Una grattatina a me, benessere a te
LOCARNO
17.01.20 - 14:570

San Bernardo, tra simbolo turistico e cane terapeuta

Tornano a Locarno gli incontri «Un’ora di coccole con Magnum»

LOCARNO – Nel 2017 il cane San Bernardo è stato eletto dal pubblico, animale simbolo della Svizzera e lo scorso anno è persino entrato a far parte del patrimonio immateriale dell’UNESCO. La Fondation Barry, nata 15 anni fa per garantire un futuro alla razza svizzera più famosa al mondo, oltre a gestire in Vallese un allevamento ed il museo Barryland a Martigny, da alcuni anni forma i suoi cani a interventi nel campo sociale.

Sabato 18 gennaio, dalle ore 10 alle 11, il cane San Bernardo Magnum incontrerà il pubblico presso la sede della Fondation Barry a Locarno (Piazzetta de Capitani 10, dietro al Municipio cittadino) offrendo un momento di “coccole” a grandi e piccini. «Normalmente Magnum esce per incontrare i residenti delle case di riposo. Attualmente abbiamo in programma interventi ad Ascona, Locarno, Muralto e Cevio. Questa volta, invece, sarà la gente a recarsi dal cane San Bernardo per un momento di ‘terapia’ o semplicemente di ‘ contatto e benessere’ ». L’incontro offre pure la possibilità al pubblico di informarsi sulle attività promosse da questa istituzione svizzera nata in Vallese.

L'origine del cane San Bernardo è carica di leggende e racconti. Forse la razza è il risultato di un incrocio di cani delle Alpi con mastini, terranova, danesi. Comunque questi cani sono apparentati. La loro più antica menzione risale al 1708, ma è certo che l'ospizio li allevava e possedeva prima del 1700. Per lungo tempo, preziosi aiutanti dei religiosi per il loro servizio in montagna, questi cani certamente hanno contribuito molto a dare un'immagine popolare dell'Ospizio e della sua missione nei confronti dei viandanti. Leggendario cane delle nevi, il buon San Bernardo, con le mascelle pendule e dal mite sguardo affettuoso con i suoi occhi grandi e profondi segno inequivocabile di un'immensa dolcezza. Usato prevalentemente a pelo corto, per i salvataggi, il cane oggi all'Ospizio oltre a restare, simbolo dell'amicizia e della dedizione vengono ingaggiati nel settore sociale e ora da questa estate quali ‘guide’ di passeggiate e trekking.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch

Link utile: www.viaggirossetti.ch

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile