Immobili
Veicoli
Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero
CHIARA DUBEY
La copertina di "Strangers", il nuovo singolo di Chiara Dubey.
SAN BERNARDINO (GR)
22.07.21 - 09:300
Aggiornamento : 10:28

Guardarsi allo specchio e vedere uno straniero

"Stranger" è il nuovo singolo di Chiara Dubey, ma è anche l'inno del Floating Notes Festival che avrà luogo nel weekend

SAN BERNARDINO - È un singolo, "Stranger", l'ultimo della cantautrice ticinese Chiara Dubey. Ma è anche un inno, quello della prima edizione del Floating Notes Festival, rassegna di musica sperimentale che andrà in scena questo fine settimana (dal 23 al 25 luglio) nella suggestiva cornice di San Bernardino, nei Grigioni.

È stata quindi un'ottima occasione per parlare con Chiara, sia della kermesse che del suo nuovo brano, che esce oggi sui portali di streaming e negli store online.

Partiamo, una volta tanto, dalla copertina e da questo ritratto femminile incompleto: cosa rappresenta?
«Beh, "Stranger" è fondamentalmente una riflessione sul non conoscere se stessi, o meglio, sul re-imparare a conoscere se stessi. Ho vissuto proprio questo durante i mesi di lockdown, così come immagino molte altre persone. 
L’immagine dovrebbe rappresentare un autoritratto, ma incompleto, impreciso, confuso - come l’immagine che io avevo di me stessa. L’ho anche lasciato senza occhi - il che lo rende un po’ inquietante, lo so - soprattutto per rendere questo viso anonimo e “interrompere” il collegamento con l’anima di questa persona». 

Come è nato questo inno, creato appositamente per il festival?
«Mi è stato proposto di scrivere un pezzo che fosse ispirato al luogo. Ero lusingata che mi fosse stata chiesta una cosa così - a me! Così ci sono andata, quasi preparata e certa di come mi sarei sentita una volta arrivata: pregustavo l'aria che sa di neve e pensavo che, di certo, mi avrebbe suggerito di cercare sonorità glaciali, o insomma, qualcosa del genere. 
Invece è stato diverso. Quella visita ha avuto su di me un impatto più emozionale che sensoriale: la montagna è come parte di un rituale per me, una sorta di portale che mi permette di ritrovarmi, ogni volta, dopo un anno passato a perdermi». 

C'è una nota agrodolce...
«San Bernardino è stato il mio primo assaggio di montagna dopo un anno tutt'altro che frenetico. Un anno immobile, strano, impregnato da solitudine, dove molti di noi hanno dovuto riscoprire la compagnia di se stessi. Forse per questo motivo, arrivare a San Bernardino è stato - seppure io mi aspettassi un'idilliaca giornata di vacanza - un momento riflessivo, introspettivo, liberatorio. Ho pensato alle settimane trascorse in lockdown e alla stranezza dello stato in cui tutti ci siamo ritrovati».

Sembrerebbe quindi che la Chiara che è arrivata a San Bernardino non sia la stessa che è scesa a valle...
«Inizialmente l’avevo presa come una vacanza bizzarra, una pausa, invece è stato inquietante realizzare, abbastanza in fretta, che la persona con cui condividevo la casa (me stessa) era una perfetta estranea. Non mi conoscevo, non davvero, non più. Non c'era mai il tempo o lo spazio necessario per conoscere se stessi o anche solo ascoltarsi. Questo è un lavoro che richiede pazienza. 
La quiete improvvisa mi ha fatto rivolgere l'attenzione verso l'interno: potevo sentire i miei pensieri, sentire davvero ciò che sentivo. È stato come rincontrare una vecchia amica dopo tanto tempo e chiedersi "come abbiamo fatto a perderci di vista per tanto tempo?”». 

È stata una catarsi, riversare questa esperienza in un brano?
«Sì! È stato quasi un modo per chiudere un capitolo e voltare pagina con una nuova, ritrovata consapevolezza. E poi è stato bellissimo registrarla - con tutti i miei amici musicisti (mascherati) che non vedevo da tempo, visto che non c’erano concerti». 

In quale direzione ti stai muovendo, musicalmente parlando?
«Credo di essere ancora nello stesso universo (vasto) del mio album "Constellations" - un misto fra pop sognante, elettronica e neo-classica. Forse, soprattutto se guardo i miei brani in cantiere, le mie scelte stanno diventando un po’ più “coraggiose”». 

Cosa provi nel fare parte della prima edizione del Floating Notes Festival?
«Sono assolutamente onorata, sia io che il mio ensemble non vediamo l’ora di suonare. Sono sicura che saranno giornate magiche». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA / SVIZZERA
7 ore
«Neanche io all'inizio sapevo chi fosse l'assassino»
Joel Dicker ha presentato al Salone del Libro di Torino "Il caso Alaska Sanders"
FOTO
ITALIA
10 ore
«Finalmente abbiamo ricominciato a vivere»
Così Vasco Rossi all'indomani del concerto davanti a 120mila persone a Trento
STATI UNITI
1 gior
Margot Robbie nel prequel di "Ocean's Eleven"
Il film dovrebbe essere ambientato negli anni '60 e in Europa
REGNO UNITO
1 gior
Ed Sheeran è nuovamente papà
La secondogenita della popstar britannica è ancora una bambina
STREAMING E VIDEO
CANTONE
1 gior
Con "Stay" è iniziato il conto alla rovescia, per Alice Mondia
Nuovo singolo e videoclip per la cantante ticinese, che si prepara alla pubblicazione di "Shards of Glass"
FRANCIA
2 gior
Alessandro Borghi e Luca Marinelli, a Cannes l’inedita “uscita a quattro”
Fanno notizia i due riservatissimi attori in passerella con le rispettive partner  
ITALIA
2 gior
Marco Mengoni con le stampelle in tv: è giallo sull’infortunio
Il cantante si è esibito da seduto, poi non ha chiarito cosa gli sia accaduto
CANTONE
2 gior
Quella casa ad Ascona che accoglieva bambini in difficoltà e in fuga dalla guerra
La storia di Lilly Volkart raccontata da Mattia Bertoldi nel suo romanzo “Il coraggio di Lilly” da oggi nelle librerie
FOTO
FRANCIA
3 gior
Tutti pazzi per "Top Gun: Maverick"
È il grande giorno di Tom Cruise al Festival di Cannes
ITALIA
3 gior
Troppe stalker, Can Yaman costretto a cambiare casa
L’attore turco rimarrà a Roma: «La gente ha superato ogni limite»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile