MONDO
20.03.18 - 07:000
Aggiornamento 21.03.18 - 10:53

Trend 2018: crociere fluviali, la Colombia, gli USA e…

Ecco le destinazioni preferite per il 2018

 

La nuova stagione dei viaggi è all’orizzonte, è quindi un buon momento per anticipare le tendenze per il 2018. Le crociere, specie quelle fluviali, restano amatissime dai viaggiatori. Per esempio da Mosca a San Pietroburgo lungo la Via degli Zar, il Danubio Blu o il Romantico Reno, la formula dell’hotel galleggiante con tutti i comfort funziona. Le crociere fluviali uniscono in modo impeccabile la navigazione rilassante immersi nella natura a momenti di svago, intrattenimento e approfondimenti culturali tra i tesori d’arte nascosti nelle città storiche. Leggermente meno richieste quelle classiche sul Mediterrarneo, questo soprattutto per una sovrabbondanza di navi, di cabine… di concorrenza.

Grazie agli accordi di pace tra il governo e le Farc, la Colombia si sta trasformando in un paese giovane e ambito dagli ‘esploratori’ di tutto il mondo. Un paese dei mille particolarismi. Primo fra tutti, quello etnico, frutto della fusione di amerindi, discendenti di coloni spagnoli  e schiavi africani. E poi quello paesaggistico, dato dal fatto che la Colombia è l’unico Paese sudamericano ad affacciarsi, con le sue spiagge bianchissime, sul Mar dei Caraibi, mentre al suo interno ospita la foresta amazzonica e una parte della Cordigliera delle Ande. Come tutti i popoli latini, anche i colombiani stupiscono i viaggiatori per la loro ospitalità e la passione irrefrenabile per il ballo e per i ritmi caraibici. Una geografia che permette un aperitivo su una spiaggia caraibica dopo una giornata sulle piste sulla Sierra Nevada de Santa Marta.

Gli operatori prevedono anche una ripresa degli Stati Uniti, in barba alla politica delle barriere praticata dalla Casa Bianca, in particolare della Florida e la costa del golfo del Messico con Clearwater et St. Petersburg. L’Africa, in particolare la Namibia e la Tanzania, resta un continente che non perde il suo fascino in modo particolare per i suoi immensi parchi nazionali. I big five e il Kilimanjaro sono anche quest’anno in pole position.

Aumenteranno, in base al sondaggio fatto presso esperti e agenzie, anche coloro che resteranno a casa, rinunciando ai pacchetti ‘all inclusive’ e ai voli transatlantici. Come non dare ragione a coloro che vogliono scoprire i preziosi tesori sull’uscio di casa, in auto oppure a piedi. Ce n’è per tutti i gusti e su questo tema tornerò presto.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Per saperne di più: newsblog@viaggirossetti.ch

ULTIME NOTIZIE Viaggi & Turismo
Copyright ©2018 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report