Fotolia
LUGANO
17.01.18 - 07:000

Come abbinare il vino al cibo

L’arte e la passione nell’abbinamento dei vini e delle pietanze

 

LUGANO - L’arte di abbinare il cibo al vino ti permetterà di ottenere la giusta armonia del gusto, del sapore, dell’aroma e dell’intensità di quello che andrai a degustare. Non sottovalutare questa vera e propria arte, che si impara nel tempo, mangiando e bevendo bene.

Equilibrio nell'abbinamento

Il gusto è sempre personale ma è giusto cercare un certo equilibrio nell'abbinamento.
I sapori si abbinano fra loro per concordanza che si basano su parecchi elementi comuni che si esaltano a vicenda e capaci di amplificare i sapori, e per contrapposizione che accostano sapori opposti e portano ad un equilibrio grazie ai contrasti e quindi bilanciando gusti discordanti.

Il piacere del buon vino deve andare in crescendo, quindi in un pasto a più portate con vini diversi, il nuovo vino non dovrà mai farti rimpiangere quello che hai appena bevuto.

La temperatura corretta del vino

La temperatura di servizio è importante quando servi un vino abbinato ad una determinata pietanza. Anche se la scelta entro certi limiti rimane molto soggettiva, va ricordato che le percezioni si attenuano o si esaltano con il variare della temperatura.

Il bicchiere da vino

La scelta del bicchiere è altrettanto utile perché la forma influenza il gusto. La forma del calice influisce sull’intensità degli aromi, l’imboccatura su quanto vino raggiunge il vostro palato.

Un calice ampio e arrotondato, sprigiona più aromi grazie alla maggiore esposizione all’aria del vino. Un calice stretto, sprigiona una minore quantità di aromi per una minore esposizione all’aria del vino.

Le tipologie del vino

Conoscere le varie tipologie del vino, usando il bicchiere adeguato e servendo alla giusta temperatura di servizio (TdS) ti aiuta ad ottenere un buon risultato d’insieme.

Riassumendo possiamo catalogare i vini in questi gruppi:

  • Spumanti e frizzanti (TdS 4-8 °C)
  • Bianchi leggeri (TdS 4-8 °C)
  • Bianchi robusti; Bianchi aromatici (Tds 7-13 °C)
  • Rosati (Tds 7-13 °C)
  • Rossi leggeri; Rossi di medio corpo; (Tds 13-16 °C)
  • Rossi robusti (Tds 16-20 °C)
  • Vini da dessert (Tds 16-20 °C)

Il “corpo” è una caratteristica organolettica e separa i vini meno corposi da quelli più robusti.

Alcuni esempi di abbinamento cibo e vino

Abbinare i formaggi
Con un formaggio delicato o burroso come il brie, mascarpone o la mozzarella puoi abbinare un bianco leggero o robusto, rosato, rosso leggero.
Con un formaggio saporito e stagionato come il cheddar o il parmigiano puoi abbinare un rosso di medio corpo o robusto.

Abbinare il pesce
Con i molluschi come i crostacei o le vongole puoi abbinare spumanti e frizzanti ed anche un bianco leggero.
Con il pesce come il merluzzo o il branzino puoi abbinare un bianco leggero o robusto.

Abbinare la carne
Con le carni bianche come il pollame o il suino puoi abbinare un bianco robusto o aromatico ma anche un rosato o un rosso leggero.
Insaccati come il salame o le salsicce un rosso leggero, medio corpo o robusto.
Carni rosse come il manzo o il cervo un rosso di medio corpo o robusto.

Abbinare le verdure
Verdure verdi come i broccoli o la lattuga un bianco leggero
Legumi come le lenticchie o borlotti un buon rosso robusto
I pomodori, melanzane, patate, un rosso di medio corpo o robusto

Articolo scritto da SellWine

ULTIME NOTIZIE Wine & Smile
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report