PROGETTIAMO.CH
28.04.17 - 10:250

Teatro del Tempo: Laboratorio Orfeo

La raccolta fondi prenderà il via il primo maggio

 

Dal 2004 La Via Lattea è sinonimo di un originale pellegrinaggio ecologico-musicale fra le arti, capace di unire la dimensione dell’ascolto al piacere del camminare in un intenso dialogo fra arte e natura. Così ogni anno il festival rinnova il proprio invito a confrontarsi con esperienze artistiche diverse ma anche a riscoprire il nostro territorio da una prospettiva inconsueta.

Prodotta dal Teatro del Tempo, La Via Lattea è divenuta col passare degli anni un appuntamento di rilievo nel panorama culturale ticinese. Nel 2008, l’Ufficio federale della cultura ha attribuito all’ideatore del festival, il compositore Mario Pagliarani, il Premio Meret Oppenheim per la mediazione culturale. La manifestazione, in effetti, ha saputo avvicinare la cultura – anche nelle sue espressioni più audaci e innovative – alla vita quotidiana, portando l’arte al di fuori dei luoghi classici di fruizione per raggiungere il proprio pubblico. Di anno in anno, appassionati di musica e delle arti in genere, amanti della natura, escursionisti, giovani, anziani e famiglie si danno appuntamento sui sentieri de La Via Lattea per vivere una nuova avventura.

A 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi, il Teatro del Tempo dedica La Via Lattea 14 al mito di Orfeo. Il titolo Il cammino di Orfeo indica sia un percorso nello spazio – nella suggestiva cornice del Parco delle Gole della Breggia (Mendrisiotto) – sia un percorso nel tempo: il mito di Orfeo dal Rinascimento ai nostri giorni. L’edizione 2017, che si svolgerà il 19-20 e il 26-27 agosto prossimo, nasce dalla collaborazione con la Fondazione del Parco nel comune intento di valorizzare il territorio e di favorire la sensibilizzazione ambientale della popolazione residente come pure della popolazione in transito. Come sottolinea Marco Torriani, direttore del Parco, quest’ultimo “offrirà un ambiente ricco di contenuti scientifici e storici, mentre la messa in scena artistica della Via Lattea farà vibrare la dimensione emozionale dei visitatori”. Oltre agli obiettivi strettamente “culturali” – mediazione culturale e diffusione della musica classica e contemporanea, ricerca di connessioni fra musica e altre discipline, scambi artistici con le altre aree linguistiche della Svizzera e altri paesi – La Via Lattea riconferma così la sua aspirazione ecologista e persegue i suoi scopi anche attraverso un’iniziativa specifica rivolta ai giovani.

Laboratorio Orfeo

L’esito estremamente positivo del Laboratorio Ligeti – ampio progetto pedagogico che lo scorso anno ha visto la partecipazione di circa 600 studenti delle scuole superiori cantonali e della SUPSI – ha spinto il Teatro a proseguire su questa strada con il Laboratorio Orfeo. L’idea è quella di proporre una Via Lattea “in miniatura”, concepita appositamente per gli studenti delle scuole medie e dei licei. Un percorso di circa tre ore, articolato in 7 Stazioni, che prevede la partecipazione di un attore e due musicisti (un fisarmonicista e un percussionista) e che verrà riproposto più volte nella seconda metà di settembre sempre all’interno del Parco delle Gole della Breggia. Il mito di Orfeo diventa così occasione per collegare in un’unica esperienza didattica musica, letteratura, scienze naturali ed educazione ambientale.

La raccolta fondi tramite il crowdfunding su Progettiamo.ch a sostegno del Laboratorio prenderà il via lunedì 1° maggio, dove potrete seguire tutte le interessanti novità in merito all’edizione 2017.

TOP NEWS Progettiamo.ch
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report