USI
11.04.14 - 07:000
Aggiornamento : 24.11.14 - 18:09

Dalla Cina con furore... mediatico

Il "rinascimento" culturale cinese all'Usi i prossimi 5, 6 e 7 maggio.

 

“Le arti marziali sembrano brutali, ma quelle cinesi si nutrono di ideali, valori e benevolenza”. Il film Ip Man è un buon esempio del recente sviluppo dell’industria culturale cinese e dei suoi scopi. Pellicola che non ha nulla da invidiare a una produzione hollywoodiana e che non a caso è arrivata anche sul mercato occidentale, Ip Man esprime la nuova Cina impegnata ad accompagnare l’ascesa economica con forti investimenti in cinema, tv, musica, arte e letteratura, che mirano a ricostruire l’identità collettiva su valori e miti fondanti (come la resistenza all’invasione giapponese e gli ideali delle arti marziali al centro di Ip Man) e a migliorare l’immagine del paese nel mondo.

Strategie, linguaggi e contraddizioni di questo “rinascimento” culturale sono al centro delle ricerche dell’Osservatorio sui media e le comunicazioni in Cina dell’USI, che i prossimi 5, 6 e 7 maggio ospiterà tre lezioni aperte al pubblico tenute dal prof. Jiang Fei della Accademia cinese delle Scienze Sociali. Il ciclo permetterà di comprendere meglio, grazie a uno sguardo dall’interno, il nuovo “sogno cinese”, tra politiche di “soft power”, crescita dell’industria creativa e riflessi sulla società del nuovo scenario mediatico.

Per maggiori informazioni chinamediaobs.org , info@chinamediaobs.org

TOP NEWS USI
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile