LUGANO
23.10.18 - 16:060

Dark web, l’internet sommerso: che cos’è e perché bisogna conoscerlo

È grande 600 volte più della rete che navighiamo ogni giorno, ed è un ricettacolo di illegalità a ogni livello, sebbene sia nato con ottime intenzioni

La rete internet che conosciamo, quella navigabile e raggiungibile tramite un browser normale o Google è appena il 4% di quella esistente. Lo avreste mai detto? La stragrande maggioranza è sommersa, nascosta, oscura: da qui la definizione di “dark web”, che descrive quella parte del web che richiede un software speciale per accedervi, e che contiene un numero di pagine superiore di 600 volte rispetto alla rete internet indicizzata dai motori di ricerca.

Per entrare sul dark web, sono necessari programmi speciali: il più conosciuto tra essi è TOR. Consiste in un browser utile alla navigazione anonima e crittografata che offre l’opportunità di nascondere (quasi) completamente il proprio indirizzo IP per muoversi tra i contenuti. Identificare qualcuno nel dark web è molto complicato e questo vale tanto per chi naviga quanto per i “proprietari” dei siti in esso ospitati. Gli URL (o indirizzi) sono composti da caratteri e cifre mescolati senza significato, sequenze pressoché impossibili da memorizzare e che terminano con l’estensione .onion.

L’anonimato ha reso questo il luogo eletto da chi, per svariate ragioni, vuole rimanere nascosto. Gruppi di pedofili, terroristi, criminali, trafficanti e altre spregevoli categorie di soggetti usano questo mezzo per mantenere le loro relazioni, proporre ed acquistare servizi e prodotti anche assolutamente illegali.

Prima di saltare a conclusioni, però, è necessaria una precisazione: quantificare l’effettiva, reale dimensione di questi mercati sul dark web è praticamente impossibile, ma pare sia comunque di gran lunga inferiore rispetto alla quantità di offerta millantata. L’anonimato rende particolarmente semplici le truffe e gran parte degli acquisti – di qualsiasi genere – che si provano a concludere attraverso il dark web può non andare a buon fine. È un attimo, infatti, per il proprietario del “negozio illegale online”, chiudere tutto, scappare con la refurtiva e trasferirsi magari su un nuovo dominio senza lasciare traccia.

Ma volete che si comprino armi utilizzando una comune carta di credito o magari con un bel bonifico? L’identità di chi paga sarebbe tracciabile: attraverso il Bitcoin, invece, che ha il pregio di permettere a due parti di condurre una transazione sicura senza conoscersi l'una con l'altra, questi scambi sono possibili. "Il Bitcoin è stato un fattore importante nella crescita del dark web e il dark web è stato un fattore determinante nella crescita del Bitcoin", si dice, e servizi come Bitcoin Laundry hanno poi consentito di nascondere completamente le transazioni avvenute, rendendo complicatissima la tracciabilità.

Le forze dell’ordine stanno comunque compiendo dei passi da gigante nel contrasto a questo tipo di attività, e nell’identificazione dei responsabili. Proprio l’anno scorso, nel 2017, è stato chiuso AlphaBay, il più grande mercato di contrabbando del dark web, e ne sono stati arrestati i responsabili.

Ma non è tutto nefasto o illegale, almeno nelle intenzioni iniziali. TOR è infatti nato come strumento con lo scopo di aiutare le persone a comunicare in ambienti ostili alla libertà di parola. Un mezzo indispensabile, nei Paesi o nei luoghi in cui si è sottoposti a intercettazioni coatte, o dove l’uso di internet è criminalizzato. È stato, ed è ancora, un canale importantissimo, addirittura cruciale per i giornalisti, al fine di mantenere i rapporti con le proprie fonti confidenziali, quando queste si trovino in condizioni di grande e grave pericolo nel rivelare o trasmettere le informazioni in loro possesso.

In sostanza, navigare nel dark web non è illegale, ma è un’esperienza particolare, oltreché fastidiosa (l’apertura delle pagine è lentissima). Conoscendolo, si capisce che la truffa è dietro l’angolo, così come il furto di identità, e sapendo che cos’è il dark web si può comprendere che i dati, su internet, vanno divulgati con estrema cautela, e con delle accortezze su cui è bene informarsi. Se, magari con l’aiuto di un amico esperto di informatica, vi troverai i tuoi dati personali o dei dati sensibili che ti riguardano, segnalalo immediatamente alla polizia.

Potrebbe interessarti anche
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile