Foto di Marius Dorin Balate
Presto ammainata la bandiera rossa?
MONDO
28.05.20 - 08:580

Tutti al mare: ecco dove troverete le spiagge aperte

Il quotidiano “Blick” svela le quindici destinazioni pronte ad accoglierci

Nella crisi del coronavirus, le vacanze al mare sono rimaste a lungo un sogno. Mesi di lunghe vacanze estive in luoghi lontani - non solo geograficamente. Improvvisamente, però, si è sviluppata una vera e propria corsa tra i diversi paesi. Hanno tutti un unico obiettivo: aprirsi il più rapidamente possibile e presentarsi come una destinazione sicura e attraente per i vacanzieri facoltosi.

Il paese sull'Adriatico, fortemente dipendente dal turismo, con le sue lunghe coste con numerose insenature e isole, preme per l'apertura dei confini europei. Sta dando il suo esempio: dal 9 maggio, gli stranieri che possono dimostrare di aver prenotato l'alloggio possono entrare senza test corona e senza requisiti di quarantena. Lo stesso vale per gli stranieri che viaggiano per affari, che si recano ad un funerale o che possiedono una proprietà o una barca in Croazia. Le autorità stanno anche lavorando a nuove regole per evitare un eccessivo affollamento sulle spiagge.

Il turismo è stato attentamente stimolato. Dal 15 giugno, i voli di linea internazionali inizialmente atterreranno solo all'aeroporto di Atene. Nei prossimi giorni la Grecia intende annunciare i paesi i cui cittadini non saranno più messi in quarantena per 14 giorni dopo il loro arrivo. A partire da luglio, ci saranno anche voli dall'estero verso le isole greche e altre regioni di vacanza in Grecia. Il turismo è un settore importante. Più di recente, 33 milioni di turisti hanno visitato la Grecia ogni anno. In Svizzera, le isole greche sono tra le destinazioni turistiche più popolari secondo un sondaggio del 2019 dell'Associazione svizzera dei viaggiatori. La Grecia ha uno dei tassi di mortalità più bassi associati al coronavirus.

Secondo il governo, quest'estate i francesi si rivolgeranno principalmente alle destinazioni turistiche nazionali. Entro la fine di giugno, la Francia vuole aprire gran parte delle destinazioni turistiche. Alcune spiagge sono già di nuovo accessibili. Il governo informerà presto sui prossimi passi. Grandi musei come il Louvre di Parigi sperano di riaprire a metà luglio. I musei più piccoli possono già ricevere visitatori. Caffè e ristoranti potrebbero riaprire dal 2 giugno in quelle regioni dove il virus è meno diffuso.

Secondo un sondaggio del tour operator Hotelplan 2019, la Spagna è stata la destinazione di viaggio estiva più popolare per i coniugi svizzeri. Nel fine settimana, il primo ministro Pedro Sanchez ha annunciato che le frontiere saranno aperte ai turisti stranieri a partire da luglio. «Garantiremo che i turisti non correranno alcun rischio e anche che non ci causeranno alcun rischio», ha detto in un discorso alla nazione. Il politico socialista non ha indicato date o piani precisi. Anche la gente del posto è ora in grado di viaggiare in altre regioni del paese fino alla fine di giugno. Tuttavia, Maiorca e altre note isole di villeggiatura possono sperare di ricevere un numero limitato di visitatori nazionali e stranieri forse prima. Le persone che hanno il permesso di entrare in Spagna nonostante le frontiere chiuse perché hanno una prima casa o un lavoro in Spagna devono passare due settimane in quarantena.

Il Portogallo vuole riaprirsi gradualmente al turismo straniero. L'associazione alberghiera AHP ha recentemente annunciato che la maggior parte degli hotel potrebbe riaprire a metà luglio. L'ente per il turismo vuole anche costruire la fiducia con un nuovo sigillo igienico all'insegna del motto "Clean & Safe". Le istituzioni turistiche possono richiederlo gratuitamente. Il rispetto delle norme deve essere controllato regolarmente. Grazie a una risposta tempestiva e a misure rigorose, il Paese sulla costa atlantica è stato molto meno colpito da Covid-19 rispetto alla Spagna, ad esempio. In Portogallo, il turismo rappresenta circa il 15 per cento della produzione economica. Nel 2019, il Paese ha registrato un totale di 27 milioni di ospiti.

Il paese è stato colpito dalla pandemia come nessun altro. E ancora: a partire dal 3 giugno, l'ingresso dei vacanzieri dall'estero sarà di nuovo consentito. I collegamenti aerei e ferroviari sono già in graduale aumento nel paese. E da giugno sarà di nuovo possibile viaggiare gratuitamente in Italia. Nella regione dell'Alto Adige gli hotel apriranno già a fine maggio. Città come Roma e Venezia, ma anche le isole e le zone costiere sottolineano che sono destinazioni sicure. In Italia, c'è la preoccupazione di perdere gli ospiti per altre destinazioni. In ogni caso, le regole sulla distanza dovrebbero essere applicate ovunque, gli ombrelloni sulla spiaggia dovrebbero essere abbastanza distanti tra loro. L'accesso regolamentato alle spiagge dovrebbe evitare che le persone si sdraino troppo vicine al sole. I buffet negli hotel sono vietati.

L’Egitto è una destinazione di viaggio popolare per gli europei. Non è chiaro quando la normalità tornerà in località di villeggiatura come Hurghada e Sharm el Sheikh. Gli hotel sono ora autorizzati a riaprire per gli ospiti locali al 25 per cento di occupazione e dal 1° giugno al 50 per cento di occupazione. Tra le altre cose, gli operatori devono fornire il disinfettante all'ingresso e disinfettare i bagagli degli ospiti all'arrivo e alla partenza. Gli esperti stanno rilasciando un certificato, per il quale finora hanno fatto domanda circa 170 hotel. All'aeroporto del Cairo, le nuove termocamere ad infrarossi servono a verificare se i viaggiatori hanno la febbre. Per i turisti provenienti dall'estero, invece, le frontiere sono ancora strette.

La Turchia sta gradualmente rilassando le misure di corona e si sta preparando ad aprirsi al turismo. Alla fine di maggio il Paese prevede di avviare il turismo interno e spera di accogliere ospiti internazionali a giugno. Agli hotel e ai ristoranti si applicano le rigide condizioni di corona. Ad esempio, devono essere rispettate le norme sulla distanza e l'igiene, e il personale deve ricevere una formazione sulla pandemia. Dopo l'apertura per i voli internazionali, i test corona saranno effettuati ai valichi di frontiera, ad esempio all'aeroporto di Antalya. La compagnia aerea parastatale Turkish Airlines ha prolungato lo scalo per i voli internazionali fino al 1° giugno.

Il 16 marzo la Germania ha introdotto i controlli di frontiera per le persone che entrano nel Paese dalla Svizzera e più tardi una recinzione ha addirittura separato i due Paesi tra Kreuzlingen e Costanza. Questo recinto è stato smantellato di nuovo. Tuttavia, attualmente, l'attraversamento del confine è consentito solo se si può dimostrare un motivo per la visita, come ad esempio la visita di familiari. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha recentemente espresso la fiducia di poter revocare l'attuale avviso di viaggio, almeno per l'UE, a metà giugno. Secondo la consigliera federale Karin Keller-Sutter, vi è un vivace scambio con le autorità tedesche su questo tema.

Ci sono molte cose che suggeriscono che i vacanzieri potranno recarsi in Austria a partire da metà giugno. Gli hotel e le strutture ricettive possono riaprire a partire dal 29 maggio - e saranno applicate solo restrizioni minori. Ad esempio, non è richiesta alcuna distanza di sicurezza all'interno di un gruppo di viaggio, i buffet sono consentiti con particolari precauzioni igieniche e possono essere utilizzati anche i servizi benessere dell'hotel. Per garantire la sicurezza degli ospiti, il governo austriaco ha annunciato una maratona di prova. Dall'inizio di luglio saranno disponibili fino a 65'000 test a settimana, soprattutto per i dipendenti degli alberghi. Finora l'Austria ha registrato relativamente pochi casi di Covid- 19.

L'isola dell'Atlantico settentrionale, fortemente dipendente dal turismo, prevede di allentare le restrizioni sui turisti fino al 15 giugno. Finora, tutti coloro che vengono in Islanda devono rimanere in quarantena per due settimane. Ma il governo islandese vuole offrire presto un'alternativa.

La Svezia ha scelto un approccio diverso al controllo della corona rispetto al resto d'Europa. Scuole, ristoranti e alberghi non sono mai stati chiusi. La Svizzera continua a volare verso Stoccolma. Gli svizzeri possono entrare in Svezia senza problemi. Questo dovrebbe rimanere il caso nei mesi estivi.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile