Keystone
STATI UNITI
28.04.21 - 12:000

Gli Oscar? Troppo noiosi e "democratici" per Trump

L'ex presidente statunitense non ha apprezzato la cerimonia degli Academy Awards. E ha voluto farlo sapere a tutti

PALM BEACH - Erano oltre 10 milioni, stando ai dati ufficiali, gli spettatori che domenica si sono sintonizzati per assistere alla cerimonia di premiazione degli Oscar. E tra questi c'era anche l'ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che però non sembra aver apprezzato la serata. E, in ossequio alla sua natura estroversa, ha voluto farlo presente a tutti quanti, con tanto di comunicato ufficiale inviato ai media.

Cosa non ha funzionato per Trump? A grandi linee si potrebbe dire tutto. Nel suo mirino sono finiti sia il format che il nome. «Quelli che un tempo chiamavamo gli Academy Awards e che oggi son conosciuti come gli Oscar, un nome assai meno importante ed elegante, hanno registrato gli ascolti più bassi della loro storia. Persino peggiori di quelli dell'anno scorso, che già avevano segnato un record negativo», ha rimarcato l'ex inquilino della Casa Bianca, auspicando un ritorno al passato, a «come erano 15 anni fa». In caso contrario, ovvero «mantenendo la formula attuale, la situazione è destinata a peggiorare ulteriormente».

La giuria dell'Academy aveva già pizzicato i nervi di Trump durante la precedente edizione, assegnando a Parasite, il capolavoro del regista sudcoreano Bong Joon-ho, la statuetta più ambita in assoluto. Questa volta però, l'ex presidente non si è espresso sulle scelte dei giurati, limitando il suo tiro al bersaglio alla confezione degli Oscar, troppo «noiosi e politicamente corretti» per i suoi gusti. E il discorso, dulcis in fundo, non poteva quindi che scivolare nella politica, con un attacco ben diretto agli ambienti della televisione e ai vertici dell'Academy, che «impiegano tutto il tempo possibile nel pensare a come promuovere il Partito Democratico, che sta distruggendo il nostro Paese, e cancellare conservatori e Repubblicani».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
STATI UNITI
1 ora
Kanye West «sarà sempre la mia famiglia»
Kim Kardashian considera quello con il rapper «il suo primo vero matrimonio» e sarà sempre la sua «più grande fan»
ITALIA
3 ore
C'è Simon Cowell per i Måneskin?
Il discografico e creatore di X Factor potrebbe diventare il nuovo manager della band, secondo il New York Times
STATI UNITI
6 ore
Regé-Jean Page e le scene di sesso: «I miei non vogliono vedere troppo spesso il mio didietro»
L'attore di "Bridgerton" si è però detto soddisfatto delle reazioni del pubblico: «Grati per l'intensità delle storie».
GIUMAGLIO
8 ore
Domani è il giorno di "Destino"
Luis Landrini lancerà il videoclip su YouTube e presenterà il suo ultimo singolo in piazza a Giumaglio, con la sua band
CANTONE
11 ore
"Mappamundi", un cammino in una «terra infuocata di passioni amorose»
Un viaggio nello spazio e nel tempo nel nuovo album dell'ensemble di musica medievale e rinascimentale Greensleeves
ITALIA
21 ore
Paolo Bonolis, altro che crisi: sviolinata per la moglie Sonia
Il conduttore ha allontanato le voci di un matrimonio in difficoltà
ITALIA
23 ore
Maddalena Corvaglia e Paolo Berlusconi: il gossip impazza
La showgirl e il fratello minore dell’ex premier starebbero insieme
STATI UNITI
1 gior
Scarlett Johansson sul personaggio della Vedova Nera: «Ipersessualizzato»
L'attrice si riferisce alla prima apparizione di Black Widow nel franchise cinematografico Marvel
STATI UNITI
1 gior
Interpreta un personaggio gay, ma è etero: Michael Cimino minacciato di morte
Il giovane attore ha ricevuto svariati commenti negativi, anche all'interno della sua famiglia
ITALIA
1 gior
Cesare Cremonini dirigerà un film su Lucio Dalla
Non sarà un classico biopic musicale: racconterà il momento in cui il cantautore iniziò a scriversi i testi da solo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile