Archivio Keystone
MONDO
21.03.17 - 21:120

Dal suo pericolosissimo veleno, un farmaco anti-ictus

Dal veleno del ragno dalla ragnatela a imbuto - uno dei più mortali al mondo - potrebbe arrivare una medicina d'emergenza che permette di limitare i danni cerebrali fino a 8 ore dopo l'attacco

ROMA - Dal veleno di un ragno australiano considerato forse il più velenoso al mondo - il ragno dalla ragnatela a imbuto - potrebbe arrivare un farmaco di emergenza da dare entro otto ore dall'ictus per limitare i danni al cervello e quindi proteggere il paziente da disabilità permanenti.

E' la promessa che arriva da una ricerca pubblicata sulla rivista PNAS e condotta da Glenn King della University of Queensland in Australia che afferma: «Crediamo di aver per la prima volta trovato un modo di minimizzare gli effetti del danno cerebrale dell'ictus».

L'ictus è responsabile di sei milioni di decessi all'anno nel mondo e lascia annualmente 5 milioni di pazienti con disabilità permanenti.

Gli esperti hanno isolato (dal veleno del ragno) e testato su animali la molecola "Hi1a" e visto che produce livelli eccezionali di protezione dal danno cerebrale, funzionando fino a otto ore dall'inizio dell'ictus e quindi lasciando ampio margine di intervento. La molecola "Hi1a" spegne delle sostanze che favoriscono la morte dei neuroni in caso di ictus.

Gli scienziati sperano di arrivare presto a delle sperimentazioni cliniche su pazienti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS People
ITALIA
32 min

Sabrina Salerno e Jo Squillo: «Siamo donne e mai vorremmo rinascere uomini»

Due icone sexy che hanno alzato la voce delle donne con una canzone diventata celeberrima. Oggi si raccontano parlando di corpi, del tempo che passa. E ovviamente di uomini... e qui sono dolori

VIDEO
ITALIA
3 ore

C'è un luganese a X-Factor che su YouTube ha fatto più di 1 milione di clic

Si chiama Renato Torre, ha 19 anni e viene dal vivaio della PopMusicSchool di Paolo Meneguzzi. Con una cover ha fatto letteralmente impazzire Sfera Ebbasta

STATI UNITI
6 ore

«Gli uomini? Mi hanno sempre ferita, ma non è per questo che oggi sono gay»

Parola di Cara Delevigne, che si è recentemente aperta sulla sua storia con Ashley Benson: «Prima di lei non lasciavo avvicinare nessuno»

ITALIA
19 ore

Barbara D'Urso: «Gli haters? Persone che soffrono. Non li leggo»

Sul recente incidente domestico: «Il mio corpo mi parla. Era un segnale per dirmi di rallentare»

STATI UNITI
1 gior

La corsa di Beep Beep e Willy il Coyote dura da 70 anni

Sono stati creati il 16 settembre 1949 dalla matita di Chuck Jones

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile