Freepik / Rawpixel.com
Target
22.07.21 - 08:000

Conversational Marketing: non solo comunicazione, ma dialogo

Lo scambio di feedback tra cliente e brand è al centro di questo approccio orientato a creare relazioni di valore

La comunicazione non è fatta soltanto di parole, ma anche di gesti, di immagini, di suoni, di silenzi. È un mondo che ci appassiona da sempre perché in grado di mettere insieme tanti aspetti diversi dell’essere “animali sociali”, incoraggiandoci a conoscerci meglio e conoscere meglio chi abbiamo di fronte.

Senza dialogo, non sappiamo se la comunicazione stia andando a segno in maniera efficace, qualsiasi sia il messaggio che stiamo cercando di veicolare. Oggi esistono trend del marketing, digitale e non, che si concentrano proprio su questo aspetto, sottolineandone l’importanza e la validità. Uno di essi è il Conversational Marketing: scopriamo insieme di cosa si tratta.

 

Che cos’è il Conversational Marketing?

Il Conversational Marketing, sostanzialmente, è un approccio al marketing che pone la conversazione tra il consumatore e l’azienda, il professionista o il retailer al centro dell’attenzione, come obiettivo primario da raggiungere.

Questo suo focalizzarsi sul dialogo, coinvolgendo sempre attivamente tutti gli interlocutori, permette a chi lo pratica di costruire relazioni solide e di valore con i clienti, personalizzando la comunicazione e ascoltando le loro necessità.

Ma cosa significa adottarlo, nella pratica? Quali sono gli strumenti attraverso cui possiamo fare Conversational Marketing? In primis, i social media e i loro sistemi di messaggistica istantanea: ti sarà capitato, da utente, di richiedere informazioni su un prodotto o un servizio direttamente alle pagine che segui. Quell’occasione, per un brand, è già una finestra per fare Conversational Marketing, durante la quale un social media manager o un community manager risponderà alle domande degli utenti stabilendo una conversazione sincera e umana.

Meno “calda”, ma spesso ugualmente efficace, se ben pianificata, è la scelta di un chatbot, che con il progresso dell’intelligenza artificiale sta diventando sempre più gettonata: il vantaggio è un risparmio di tempo e risorse con una disponibilità 24/7, ma, come detto, la conversazione che stabilisce potrebbe non stimolare lo stesso avvicinamento tra impresa e cliente del dialogo con una persona fisica dall’altra parte dello schermo.

 

Come possiamo renderlo efficace?

Non basta organizzare un chatbot e qualche risposta automatica su Facebook per far sì che questo approccio porti dei frutti duraturi.

Innanzitutto, non dimenticare mai che quelle con cui hai a che fare sono persone, non semplici e piatti profili su un social o un sito web. E in quanto persone, spesso desiderano sinceramente essere coinvolte: quanto spesso senti parlare di engagement e interazioni? Per l’attività che svolgi online sono aspetti fondamentali del rapporto con i clienti, che con i giusti stimoli saranno portati a sentirsi “parte di qualcosa”, e dimostreranno questo senso di appartenenza facendo acquisti presso i brand a cui si sentono più legati.

Un’altra premura da tenere in considerazione è la ragione per cui, se si sceglie di utilizzare un chatbot automatico, è bene curare al meglio le risposte senza farle sembrare troppo artificiose. Oltre a essere coinvolte, infatti, le persone apprezzeranno molto l’essere comprese e ascoltate: una risposta personalizzata, esauriente, precisa, che colga appieno la domanda che l’utente pone, nonché il suo stato d’animo, è sicuramente più efficace di un feedback frettoloso. Fondamentale anche, compatibilmente con le risorse a disposizione, la celerità con cui si risponde: a nessuno, specialmente online, piace attendere troppo.

Ricorda di essere disponibile e cordiale: non sarà sempre facile e richiederà qualche accortezza in più, ma è un altro aspetto da cui dipende la buona riuscita delle conversazioni che andrai a creare con i tuoi follower. In questi casi, investire un po’ di tempo in più vale sempre la pena.

 

Da esperti del settore, ci piace osservare e testare tutti questi trend, che prosperano proprio perché il marketing digitale è uno dei pochi ambiti in cui la creatività e la flessibilità sono fondamentali. Gli strumenti di cui abbiamo parlato - social media, chatbot, live chat e simili - sono tutti strettamente legati all’ambito digitale e, in parte, anche all’intelligenza artificiale, una delle grandi tendenze tecnologiche del nostro tempo.

Non è semplice conoscere questi tool e utilizzarli nel migliore dei modi, così come non sempre è facile capire quali siano i limiti delle tecnologie e dove sia più opportuno un intervento al 100% umano. Per le attività che volessero imbarcarsi in un’avventura di questo tipo, l’aiuto sicuramente non manca: contattaci per una consulenza gratuita, e analizzeremo insieme le strategie migliori per far prosperare il tuo business.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo
Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?
Target
5 gior
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 sett
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
2 sett
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
3 sett
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
Target
1 mese
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
1 mese
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
1 mese
Aumentare le vendite online curando lo ZMOT: che cos’è il Momento Zero della Verità
Le regole di base da seguire per trarre il meglio quando un potenziale cliente si informa su di noi
Target
2 mesi
Come curare la propria immagine sul web
Come ci presentiamo, offline e online, fa la differenza: ce lo ha raccontato Michele Di Paolo, consulente d’immagine
Target
2 mesi
Parola d’ordine? I termini più persuasivi del copywriting
Scopriamo insieme come e perché alcune espressioni incoraggiano a compiere determinate azioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile