PROGETTIAMO.CH
21.09.17 - 14:270

Le bellezze del Lago di Origlio attraverso l’obiettivo di Ely Riva

Il noto fotoreporter ticinese cristallizza in un libro quarant’anni di curiosità fotografica per il laghetto e avverte: “Un paradiso non ancora perduto”

 

Il laghetto di Origlio è un luogo conosciuto a tutti gli abitanti del Luganese e del Ticino. Grazie all’illuminazione che non disturba la vita degli animali selvatici, il laghetto può infatti essere visitato giorno e notte. Non tutti forse sanno però che è anche un luogo di straordinaria ricchezza naturale. Il noto fotoreporter ticinese Ely Riva ha documentato per quarant’anni con curiosità fotografica il laghetto, immortalandone nei suoi scatti la variegata fauna e flora. Ora, insieme all’editore Salvioni, ha deciso di dare alle stampe un libro fotografico: si tratta di 350 pagine per circa 400 fotografie che ritraggono e
testimoniano la ricchezza del meraviglioso laghetto, fedele al motto e alla sensibilità personale del fotografo di “parlare all’occhio che ascolta”.

Un libro però che porta un sottotitolo che vuole essere un grido d’allarme: «Un paradiso non ancora perduto». I 40 anni di fotografie raccolte nel volume testimoniano infatti purtroppo anche la perdita di fauna e flora subita dal lago, che in passato ospitava diverse specie vegetali e animali oggi scomparse. «Il laghetto di Origlio va rispettato e protetto soprattutto per la sua ricchezza di biodiversità», dice Ely Riva.

Per rendere realtà il libro fotografico è stata lanciata una raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding ticinese progettiamo.ch. Tra i ringraziamenti a disposizione di chi deciderà di dare un sostegno al progetto, anche fotografie autografate da Ely Riva. È possibile sostenere il progetto cliccando qui.

TOP NEWS Progettiamo.ch
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile