SUPSI
13.11.18 - 07:000

Gli spazi informali come luogo dell'apprendimento

Intervista a Alicia Maggi, studentessa al secondo anno del Bachelor of Science SUPSI in Lavoro sociale

Chi sei?

Mi chiamo Alicia Maggi, frequento il secondo anno del Bachelor of Science SUPSI in Lavoro sociale.

Cosa ti ha spinto a scegliere questa formazione?

Il percorso universitario offerto dalla SUPSI ha il grande merito di coniugare insegnamenti teorici con approfondimenti pratici ed esperienze professionali di qualità. Non a caso sono sempre più
numerosi gli studenti desiderosi di intraprendere questa affascinante formazione con l’obiettivo di diventare dei professionisti del sociale.

Il Bachelor SUPSI in Lavoro sociale offre la possibilità di svolgere numerose attività didattiche sul territorio. Ci racconti un progetto a cui hai partecipato.

Le attività fuori dalle aule scolastiche (extra muros) sono un ottimo esempio di metodologie didattiche che mescolano approcci formali e informali, permettendo a noi futuri operatori e operatrici sociali di uscire dai luoghi normalmente deputati all'insegnamento per abbracciare lo
spazio pubblico e confrontarci davanti ad un caffè o all'interno di un cinema.
Ricordo con entusiasmo la lezione extra muros all'interno del Laboratorio di pratica professionale dove abbiamo assistito alla proiezione del documentario di Stefano Ferrari "Io, assistente
sessuale". Un documentario in grado di sfidare le rappresentazioni mentali e i tabù che influenzano ancora oggi il diritto alla sessualità delle persone in situazione di handicap. Una lezione che nasce con l'intento di stimolare il dibattito sull'etica, facendo emergere l'importanza di ideare nuove modalità di intervento e chiavi di lettura per comprendere la complessità della nostra realtà sociale e interagire con i bisogni della popolazione.

Un percorso formativo arricchente lungo tre anni, e poi?

Terminato il Bachelor vorrei lavorare con persone che hanno subito dei reati, in particolare nell'ambito delle violenze domestiche.

TOP NEWS Supsi
Supsi
1 anno
L’ingegneria civile, un sostegno per il prossimo
Intervista a Urim Qovanaj, laureando in ingegneria civile SUPSI
Supsi
1 anno
«Creare e vivere un personaggio sul palco»
Intervista a Saskia Simonet, studentessa Bachelor presso l'Accademia Teatro Dimitri di Verscio
Supsi
1 anno
La sharing economy al servizio degli utenti
Intervista a Fiorenzo Comini, fondatore di Jumparu, realtà che sta crescendo all’interno dello Startup Garage, un progetto promosso dal Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI
Supsi
1 anno
L'importanza di far scoprire i musei ai ragazzi
Intervista a Fosca Bugada, studentessa del Master in Insegnamento per il livello secondario I presso il Dipartimento formazione e apprendimento
Supsi
1 anno
Così è nata l'idea di "istruire" il pubblico prima dei concerti
Intervista a Marta Meszaros, studentessa del Conservatorio della Svizzera italiana
Supsi
1 anno
Ogni giorno, la migliore versione di me stessa
Intervista a Alessandra Contu, studentessa Bachelor in Architettura d'interni SUPSI
Supsi
1 anno
David Melendy. Non si è mai terminato di formarsi
Intervista a David Melendy, attore clown diplomato all'Accademia Teatro Dimitri
Supsi
1 anno
L’Ingegneria gestionale è l’unione perfetta tra matematica ed economia
Intervista a Eleonora Cavaterra, studentessa di Ingegneria gestionale alla SUPSI
Supsi
1 anno
Con la passione si realizzano i sogni
Intervista ad Alessandro Pagliuca, studente Bachelor in Architettura SUPSI
Supsi
1 anno
La persona al centro della professione di ergoterapista
Intervista a Stefania Agustoni-Moioli, responsabile del Bachelor of Science SUPSI in Ergoterapia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile