PROGETTO GORILLA
07.08.13 - 07:000

Aiutiamo i pesci: dall'acqua alla tavola

Pratici e utili consigli per gustare al meglio questo delizioso alimento.

 

Il pesce non solo è buono, ma anche molto salutare grazie al suo contenuto di vitamine, minerali e acidi grassi Omega 3. Affinché un pasto a base di pesce si riveli un’esperienza piacevole e gustosa vi sono un paio di punti di cui è bene tenere conto già al momento dell’acquisto. Il pesce fresco si distingue per:

  • l’assenza di spiacevoli odori
  • la pelle lucida e argentata
  • le branchie di colore rosso chiaro e ben chiuse
  • le carni compatte ma elastiche
  • gli occhi trasparenti e di consistenza ben soda

Il pesce quindi è un alimento molto sano, putroppo però diventa un alimento sempre più raro e quindi è importante impeganrsi per la sua sostenibilità ed evitare sprechi inutili. Cosa fare per aiutare i pesci d’acqua dolce e salata?

  • Evitate di acquistare scorte di pesce fresco. Il giorno migliore per acquistarlo è quello in cui intendete cucinarlo. Si evita così il rischio di dover buttare del pesce non cucinato in tempo.
  • Imparare a cucinare bene il pesce può dare più gusto e anche contribuire a diminuire lo spreco. Del pesce, come per il maiale, non si butta via nulla, basta conoscere qualche ricetta e segreto. I pesci di grandi dimensioni (cernie, dentici, tonni e molti altri), hanno teste che quasi sempre vengono scartate, ma sono invece una fonte di qualità di carne e polpa, ottima per la preparazione di zuppe e ripieni. I pesci di piccola taglia invece sono una fonte di ritagli di carne del filetto (parte ventrale pregiata) che è ricca di grassi essenziali (omega 3) e ideale per insaporire e arricchire torte salate o paté.
  • Parti tradizionalmente di scarto del pesce come lische, pinne e persino la pelle sono gli ingredienti per la preparazione del "fumetto", un brodo ristretto di pesci, come scorfano, triglie e coda di rospo, che può essere utilizzato in molti modi: fondo di cottura per piatti di pesce, brodetto per risotti, o sugo per primi piatti ripieni di pesce.

Come fare il Fumetto di pesce:
Lavare con cura gli scarti del pesce (testa, lische e pelle), riporli in una teglia con olio, o burro e aromi (cipolla, porro, basilico, alloro, timo e carota) finemente sminuzzati e cuocere a fuoco vivo. Aggiungere qualche grano di pepe, e se gradito, alcuni funghi secchi. Una volta ultimata la cottura consumare subito o conservare in frigorifero ma solo per 1-2 giorni, o in freezer in piccoli cubetti congelati.

TOP NEWS Progetto Gorilla
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report