Fotolia
CANTONE
27.03.17 - 06:000

Mio padre gioca, ma non con me

Il racconto di un padre che gioca, visto con gli occhi della figlia

 

LUGANO - Tutte le sere ad aspettarlo sul divano. E non si poteva nemmeno iniziare a sedersi a tavola e mangiare. «Bisogna aspettare papà per cenare», diceva mamma. E io e mia sorella Giulia ad aspettare…ma ad aspettare cosa, poi? Appena papà entrava a casa, non erano sorrisi, non erano saluti, come nelle famiglie dei miei compagni di classe, «Ciao, come stai? Come è andata a scuola?». No. Erano silenzi, musi lunghi, senza capire perché.

E quando le giornate erano proprio storte, c’erano i litigi tra mamma e papà: «Ancora, Patrizio? Ma non ti rendi conto? Non abbiamo quasi più i soldi per mangiare. Io non ce la faccio più...». Ma nessuno a me, che avevo quattordici anni, diceva nulla.

Mamma e papà pensavano che non avessi capito nulla, la mamma cercava di far finta di nulla, faceva come se le cose andassero bene, ad ogni mia domanda cambiava discorso; papà invece, stava sempre zitto, non diceva nulla, era quasi sempre con la testa altrove….

Non era sempre stato così. Eravamo una famiglia normale, una volta. Finchè... Mamma e papà pensano che io e Giulia non abbiamo capito, ma noi abbiamo capito, anche se non ce lo diciamo. Io ho capito e penso che anche mia sorella, anche se è un po’ più piccolina di me, abbia capito.

Papà butta troppi soldi nelle macchinette. Io ne ho parlato con la psicologa che c’è a scuola, che mi ha spiegato che è una malattia e che si può guarire. Ci vuole l’impegno di tutta la famiglia e l’aiuto di specialisti.

Stasera ho deciso di parlarne con mamma. Dobbiamo tutti insieme fare qualcosa perché dalle malattie si può guarire e io rivoglio il mio papà a casa, la mia mamma sorridente e una cena in famiglia dove si può tornare a raccontare quanto ci succede nella vita di tutti i giorni.

TOP NEWS Storie di ossessioni
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile