ore

Cannes è impazzita per Brad Pitt e Leonardo DiCaprio

Fan in attesa per ore per la prima mondiale di "C'era una volta a Hollywood" di Quentin Tarantino

STATI UNITI
21 ore

Rihanna cede al fascino di Lady Gaga

Smentendo di aver registrato una canzone con la collega, la cantante ha rivelato che le piacerebbe collaborare con lei

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report