CR
Nella cornice naturale
TIROLO
07.05.21 - 11:370

Castel Tirolo e la mecca dell’escursionismo

Un incantevole castello medievale che visse il periodo di massimo splendore grazie alla Duchessa di Carinzia

Il Dorf Tirol, villaggio di Tirolo, vicino a Merano si estende dal fondovalle sulla bassa terrazza montana del Küchelberg fino alla Spronser Seenplatte a 2’500 metri sul livello del mare e ha circa 2 mila abitanti. Il villaggio è caratterizzato dal suo paesaggio contrastante con cipressi, palme e oleandri nella valle e conifere e fiori alpini ad altitudini più elevate - non per niente conti e contesse sono rimasti estasiati da questi luoghi. Il clima qui è mediterraneo con relativamente poche precipitazioni e molte ore di sole, il che non di meno favorisce la coltivazione del vino.

Non solo la vicinanza al parco naturale Texelgruppe (Gruppo di Tessa), ma anche la rete ben sviluppata di sentieri con circa 70 chilometri di percorsi segnalati come il Meraner Höhenweg o lo Spronser Seenrunde rendono Tirolo una destinazione di vacanza popolare per gli amanti delle escursioni. Ovviamente non può mancare la visita al simbolo di Tirolo: il Castel Tirolo con il suo museo regionale.

La collina di Castel Tirolo era probabilmente già insediata in tempi preistorici, perché offre una vista senza ostacoli su tutta la conca di Merano. Le tre chiese paleocristiane scoperte qui dagli archeologi nel 1993 - una sopra l'altra - parlano anche di un insediamento permanente. Infine, i resti della più antica delle tre chiese risalgono al tardo periodo romano.

Grazie alla sua posizione strategica, la collina del castello fu presto utilizzata anche per scopi militari. Così, la prima costruzione del castello risale all'XI secolo. I suoi resti sono ancora visibili nelle cantine del castello di oggi. Una seconda fase di costruzione iniziò nel 1139 e nel 1140. È a questa fase che il castello deve il suo punto di riferimento attuale, il mastio quadrato, le cui mura sono spesse non meno di cinque metri.

Probabilmente la più importante delle circa 30 fasi di costruzione provate a Castel Tirolo è quella sotto il conte Meinhard II del Tirolo intorno alla metà del XIII secolo. Meinhard iniziò un'ampia opera di costruzione del suo castello ancestrale, fece ampliare la cappella e costruì anche un palazzo sul lato est. Oggi non esiste più, ma non è stato vittima di un assalto al castello, bensì della natura. Poiché la collina su cui sorge Castel Tirolo è tutt'altro che stabile e si sta sgretolando ai bordi, il palazzo è caduto nel "Köstengraben" (il fossato delle castagne) che corre a est del castello.

Fino al 1420, Castel Tirolo rimase il cuore della contea omonima, residenza dei sovrani tirolesi, tra cui Margherita del Tirolo. Solo con il trasferimento del capoluogo tirolese da Merano a Innsbruck, il castello perse questo ruolo centrale.

La vista del castello vi porterà a scoprire gli spazi, i luoghi, le sale occupate un tempo dai conti. Vi consiglio caldamente di salire sulla torre della memoria. Cosa successe nel periodo delle opzioni? Cosa significa l’autonomia per l’Alto Adige e come è organizzata a livello politico? Chi è interessato alla storia dell’Alto Adige/Sudtirolo nel XX secolo, non può perdersi la sua suggestiva presentazione nel mastio! La torre ospita dal 2003 una mostra permanente sulla storia dell’Alto Adige/Sudtirolo nel XX secolo. Dal 2016 è stato rinnovato l’allestimento museale, che spiega i collegamenti storici con l’aiuto di non meno di 400 oggetti. Vi costerà qualche goccia di sudore, ma l’appagamento intellettuale sarà importante.

La piattaforma posta all’ultimo piano del mastio, inoltre, offre uno spazio per il confronto con l’arte contemporanea. Qui vengono occasionalmente approfondite anche tematiche relative alla storia contemporanea.

Il mio viaggio alla scoperta di questa regione, a cavallo delle Alpi, non finisce qui. Dopo aver scoperto la città di Merano e ora Castel Tirolo, proseguirò il mio giro con la scoperta di un ristorantino davvero speciale e una casa vinicola molto innovativa.
Spero che la mia esperienza possa dare spunto a qualcuno per partire prossimamente, ora che la pandemia sta sfumando, nel Südtirol. Il primo articolo di questo reportage è stato pubblicato il 26 aprile.

Le regole attuali per accedere alle zone altoatesine sono: vaccinazione, esito di test negativo (molecolare o antigene), effettuato entro 48 ore prima dell'ingresso, ma valido per 72 ore a partire dalla mezzanotte dello stesso giorno o immunizzazione attraverso malattia Covid già riscontrata. In base alle nuove direttive italiane, entrate in vigore il 29 aprile, fino a metà maggio al turista è richiesta una quarantena di cinque giorni.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile