PROGETTIAMO.CH
25.01.18 - 10:300
Aggiornamento : 11:06

Lei è un altro paese

Babel Festival ed Edizioni Casagrande insieme per dare voce a uno scrittore emergente

BELLINZONA - Saleh Addonia è stato ospite a Bellinzona di Babel Festival di letteratura e traduzione, la nota manifestazione letteraria ticinese che propone da oramai diversi anni incontri con autori e traduttori e diversi eventi collaterali quali letture, concerti, workshop e proiezioni. L’edizione 2016, quella alla quale lo scrittore ha partecipato, era dedicata agli autori che hanno scelto Londra come città in cui vivere e l’inglese come lingua in cui esprimersi. Nato in Eritrea, Saleh Addonia ha lasciato il proprio paese dopo il massacro di Om Hajar del 1976 ed è cresciuto in un campo profughi in Sudan. Ha trascorso gli anni dell’adolescenza in Arabia Saudita ed è arrivato a Londra come rifugiato 20 anni fa, diventando in seguito cittadino britannico.

Oggetto dell’incontro a Babel è stato ovviamente (ma non solo) il suo primo libro, “Lei è un altro paese”.
Una raccolta di racconti, ironici e a tratti grotteschi, la cui vivacità, intensità e forza hanno spinto le Edizioni Casagrande e il festival Babel a volerla inserirla in traduzione italiana nella collana “Alfabeti Babel”, collana nata proprio dalla collaborazione tra la casa editrice e il festival.

Novità è anche la decisione di rivolgersi alla community e al crowdfunding tramite la piattaforma progettiamo.ch per raccogliere una parte dei soldi necessari alla produzione del libro. Per saperne di più sul progetto e per sostenerlo è sufficiente cliccare qui.

Articolo di Progettiamo.ch

TOP NEWS Progettiamo.ch
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile