Freepik
Target
22.02.21 - 15:350
Aggiornamento : 16:34

Rendere i clienti protagonisti della propria storia: cos’è, come e quanto funziona lo Storydoing

Dal successo dello Storytelling e dalle generazioni più giovani emerge un nuovo, efficace trend del marketing

A cosa è dovuto il successo che lo storytelling ha raggiunto in comunicazione negli scorsi anni? Una cosa è certa: ha ampiamente dimostrato che gli utenti con cui ci relazioniamo ogni giorno sono esseri umani a tutti gli effetti. E per fortuna!

La chiave di volta introdotta dallo storytelling, concetto nato negli USA ormai più di 20 anni fa, è basata proprio sul valorizzare l’umanità: raccontare storie e diventare narratori, per accertarsi di essere sullo stesso piano dei propri interlocutori, coinvolgendoli emotivamente.

Amare le storie, specialmente quando ci riconosciamo nei personaggi che contengono, fa parte della nostra natura, fin da quando eravamo bambini. Essere bravi narratori significa creare legami, stabilire connessioni tra coloro che raccontano e coloro che ascoltano. Come utenti e consumatori, infatti, così anche i brand hanno potuto portare in superficie il proprio aspetto umano, valorizzando le persone che stanno dietro a un logo, a un prodotto, e a un servizio, nonché la loro storia e il loro percorso.

Tuttavia, mentre i tempi corrono e il mondo cambia, soprattutto grazie al digitale, sappiamo bene che adagiarsi su una strategia invariata non gioca mai a proprio favore. Lo storytelling ha ancora un grande appeal proprio dal punto di vista strategico, ed è tuttora efficace su determinati target. Ma è ancora sufficiente?

Il dilemma sorge soprattutto quando aziende e business devono rivolgersi alle fasce di pubblico più giovani, appartenenti alla cosiddetta Generazione Z: tutti coloro che sono nati approssimativamente dal 1997 al 2010. Questi utenti, ormai, non si sentono più coinvolti semplicemente ascoltando, ma vogliono essere attivi nel loro rapporto con i brand.

È in questo contesto che è nato - e cresciuto - il trend dello “storydoing”.

 

Che cos’è lo Storydoing?

Lo Storydoing si differenzia dallo Storytelling perché punta a rendere l’utente proattivo. Mentre lo Storytelling è una narrazione unilaterale, lo Storydoing è una tecnica di comunicazione che permette ai consumatori di attivarsi, dando un contributo, quasi lavorando insieme all’azienda che li ha coinvolti nella propria strategia.

La comunione che ne nasce è un risultato di grande valore. Le aziende evitano di sfociare nell’autoreferenzialità, mettendosi eccessivamente al centro della propria strategia, in un momento storico in cui è opportuno fare l’opposto, mettendo al centro i clienti. Gli utenti, d’altro canto, sono investiti di un nuovo valore e non sono relegati ad essere ricettori passivi di messaggi pubblicitari.

Nell’incoraggiare delle azioni da parte del pubblico, lo Storydoing stimola anche la diffusione del messaggio, spingendo gli utenti a seguire un esempio, creando un’azione potenzialmente virale a dipendenza delle risorse che si hanno, e dell’interattività del pubblico che ci si trova di fronte.

Ne nascerà una significativa empatia tra clienti e brand, il quale potrà consolidare la propria community, valorizzando gli interessi, il comportamento, le leve che contraddistinguono le persone che la compongono.

 

Un esempio di Storydoing: Red Bull

Red Bull ha sempre raccolto le sfide del marketing contemporaneo, distinguendosi per le sue idee brillanti e per la fedeltà al suo intramontabile slogan: “ti mette le aaaaaali!”.

È proprio da questo punto fermo che parte una linea di comunicazione coerente e divertentissima, che porta il marchio austriaco a essere uno degli sponsor più presenti in numerose manifestazioni sportive nelle discipline più estreme, nonché proprietario di ormai numerosi team calcistici nel Mondo.

Ora ci riferiamo, tuttavia, allo Storydoing vero è proprio: ebbene, avete mai sentito parlare della Red Bull Flugtag? Si tratta di un evento nato nel 1991 a Vienna, in Austria, poi tenutosi in decine di città di tutto il pianeta.

In occasione della Red Bull Flugtag, i partecipanti - che non devono possedere particolari requisiti - si sfidano, tentando di spiccare il volo con dei piccoli mezzi alati senza motore, molto spesso più curiosi e divertenti da vedere che efficaci per il loro presunto loro scopo ingegneristico.

Per non parlare del salto da record di Felix Baumgartner, sponsorizzato direttamente nella stratosfera: un’occasione seguita da tutto il mondo in cui l’azienda ha letteralmente “messo le ali” allo skydiver, non limitandosi a presenziare con un piatto logo, ma contribuendo a tutte le fasi della ricerca, dei test e dell’organizzazione del salto.

 

Vi consolerà sapere che non serve lanciarsi da decine di migliaia di metri di altezza per applicare lo Storydoing alla propria strategia di marketing online e offline. Anche le attività locali possono coinvolgere attivamente il proprio pubblico e i propri clienti potenziali in iniziative simili. Ciò che potrebbe servire loro, però, è il contributo di un team di esperti del settore, che possa creare una strategia, ottimizzare le risorse per la sua realizzazione, valorizzando i punti di forza del business e aumentando le vendite.

Siete interessati a saperne di più? Contattateci per fissare una consulenza gratuita: possiamo aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi con lo Storydoing.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
3 gior
Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo
Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?
Target
1 sett
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 sett
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
3 sett
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
3 sett
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
Target
1 mese
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
1 mese
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
2 mesi
Aumentare le vendite online curando lo ZMOT: che cos’è il Momento Zero della Verità
Le regole di base da seguire per trarre il meglio quando un potenziale cliente si informa su di noi
Target
2 mesi
Come curare la propria immagine sul web
Come ci presentiamo, offline e online, fa la differenza: ce lo ha raccontato Michele Di Paolo, consulente d’immagine
Target
2 mesi
Parola d’ordine? I termini più persuasivi del copywriting
Scopriamo insieme come e perché alcune espressioni incoraggiano a compiere determinate azioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile