ITALIA
31.03.17 - 12:000
Aggiornamento : 14:46

Selvaggia Lucarelli: «Ecco chi mi ha querelato»

A rivelarlo è la stessa giornalista a Davide Maggio

ROMA - Selvaggia Lucarelli è famosa per non avere peli sulla lingua. La giornalista e scrittrice, molto seguita sul web, ha parecchi nemici, soprattutto fra i personaggi noti dello spettacolo che prende spesso e volentieri di mira nei suoi post ironici su Facebook.

In un'intervista con Davide Maggio la Lucarelli ha svelato di aver recentemente ricevuto tre querele da celebrità italiane. "Ho querele di D'Urso per un tweet ironico, Scanu per una battuta ironica sul pandoro con la sua faccia sulla scatola e, non ci crederai, scopro ora di una querela di Signorini. Mi ha querelata per un'intervista (tra l'altro bellissima) che ho fatto io a lui, celebrativa per i 20 anni del suo giornale. Ma è già stata richiesta l'archiviazione. Peccato, se mi arrestassero magari mi dedicherebbe una copertina come a Maso o a Corona, alcuni dei suoi eroi da copertina", ha rivelato.

Ma i guai legali di Selvaggia non finiscono qui: da alcuni anni va infatti avanti un processo relativo a presunte foto rubate ad Elisabetta Canalis in cui è coinvolta anche lei.

"Le cose che leggo sul processo Canalis sono incredibili e non posso difendermi, perché dopo 7 anni tra indagini e processi la difesa non è stata ancora ascoltata", ha spiegato.

"Dico solo: come mai nessuno mi ha mai chiamata per ascoltare la mia versione dei fatti? Strano, la controparte continua a lanciare strali, questo processo ha titoloni che neppure tangentopoli, ma non c'è un giornalista che si sia preoccupato di ascoltare la mia versione dei fatti o di scrivere non due titoloni ad effetto, ma quello che è effettivamente agli atti", ha continuato.

TOP NEWS People
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile