ITALIA
18.04.19 - 09:390

Barolo e Barbaresco

In viaggio nel cuore del Piemonte

Barolo e Barbaresco, tesori del Piemonte
Nomi certamente noti anche a chi non ha una profonda cultura del mondo del vino, questi due vini piemontesi rappresentano delle vere e proprie punte di diamante della produzione vitivinicola non soltanto regionale, ma italiana nel mondo.
Entrambi sono frutto della vinificazione del vitigno a bacca nera che, tra tutti, è certamente il più rilevante in questa regione: il Nebbiolo, da molti ritenuto non a caso il “Re del Piemonte”.

Figli dello stesso vitigno ma nati ad alcuni chilometri di distanza tra essi, entrambi derivano da uve coltivate esclusivamente in comuni indicati e certificati per garantire il marchio DOCG. Gioca poi un importante ruolo l’invecchiamento, di almeno 38 mesi (di cui 18 in botti di legno) per il Barolo, e di almeno 26 mesi (di cui 9 in botti di legno) per il Barbaresco. Periodi ancora più lunghi quando si tratta della versione Riserva come imposto dal disciplinare.

 

Barolo e Barbaresco: in cosa differiscono?
La magia del mondo del vino spesso si manifesta agli appassionati in piccoli dettagli, capaci però di generare grandi differenze a livello di prodotto finale: ciò accade anche per quanto concerne Barolo e Barbaresco, vini dalla matrice comune ma così diversi a livello di aroma, struttura e colore. Sebbene anche la cantina selezionata e il gusto personale possano giocare un ruolo importante nella degustazione di questi vini, generalmente il Barbaresco viene considerato più elegante, garbato, delicato e preferito dal pubblico femminile, mentre il Barolo denota sentori più intensi, ruvidi e decisi.

 

Tratti comuni e abbinamenti
Essendo entrambi grandi rossi di carattere, ben si accompagnano con carni di qualità: brasati, cacciagione e selvaggina nel caso del Barolo, carni rosse più tenere e pollame per quanto riguarda il Barbaresco. Il tutto senza escludere formaggi stagionati e, per rimanere in tema regionale, il tartufo.

 

Le Langhe: una produzione di grande qualità e varietà
La zona di produzione di Barolo e Barbaresco è quella delle Langhe, regione storica a cavallo tra le province di Cuneo e Asti, una regione nella quale nascono vini di qualità eccelsa (molti dei quali soggetti a certificazioni DOC e DOCG) e che al contempo garantisce un’ampiezza di offerta che non teme confronti: oltre ai due vini citati, la stessa area è infatti nota per la produzione di grandi varietà di Nebbiolo, Dolcetto D’Alba e Barbera D’Alba, per citarne alcuni.

Potrebbe interessarti anche
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile