Foto di Ivan Vander
MONDO
10.02.19 - 07:000

Visitare le città dall’alto, come Mary Poppins

Una formula alternativa alla classica guida, nata a Stoccolma, ha conquistato le città europee

 

MILANO – Una nuova forma di visita guidata: anziché seguire la ‘bandierina’, in carne ed ossa, da una attrazione all’altra, si scalano torri, campanili e palazzi per ripercorrere dall’alto la storia di una città. A Stoccolma, per esempio, ci si mette persino in cordata con tanto di casco (niente per coloro che soffrono di vertigini). Vi propongo alcune alternative accessibili a tutti noi!

Valencia è una destinazione adatta a tutti: ha un cuore pieno di storia, un polmone verde che la attraversa e un occhio futuristico. Girando la città, si scoprono che esistono diversi punti panoramici da cui ammirare Valencia dall’alto. Per esempio il campanile della cattedrale di Valencia, nonché uno degli emblemi della città. Si affaccia su Plaza de la Reina e per salire dovrete fare ben 207 scalini a piedi seguendo la scala a chiocciola che salendo, diventa sempre più stretta. La parte divertente è proprio quando incontri qualcuno che va nel senso opposto! La salita è impegnativa, ma una volta arrivati in cima potrete osservare tutta la città da 50 metri d’altezza.

Poi c’è, per esempio, Torino. La configurazione architettonica del capoluogo piemontese è molto particolare, a tratti unica in Italia. Città della nobiltà italiana, dimora della casata Savoia, Torino mantiene ancora oggi nella sua architettura la bellezza e l’ordine di un tempo. Se volete ammirare i palazzi, gli stradoni, i portici, i monumenti e le chiese di Torino dall’alto, allora secondo me non dovete perdervi la Mole Antonelliana. Un grande classico, caro ai torinesi, è il panorama che si può godere una volta saliti in cima all’edificio simbolo della città. Grazie all’ascensore panoramico arriverete fino al cosiddetto “tempietto” da cui potrete vedere Torino in tutto il suo splendore e a 360 gradi: la Gran Madre, il Monte dei Cappuccini, Piazza Vittorio Veneto.

Un classico invece è il Campanile di Piazza San Marco a Venezia. La torre è alta 99 metri (è la quarta più alta d’Italia) e si risale comodamente in ascensore. Dalla cella campanaria la visuale sulla città è mozzafiato e in molti sostengono che sia la migliore. A scoraggiare i turisti, tuttavia, sono le interminabili code all’ingresso e molti vi rinunciano per dedicare più tempo alla visita della città. Una soluzione salta code, tuttavia, c’è. Da qualche tempo sono disponibili i biglietti con servizio di accesso senza coda. Chiaramente, l’orario dovrà essere pianificato e viene richiesto un sovrapprezzo. Il servizio è attivo dal 1 aprile al 31 ottobre.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile