Unsplash/Claudio Schwarz
TARGET
17.04.20 - 08:000
Aggiornamento : 19.04.20 - 11:26

Quale presente (e quale futuro) per bar e ristoranti?

Consigli pratici e prospettive per uno dei settori più penalizzati dall’emergenza Coronavirus

Sono tra le attività che più stanno soffrendo adesso, e quelle che più tardi potranno tornare a lavorare come facevano prima del Coronavirus. Riunirsi o - com'è tristemente di moda dire adesso - "creare assembramenti" per consumare un pasto, un drink o un caffè è, infatti, la loro principale ragion d'essere.

Se c'è una cosa, però, che chi opera nella ristorazione non può spesso fare, visti i ritmi serrati, è fermarsi a riflettere sul proprio lavoro. E la congiuntura attuale ne fornisce l'opportunità, per mitigare non solo le problematiche del presente, ma soprattutto interrogarsi sul futuro, adattandosi a ciò che probabilmente sarà.

 

Cosa si può fare adesso?

Quanto al transitorio momento che viviamo, alcuni tra i più interessanti accorgimenti a oggi adottati, sia alle nostre latitudini che altrove, non comportano grossi investimenti e procedono verso tre direzioni precise:

  • valorizzare i propri tratti distintivi, rafforzando e diffondendo il proprio brand nei confronti di una platea locale,
  • mantenere attiva una linea di cashflow, sebbene con margini più bassi del consueto,
  • soprattutto per chi non è coperto da assicurazione in caso di pandemia, far ruotare le scorte, garantendo l'utilizzo di quelle acquistate prima dell'emergenza.

 

Ecco cinque suggerimenti pratici che si rifanno a queste linee:

  1. l’espediente più comune e già diffuso, ovvero offrire servizi di asporto e/o consegna a domicilio – possibilmente contactless, in proprio o mediante aziende terze – con cuochi e barman, anche se ciò non dovesse rientrare nella politica dell'attività, per questioni organizzative o di preferenza (laddove, ad esempio, si puntasse sull'esperienza complessiva del consumatore);
  2. creare e vendere dei Dining Bond, cioè dei buoni a lunga scadenza per riservare, a un prezzo ridotto, futuri menù speciali, degustazioni o eventi di reinaugurazione;
  3. raccontare personaggi e ricette che caratterizzano la propria struttura, magari organizzando lezioni o challenges sui social media, al fine di interagire anche con chi ama la cucina/i drink/la caffetteria, e magari proporre la consegna o il ritiro di kit pronti per realizzarle;
  4. supportare le strutture sanitarie e assistenziali con forniture gratuite, creando un forte legame con la comunità locale, mediante utilissime "buone azioni"
  5. promuovere ogni iniziativa sfruttando, oltre a un account Instagram e una pagina Facebook (del quale suggeriamo di privilegiare la funzione "Vetrina"), i gruppi Facebook locali che riuniscono il vostro potenziale pubblico, i siti web e le app directory consuete o create per l'emergenza, i post di Google My Business e, in ultimo, solo se seguiti da professionisti, eventuali campagne Social Ads, anche coadiuvate da semplici piattaforme di e-commerce, che possono semplificare e assicurare i pagamenti.

Può essere il momento giusto, quindi, anche per testare idee creative, sempre supportate da una diffusione attraverso i canali digitali. Gli strumenti di ILR (Ticino) permettono adesso di ridurre momentaneamente gli organici e provare a trovare una strada snella, flessibile, per restare attivi e nella mente dei clienti.

Se ciò che distingue bar e ristoranti non è legato al prodotto o alle persone, ma a un luogo o a una specifica modalità di servizio, se il loro pubblico è prettamente turistico o se, ancora, non si differenziano in alcun modo o non hanno un brand forte, può essere invece il momento di capire – approfittando di questa bolla temporale – come "ricreare la magia" al di fuori del proprio locale, come diventare un vero e proprio brand e attrarre soprattutto la comunità locale, e come creare un modello di business a prova di emergenza o di "cigno nero", per dirla con gli analisti del fondo d'investimento Sequoia Capital.

 

Cosa dobbiamo aspettarci dal futuro?

Nel breve periodo, molte limitazioni perdureranno, e ogni attività, nonostante una iniziale euforia da parte della clientela, dovrà affrontare due temi collegati alla propria impostazione e correlati tra di loro: la necessità di ridurre i coperti, per mantenere le distanze di sicurezza, e al contempo di sostenere i costi fissi (affitti commerciali, utenze e stipendi in primis).

Nel medio periodo, per acquisite abitudini, i consumi da remoto torneranno certamente sostenuti e, in caso di contagi di ritorno, sebbene sia un boccone amaro e difficile da digerire, sopravvivranno solo i più adatti, sebbene in un mercato diverso.

Confidare in ulteriori interventi pubblici, che pur probabilmente ci saranno, è necessario, ma non sostenibile nel lungo periodo, e francamente non imprenditoriale, soprattutto per chi aveva linee di credito attive già prima dell’emergenza.
Lasciar scegliere agli altri il menù prelude quasi sempre a un conto salatissimo.

Quale futuro prevedere, dunque, per bar e ristoranti, fino alla completa risoluzione di questa crisi? Vedremo fiorire miriadi di dark kitchens o personal restaurants, micro-attività vicine ai concetti di personal chef, catering e home restaurants, o ancora versioni ridotte delle insegne in franchising e food/cocktail/coffee trucks, tutte proponibili sia in modo classico che online?

Gli affitti commerciali dovranno contrarsi, per rendere sostenibile un'affluenza minore e più sicura della clientela nei locali?

Se anche tu fai parte del settore della ristorazione o di altri, e le conseguenze del Coronavirus hanno investito la tua attività, contattaci per una consulenza gratuita. Insieme, scopriremo come organizzare una strategia promozionale personalizzata per la fase attuale, e ragionare più in dettaglio sul futuro.

 

Articolo a cura di Linkfloyd Sagl, agenzia di marketing e comunicazione in Ticino.

ULTIME NOTIZIE Target
Target
1 gior
Digital Marketing, i trend del 2022 / 2 - Sponsorizzazioni e Ads più efficaci su TikTok e Pinterest
Gli investimenti in campagne a pagamento sui social aumentano, diventano un modello e raggiungono nuove piattaforme
Target
2 gior
Novità in casa LinkedIn: Newsletter e Video Live finalmente a disposizione di tutti gli utenti
Attivando la “Modalità Creator”, possiamo sfruttare nuovi formati e opportunità di promozione. Ecco come e perché farlo
Target
1 sett
Digital Marketing, i trend del 2022 / 1 – L’implacabile ascesa dei Creator
Chi crea contenuti e influenza comunità di consumatori piccole, solide e specifiche avrà sempre più potere. Ecco perché
Target
1 sett
La corsa di Instagram contro TikTok: ufficiale l’estensione delle Stories a 1 minuto
Un’ottima notizia per chi le utilizza e vuole evitare la frammentazione dovuta alla durata massima di 15 secondi
Target
2 sett
Travel blogger e influencer: che cosa fanno e quanto sono efficaci nel promuovere il territorio
«Non vendiamo: raccontiamo e siamo credibili. Così influenziamo gli utenti». Ne abbiamo parlato con Veronica Crocitti
Target
3 sett
Come sfruttare il principio di scarsità, una delle leve di marketing più potenti
Paura di perdere un’occasione: perché disponibilità e tempo limitati ci fanno ritenere indispensabili prodotti e servizi
Target
3 sett
8 errori che ostacolano il posizionamento del vostro sito su Google
Sottovalutare alcune regole SEO incide sul valore attribuito alle pagine come risposta alle ricerche degli utenti
Target
1 mese
Più lavoro per gli indipendenti: LinkedIn lancia Service Marketplace
Pensato per professionisti e aziende di consulenza B2B, permetterà di trovare opportunità professionali a breve termine
Target
1 mese
Marketing per il turismo e gli alberghi: errori, opportunità, scenari futuri
«Gli ospiti sono al centro. Ma non tutti lo hanno ancora capito». Stefano Mazzamuto ci svela i nuovi trend del settore
Target
1 mese
La svolta di Instagram: ora chiunque potrà inserire i link nelle Stories
Finisce l’era dell’esclusività, dello “Swipe Up” e dei 10mila follower necessari a collegarle con un contenuto esterno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile