USI
13.06.14 - 07:000

Salute e sicurezza: ai confini del supercalcolo partendo dal Ticino

Il supercalcolo ha sempre più impatto sulla nostra quotidianità, e il Ticino è presente.

 

Il supercalcolo ha sempre più impatto sulla nostra quotidianità: le simulazioni aiutano infatti a prevedere i temporali, aumentare la sicurezza dei voli, migliorare i farmaci antitumorali. Un esempio: quando in un grande aeroporto gli aerei decollano in rapida successione, la “turbolenza di scia” che si forma tra uno e l’altro può rivelarsi pericolosa. I supercomputer permettono di simulare tali turbolenze riducendo al minimo i rischi, grazie alla modifica della forma stessa dei velivoli.

L’esempio deriva dal lavoro del prof. Koumoutsakos, esperto di moti dinamici di aria e fluidi dell’ETH Zurich, uno dei protagonisti della conferenza Pasc2014 tenutasi la scorsa settimana a Zurigo, che ha offerto uno sguardo trasversale sulla ricerca condotta in Svizzera grazie ai supercomputer. Pasc, acronimo di Swiss Platform for Advanced Scientific Computing, è un'iniziativa delle università svizzere, coordinata dall'USI in collaborazione con il Centro Svizzero di Calcolo Scientifico.

Una rete che ha il proprio fulcro in Ticino, con diramazioni che toccano i migliori centri di ricerca svizzeri. PASC mira a migliorare gli algoritmi di calcolo e le condizioni quadro che permettono di gestire in modo efficiente enormi quantità di dati, creando occasioni di incontro interdisciplinari in grado di portare nuovi approcci di ricerca in molteplici settori.

TOP NEWS USI
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report