In primo piano Christian Zatta. Dietro, da sinistra Alessandro Fiore, Florian Bolliger, Nicolas Struchen.
SVIZZERA/CANTONE
17.01.17 - 06:000

Christian Zatta, “in transito” tra prog e jazz

È stato pubblicato in questi giorni “Shifting Minds”, il primo album del giovane chitarrista ticinese Christian Zatta

LUCERNA-LUGANO - Conosciamo bene Christian, in particolare per i virtuosismi alla sei corde che ascoltiamo nelle produzioni dei Tipsy Road. E ora, parallelamente alla sua attività nella band hard-prog, con tre compagni d'avventura incontrati all'Hochschule di Lucerna, ha dato alla luce il suo primo album da solista: un concept interamente strumentale, suddiviso in nove tracce, in perfetto equilibrio tra progressive rock e jazz, nutrite da numerosi istanti di pura improvvisazione. Ammaliante sotto ogni aspetto, il disco è stato pubblicato nei vari digital store e in cd.

Christian, raccontami la nascita del progetto...

«Tutto è incominciato alla facoltà Jazz dell’Hochschule di Lucerna, dove attualmente studio, poco più di un anno fa. Per il bachelor dovevo dare vita a una band e scrivere delle composizioni che mi rappresentassero artisticamente. Dopo aver messo a punto i primi brani ho chiesto a tre   amici e compagni di prendere parte al progetto: Florian Bolliger (basso), Nicolas Struchen (batteria) e Alessandro Fiore (tastiere)».

Perché la scelta di un concept album, in tempi in cui la musica - purtroppo, direi - è sempre più liquida?

«Sono sempre stato un grande fan dei concept. Personalmente, credo che un disco non dovrebbe semplicemente essere una raccolta di brani: dal mio punto di vista, ritengo che debba racchiudere e raccontare una storia dall’inizio alla fine. In “Shifting Minds” qualsiasi elemento, grafico o sonoro, ha un legame con il tema principale della produzione».

Cosa troviamo alla base della storia?

«“Shifting Minds”, che è anche il nome della band, sono le due parole chiave del disco. Ogni brano racchiude l’espressione tradotta in musica di uno stato mentale o di uno stato d’animo, come i titoli stessi suggeriscono. Ogni composizione è il risultato di profonde riflessioni basate sul vissuto, mio o di persone a me vicine, e legato direttamente all’attualità e alla quotidianità. La grafica, a sua volta, realizzata da Tiziano Schuerch, rappresenta il concetto centrale, ovvero “mente”, “stati mentali”, “stati d’animo”, “transizione” e “cambiamento”».

Quali le maggiori influenze musicali, dal tuo punto di vista, confluite all’interno della produzione?

«Non è facile rispondere a questa domanda, poiché dovrei scegliere tra moltissimi artisti che apprezzo molto. Sicuramente, la musica di Frank Zappa, Steven Wilson e del trio Aristocrats sono stati una grande fonte di ispirazione nel mondo del progressive rock. Nel jazz, invece, citerei Pat Metheny, Al Di Meola e John McLaughlin. Ultimi, ma non per importanza, il contrabbassista Avishai Cohen e il pianista Tigran Hamasyan, ossia coloro che hanno segnato un’enorme svolta per la mia concezione di musica e di composizione: in pratica, mi sono letteralmente innamorato dei loro brani, cercando di comprenderli nel dettaglio».

Raccontami le registrazioni...

«L’album è stato registrato interamente a Lugano, all'inizio di agosto 2016, in un appartamento che abbiamo allestito per l’occasione. Il disco è stato registrato con  con un concetto "molto jazzistico", quasi live. Tant’è che per le diverse improvvisazioni presenti, il novanta per cento dei brani è stato inciso in presa diretta. Solo negli ultimi due giorni abbiamo fatto alcuni overdub di chitarra e tastiere. È stata un’esperienza indimenticabile, faticosa, ma stupenda: abbiamo lavorato praticamente 14 ore al giorno per cinque giorni, con l'obiettivo di registrare tutto nel tempo previsto. Successivamente, l'album è stato missato da Thierry Looser (colui che  ha anche inciso le tracce) nel suo studio nel canton Zurigo e masterizzato da Martin Ruch al Control Room di Berlino».

Quando è in programma la presentazione del disco in dimensione live?

«Per il momento abbiamo in programma un primo “warm up show” a Lucerna l’8 febbraio. Nel frattempo, sto anche organizzando un “release show” a Lugano e a Zurigo, ma le date, per il momento, sono ancora in via di definizione».

Info: christianzatta.com

 

 

 

Ingrandisci l'immagine
TOP NEWS People
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile