Netflix
ITALIA
21.09.20 - 09:300

Con le squillo adolescenti di “Baby” anche l'Italia ha la sua hit su Netflix

La terza stagione delle avventure di Emma e Desirée, da poco disponibile, è un fenomeno non solo italofono

ROMA - È davvero un fenomeno internazionale che travalica i confini italiani la serie "Baby" di Netflix ispirata allo scandalo delle squillo minorenni della Roma bene di qualche anno fa.

Ideate e scritte dal collettivo grams* , le doppie vite di Chiara/Emma (Benedetta Porcaroli) e Ludovica/Desirée (Alice Pagani) così come le travagliate storie dei loro compagni di classe del Liceo Carlo Collodi, hanno conquistato soprattutto i giovani e non solo in Italia.

Se con l'altra grande scommessa romana di Netflix, “Suburra” la cosa era funzionata solo a metà con "Baby" invece si può dire che sia andata a buon fine: parlano chiaro le classifiche (è prima anche in Svizzera) ma anche l'interesse sui media internazionali.

A convincere sicuramente il tema forte della prostituzione minorile nell'alta società romana, ma anche quello del disagio giovanile in un presente sempre più pesante e difficile da gestire. Ciliegina sulla torta i visi puliti delle protagoniste e la colonna sonora decisamente azzeccata.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile