Keystone / AP
STATI UNITI
21.02.18 - 15:000

Il fenomeno “Black Panther”

Sfonda al box office, convince la critica e coglie l'attimo (politicamente parlando)

LOS ANGELES - Il successo di “Black Panther” appare inarrestabile. Il film Marvel e Disney diretto da Ryan Coogler, dopo aver fatto segnare il secondo miglior incasso di sempre nei primi quattro giorni di programmazione (242 milioni di dollari) e aver infranto il primato del miglior lunedì al cinema di tutti i tempi (con incassi per 40,2 milioni), continua a macinare record. I costi di produzione, pari a 200 milioni, sono ormai abbondantemente coperti: gli incassi mondiali sono già ben oltre i 420 milioni di dollari.

Per vari motivi "Black Panther" è più un fenomeno culturale che un semplice film di supereroi per il grande schermo. È stato un grande richiamo per il pubblico afroamericano ma anche per quello femminile (stando alle analisi dei biglietti staccati in questi giorni). Salvo rare eccezioni, la critica è entusiasta dell'opera e la considera il più pregevole prodotto dell'universo Marvel visto fino a oggi.

Si tratta del classico film di spessore che arriva al momento giusto: Cole e Coogler (il regista è anche sceneggiatore) sono riusciti a dare un taglio politico alla vicenda, che ben si sposa con quanto avviene nell'America di Trump. Un'opera che coglie il momento e offre infine una rappresentazione (molto rara, a Hollywood e non solo) di un supereroe nero. «Black Panther può essere un primo passo importante per sfatare il mito che per generazioni ha impedito a Hollywood di raccontare storie che non solo noi, ma anche il resto del mondo vuole vedere», ha spiegato Darnell Hunt, direttore del dipartimento di scienze sociali all'UCLA. 

Potrebbe interessarti anche
Tags
black
black panther
panther
film
fenomeno
TOP NEWS People
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report