Dreamstime
Un grande parco d’attrazioni nel cuore dell’Europa
SVIZZERA
05.06.20 - 13:310

Abbiamo bisogno della Svizzera, sia in montagna che in città

Lanciata da Svizzera Turismo la nuova campagna promozionale estiva

ZURIGO - Riprendere fiducia nella Svizzera come meta di vacanza e di viaggio, rilanciare il turismo dopo la battuta d'arresto, questi sono gli obiettivi di Svizzera Turismo (ST) di quest'estate. "Ho bisogno della Svizzera", oggi più che mai, è il messaggio della straordinaria campagna estiva e cittadina che è stata lanciata oggi a Zurigo.

La ST ha lanciato oggi una straordinaria stagione estiva. Dopo mesi di stagnazione turistica, è ora tanto più importante stimolare in modo mirato la domanda di vacanze e di viaggi in Svizzera. Già oggi (da marzo a giugno 2020) mancano 8,7 miliardi di franchi di valore aggiunto del turismo e le prospettive sono fosche. Secondo il Centro di ricerca congiunturale KOF, fino al 50% di tutti i pernottamenti estivi mancano nelle città e fino al 20-30% nelle regioni di montagna. Sotto il titolo "Ho bisogno di vacanze. Ho bisogno della Svizzera". Per questo motivo, la ST lancia un appello emotivo su tutti i canali per le vacanze estive e le vacanze in città in Svizzera. Il target di riferimento è inizialmente costituito da ospiti e turisti locali in Germania e Francia, seguiti da altri paesi europei.
Gradualmente vengono rilanciate anche le attività pubblicitarie a livello mondiale. L'attenzione si concentrerà sulla promozione dell'intera varietà della Svizzera turistica. Si tratta di una delle maggiori offensive pubblicitarie globali che la ST ha lanciato negli ultimi anni. Il nuovo slogan 'Ho bisogno della Svizzera' è progettato per il lungo termine e continuerà ad essere utilizzato nei prossimi anni.

In considerazione dei gravi danni che la pandemia ha causato e in alcuni casi continua a causare nel turismo svizzero, il Parlamento si è pronunciato a favore di un sostanziale sostegno all'industria. Dei 40 milioni di franchi, 20 milioni andranno ai partner turistici per il soccorso, distribuiti secondo una chiave pragmatica: i partner turistici della ST riceveranno "crediti di marketing". L'altra metà dei fondi aggiuntivi confluirà direttamente nelle attività di marketing straordinario della ST sopra menzionate. Un terzo del denaro sarà utilizzato quest'anno e due terzi l'anno prossimo. Il 38% dei fondi sarà investito in Svizzera, il 35% in Europa e il 20% nei mercati esteri. Il restante 8% dei fondi confluirà in progetti speciali globali.

Non sarebbe meglio se le frontiere rimanessero chiuse, per evitare che gli svizzeri vadano all’estero? Per Martin Nydegger, Direttore di Svizzera Turismo, questa campagna non vuole rappresentare un messaggio di chiusura, ma un’occasione per far scoprire agli svizzeri (sperando di fidelizzali) l’unicità della nostra offerta. «Il successo del turismo svizzero non si basa su confini chiusi. Siamo sicuri di noi e ambiziosi. Avremo ospiti italiani, tedeschi, austriaci e francesi che torneranno in Svizzera. Il confine non è una strada a senso unico», ha affermato in occasione di una recente intervista.

Anche io darò un contributo a questa iniziativa andando prossimamente alla scoperta dei luoghi naturali, dei monumenti e delle attrazioni. Il mio ciclo, che prenderà avvio a fine giugno, s’intitolerà “Suisse Parc” perché è da sempre che considero la Svizzera un grande parco d’attrazioni a cielo aperto. Seguitemi nel tour.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile