Freepik / Jannoon028
TARGET
11.11.20 - 09:000

Quando sarà possibile acquistare direttamente qualcosa su Facebook e Instagram?

In Svizzera (e non solo), Shops, la funzione creata per sostenere le vendite online, ha ancora un’importante lacuna

La funzione Shops è presente da mesi su Facebook e Instagram, eppure c’è ancora aspettativa su un dettaglio che riguarda da vicino il suo utilizzo. Si tratta del checkout diretto all’interno dei social media.

È ormai passato qualche tempo, infatti, da quando lo stesso Mark Zuckerberg ne ha annunciato l’arrivo, a metà maggio, stimolando la curiosità di commercianti e web marketers. Questo tipo di opzioni, infatti, era stato introdotto per offrire strumenti intuitivi ed efficaci proprio a chi si occupa di retail: molte sono state le attività che hanno sofferto duramente l’impatto del lockdown, con cali vertiginosi di vendite e fatturato. La mission del progetto, infatti, partiva dal desiderio di aiutare queste realtà a rimettersi in moto mediante il digitale, aprendo nuove porte per il cosiddetto “social e-commerce”.

Eppure, c’è ancora qualcosa di inconcluso, in particolare nella versione utilizzabile in Europa.

 

Quali opportunità offrono queste funzioni?

La loro nascita è determinata anche da un cambiamento nelle abitudini dei consumatori di ogni genere di prodotto e servizio: ogni giorno, sempre più persone trascorrono sempre più tempo sui social media (4 milioni e mezzo di svizzeri, per una media di quasi un’ora e mezza al dì), spesso utilizzandoli non solo per comunicare con gli altri, ma anche nella ricerca di idee per i propri acquisti. Queste piattaforme si sono quindi ufficialmente conquistate un posto d’onore all’inizio dell’esperienza del consumatore (il famoso “zero moment of truth”).

Attraverso la funzione Shops, i commercianti possono intercettare questi interessi mediante i contenuti organici che inseriscono su Facebook e Instagram: l’utente, vedendo un articolo che gli piace, potrà scoprire prezzi e informazioni d’acquisto senza mai lasciare la piattaforma, grazie a pochi semplici click o tap sul proprio smartphone.

I retailers, d’altro canto, avranno a disposizione uno strumento versatile a costi molto ridotti, se si escludono eventuali - e caldeggiate - inserzioni mirate a pagamento. Una volta dimostrati i requisiti necessari, si può strutturare un catalogo con molta facilità, suddividerlo per categorie, personalizzare la propria vetrina, e aggiungere un numero illimitato di prodotti.

Non mancano, inoltre, una serie di statistiche approfondite e aggiornate su come le nostre vendite stiano procedendo, su quali articoli “tirino” di più, sui click, le visualizzazioni, la frequenza di rimbalzo sulle schede. Manca, invece, la possibilità che effettuare il checkout senza mai lasciare le piattaforme social, già disponibile invece negli USA.

 

Perché l’assenza del checkout diretto è un limite?

Al momento, in Svizzera e in tanti altri paesi europei, l’unico modo per concludere una vendita tramite le funzioni Shops è ricondurre l’utente a un portale esterno. Di conseguenza, la transazione vera e propria, con la conferma dell’ordine e il pagamento, deve avvenire altrove.

Ciò comporta una “rottura” che, nei casi più delicati, potrebbe anche determinare l’interruzione del customer journey, rappresentando un ostacolo agli acquisti d’impulso che sono ormai caratteristici, soprattutto per prodotti con ticket medio-basso, della compravendita digitale.

L’assenza di questa funzionalità è quindi un limite per gli utenti, la cui esperienza d’acquisto non sarà fluida, intuitiva, veloce, che per i retailers, i quali, d’altro canto, subiranno molte mancate vendite, senza contare la necessità di creare, collegare con Shops e rendere efficaci, soprattutto in termini di UX e conversione, una propria piattaforma e-commerce. Ciò rischia di escludere chi non ha tempo, competenze e risorse per realizzare quanto sopra.

 

Nonostante le lacune, con un po’ d’ingegno, una strategia integrata e un supporto professionale alle spalle, questi strumenti possono estremamente utili, se utilizzati per la propria attività online, creare il proprio e-commerce non è poi così difficile e costoso.

Noi ci occupiamo proprio di questo: di aiutare le attività locali a tenere i contatti con i propri clienti e a trovarne di nuovi, attraverso gli strumenti che la rete ci offre, dall’advertising sui social agli e-commerce. Se anche tu possiedi un business e credi che un aiuto digitale possa tornarti utile a crescere, contattaci per una consulenza gratuita.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
23 ore
Addio alle pagine dei risultati di Google: arriva lo scorrimento continuo
Quanto servirà adesso posizionarsi al meglio sui motori di ricerca, e come cambieranno le tecniche SEO per riuscirci?
Target
4 gior
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! (Seconda parte)
Scandali politici, un algoritmo penalizzante, aumento dei costi per l’advertising: il social di Zuckerberg è a rischio?
Target
1 sett
Facebook è morto, lunga vita a Facebook! Parte 1 di 2
Reach organica ai minimi, problemi di dati e privacy, fuga dei giovani. Ha ancora senso investire su questo social?
Target
2 sett
Il successo su Instagram? È questione di formato
Ogni tipo di contenuto che possiamo pubblicare sulla piattaforma ha degli scopi precisi: scopriamoli tutti insieme
Target
3 sett
Bias: pregiudizi della mente che ci inducono in errore. E che i marketer utilizzano
Molte scelte quotidiane, anche d’acquisto, sono legate a scorciatoie mentali rapide, impulsive e spesso illogiche.
Target
1 mese
Ecco le parole che migliorano le vendite creando emozioni
Alcune espressioni delle campagne pubblicitarie aumentano la percezione di fiducia ed empatia e il desiderio d’acquisto
Target
1 mese
Pricing psicologico: come determinare sempre il prezzo giusto
Minuscole variazioni incoraggiano i clienti a comprare determinati prodotti piuttosto che altri: scopriamole insieme.
Target
1 mese
Aumentare le vendite online curando lo ZMOT: che cos’è il Momento Zero della Verità
Le regole di base da seguire per trarre il meglio quando un potenziale cliente si informa su di noi
Target
1 mese
Come curare la propria immagine sul web
Come ci presentiamo, offline e online, fa la differenza: ce lo ha raccontato Michele Di Paolo, consulente d’immagine
Target
2 mesi
Parola d’ordine? I termini più persuasivi del copywriting
Scopriamo insieme come e perché alcune espressioni incoraggiano a compiere determinate azioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile