Keystone
Ellen DeGeneres
STATI UNITI
18.08.20 - 21:000

Saltano teste all'Ellen DeGeneres Show: «Non sono stata all'altezza»

Allontanati tre produttori accusati di molestie e di promuovere una «cultura della paura» tra i collaboratori.

LOS ANGELES - Saltano teste all'Ellen DeGeneres Show, uno dei più famosi talk show della tv americana. Tre produttori sono stati allontanati in seguito alle accuse d'intimidazioni, ritorsioni e molestie sessuali sul posto di lavoro mosse a loro carico.

Ellen DeGeneres, che conduce il programma dal 2003, ha annunciato queste partenze in una chiamata Zoom con il resto della sua squadra. La presentatrice 62enne è tornata a scusarsi per non aver saputo capire quanto stesse accadendo dietro le quinte e per essere sembrata ad alcuni lontana e distaccata.

«Sono una persona complessa, provo a essere la persona migliore che posso e imparo dai miei errori», ha affermato DeGeneres come riporta l'Hollywood Reporter. «Ho un po' la sensazione di non essere stata all'altezza perché sono concentrata sul programma, vado, faccio il programma e ho semplicemente lasciato che ognuno facesse il proprio lavoro», ha aggiunto.

Per l'attrice comica, il «problema» è che, dopo 17 anni, lo show è ormai diventato «una macchina ben oliata», ma la produzione di un programma non è come una macchina: «Sono persone. Sono esseri umani che lavorano duramente ogni singolo giorno per crearlo», ha sottolineato.

A essere allontanati dal talk show sono stati il produttore esecutivo Ed Glavin, il capo autore e produttore esecutivo Kevin Leman e il co-produttore esecutivo Jonathan Norman. Secondo le accuse di svariati ex collaboratori del programma raccolte da Buzzfeed, tutti e tre si sarebbero resi responsabili di molestie sessuali nei confronti di dipendenti.

Avrebbero inoltre promosso un ambiente di lavoro «tossico» e una «cultura della paura» all'interno della redazione. Secondo le accuse, i collaboratori potevano in particolare essere licenziati per errori minori, subivano ripicche per aver chiesto dei permessi per malattia o funerali ed erano esposti a battute ritenute razziste da almeno una ex dipendente. Almeno quest'ultima rimostranza non ha per il momento trovato riscontri nell'inchiesta interna che WarnerMedia sta per concludere.    

«Mentre crescevamo esponenzialmente non sono stata capace di seguire tutto e mi sono affidata ad altri perché facessero il loro lavoro come sapevano che volevo che lo facessero», aveva scritto Ellen DeGeneres alcune settimane fa in una lettera indirizzata ai suoi collaboratori. «Evidentemente qualcuno non lo ha fatto - aggiungeva -. Questo ora cambierà e mi impegno ad assicurare che questo non si verifichi più».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
3 ore
Anche Emily Ratajkowski si cimenta con gli NFT
Una foto che ritrae l'attrice e modella, con una storia particolare, è stata venduta per 140mila dollari
FOTO
PAESI BASSI
6 ore
Conto alla rovescia Eurovision: è l'ora delle prove
Tra una settimana è previsto il gran finale, ma si parte già martedì
REGNO UNITO
9 ore
È finita tra Gillian Anderson e Peter Morgan?
L'attrice e lo sceneggiatore avrebbero terminato la loro storia d'amore
REGNO UNITO
12 ore
Tre anni di carcere per Kevin Guthrie
L'attore britannico è stato condannato per aggressione sessuale
ITALIA
15 ore
Al Bano: «Romina e Loredana, fate pace»
Per il cantante l’ex moglie e la compagna non hanno ancora seppellito l’ascia di guerra 
STATI UNITI
1 gior
Le prime immagini della reunion di Friends
HBO ha pubblicato un breve video con le classiche note della sigla in sottofondo
ITALIA
1 gior
Antonino Spinalbese: «Belen la mia fortuna»
Le confessioni del compagno della showgirl argentina
STATI UNITI
1 gior
Infortunio a una gamba per Robert De Niro
L'attore, impegnato nelle riprese del film "Killers of the Flowers Moon" è tornato a New York per farsi visitare
STATI UNITI
1 gior
Harry, la vita da reali? «Come nel Truman Show o in uno zoo»
Il duca di Sussex ha dichiarato anche che avrebbe voluto lasciare la famiglia reale già a 20 anni
VIDEO
PAESI BASSI
1 gior
È questo l'inno degli Europei, firmato da Martin Garrix e (metà) U2
“We Are The People” esce proprio oggi e da qui a luglio la sentiremo parecchio, voi che ne pensate?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile