STATI UNITI
15.06.16 - 12:000

«Dopo la rissa con Justin ho perso il lavoro, ora voglio incontrarlo»

Il fan di Bieber distrutto (in tutti i sensi) dopo la scazzottata con il suo idolo: «non voglio doverlo denunciare»

CLEVELAND - Se vi dovesse capitare di fare a botte con qualcuno probabilmente non vorreste mai che il vostro avversario sia uno come Lamont Richmond: alto poco meno di due metri e dal fisico massiccio. Soprattutto se siete un 20enne abbastanza gracilino come Justin Bieber.

Eppure, settimana scorsa, Richmond con la pop-star canadese ha finito con lo scambiarci un cazzotto e una serie di spintoni. Il motivo? Lui gli aveva chiesto un autografo fuori dall'albergo, era uno suo fan, e il cantante di "Sorry" (sic) non l'aveva presa affatto bene e lo aveva aggredito a testa bassa.

«Questo è un periodo tesissimo per Justin», ha raccontato una persona vicina al suo entourage a People, «francamente si sapeva che prima o poi avrebbe "sbroccato"». Alla base di tanto stress il comportamento ossessivo dei suoi ammiratori: «capita spesso che gli buttino davanti alla faccia il telefonino per una foto o un selfie, spesso con tanta irruenza che sembrano quasi degli schiaffi o dei pugni». 

Di questi comportamenti «aggressivi» Bieber in passato si era spesso lamentato sui suoi account social finendo poi per cancellare in maniera definitiva gli incontri con i fan prima dei concerti: «lo lasciavano svuotato e fortemente depresso».

Insomma Richmond potrebbe essere stata la goccia che fa traboccare il proverbiale vaso. Dopo il pugno ricevuto in pieno volto l'uomo è riuscito rapidamente a immobilizzare Justin al suolo prima che intervenisse la security dell'hotel. Per lui un po' di fama sul web ma anche una quantità notevole di problemi: oltre a diverse minacce di morte online anche un inaspettato licenziamento.

Stando al portale Tmz.com ora l'uomo vorrebbe incontrare Bieber «per trovare una soluzione», fuori dal tribunale. Il documento formale, scambiato fra gli avvocati delle due parti, dichiarerebbe che «il signor Richmond è pronto ad ammettere la sua responsabilità nella vicenda solo se il signor Bieber farà lo stesso». Se Justin non accetterà l'incontro, però, potrebbe scattare una causa legale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
REGNO UNITO
2 ore
Carlo e Camilla festeggiano i 15 anni di matrimonio
La loro è una storia che parte da molto lontano. E ha saputo sconfiggere tutto, dal pregiudizio al coronavirus.
ITALIA
4 ore
Giallo a casa D’Urso: per chi cucina Barbara?
Alcuni video postati dalla conduttrice su Instagram scatenano i follower
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Stahlwerk, una spedizione collettiva ai confini del jazz
Il trio, del quale fa parte il bassista Francesco Rezzonico, ha pubblicato l'album omonimo.
ITALIA
15 ore
Anche Romina a Cellino, Al Bano sbotta: “Ma che triangolo!”
Lei ha raggiunto l’ex marito e la Lecciso nella tenuta pugliese
STATI UNITI
17 ore
Bruce Willis s'improvvisa parrucchiere da "quarantena"
In un video taglia i capelli a una delle figlie facendola sembrare l'ex moglie Demi Moore in "Soldato Jane".
VIDEO
STATI UNITI
19 ore
La quarantena come la prigione? I fan contro Ellen DeGeneres
La conduttrice presa di mira sui social per una battuta
VIDEO
STATI UNITI
21 ore
La figlia di Paul Walker condivide un video inedito del padre
«Non ho mai pensato che l'avrei pubblicato», confessa.
SVIZZERA
22 ore
I grandi festival musicali ci saranno, oppure no?
Una decisione da Berna «semplificherebbe molto le cose»
AUDIO
STREAMING
1 gior
Achille Lauro: il nuovo assaggio è “16 marzo”
Il trapper italiano si avvicina alla pubblicazione dell’album “1990” con un nuovo singolo
FOTO E VIDEO
STREAMING
1 gior
“Unhortodox”: una ragazza in fuga dalla sua religione
Basato sull'omonimo bestseller la miniserie di Netflix è un fenomeno dal successo sconvolgente, anche da noi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile