Keystone
STATI UNITI
28.04.21 - 12:000

Gli Oscar? Troppo noiosi e "democratici" per Trump

L'ex presidente statunitense non ha apprezzato la cerimonia degli Academy Awards. E ha voluto farlo sapere a tutti

PALM BEACH - Erano oltre 10 milioni, stando ai dati ufficiali, gli spettatori che domenica si sono sintonizzati per assistere alla cerimonia di premiazione degli Oscar. E tra questi c'era anche l'ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che però non sembra aver apprezzato la serata. E, in ossequio alla sua natura estroversa, ha voluto farlo presente a tutti quanti, con tanto di comunicato ufficiale inviato ai media.

Cosa non ha funzionato per Trump? A grandi linee si potrebbe dire tutto. Nel suo mirino sono finiti sia il format che il nome. «Quelli che un tempo chiamavamo gli Academy Awards e che oggi son conosciuti come gli Oscar, un nome assai meno importante ed elegante, hanno registrato gli ascolti più bassi della loro storia. Persino peggiori di quelli dell'anno scorso, che già avevano segnato un record negativo», ha rimarcato l'ex inquilino della Casa Bianca, auspicando un ritorno al passato, a «come erano 15 anni fa». In caso contrario, ovvero «mantenendo la formula attuale, la situazione è destinata a peggiorare ulteriormente».

La giuria dell'Academy aveva già pizzicato i nervi di Trump durante la precedente edizione, assegnando a Parasite, il capolavoro del regista sudcoreano Bong Joon-ho, la statuetta più ambita in assoluto. Questa volta però, l'ex presidente non si è espresso sulle scelte dei giurati, limitando il suo tiro al bersaglio alla confezione degli Oscar, troppo «noiosi e politicamente corretti» per i suoi gusti. E il discorso, dulcis in fundo, non poteva quindi che scivolare nella politica, con un attacco ben diretto agli ambienti della televisione e ai vertici dell'Academy, che «impiegano tutto il tempo possibile nel pensare a come promuovere il Partito Democratico, che sta distruggendo il nostro Paese, e cancellare conservatori e Repubblicani».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
12 ore
«Can Yaman? Diletta Leotta era legata a un’altra persona»
La giornalista Rai Paola Ferrari torna a sollevare dubbi sulla storia d’amore fra i due definita “costruita”
ITALIA
14 ore
Måneskin, il dramma segreto di Victoria
La nonna della 21enne bassista: «Ha visto morire la madre quando aveva solo 15 anni»
STATI UNITI
17 ore
Drake si ritira dai Grammy Awards 2022
L'artista non è più in corsa per il miglior album rap e per la miglior performance rap
Ticino/Zurigo
1 gior
Kings Elliot, la cantante svizzera che si sta affermando nel Regno Unito
Recentemente ha firmato un contratto con la Universal Music: «Da due mesi vivo grazie alla mia passione»
Stati Uniti
1 gior
Il fascino attuale della violenza: i 50 anni di Arancia meccanica
"Arancia meccanica", il capolavoro di Stanley Kubrick compie 50 anni.
ITALIA
1 gior
Belen e il suo clan sul lago Maggiore: manca solo Antonino
Il partner dell’argentina unico assente durante la mini-vacanza a Verbania
STATI UNITI
1 gior
È morta la produttrice Martha De Laurentis
Vedova di Dino ha lavorato a tantissimi film ed è nota soprattutto per il suo lavoro su “Red Dragon” e “Hannibal”
ITALIA
1 gior
Caterina Balivo: «Io e mio marito ci eravamo allontanati»
La conduttrice ha confessato la crisi di coppia attraversata con Guido Maria Brera
STATI UNITI
1 gior
Tom Holland vestirà i panni di Fred Astaire
Sarà il 25enne a impersonare il celebre ballerino in un film biografico
LUGANO
2 gior
"La magica pasticceria di renna Nevina", tra racconti e ricette
Il primo libro di Sara Scamara è appena arrivato nelle librerie ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile