OPEN & WIKI
25.06.19 - 15:560

Come le licenze libere stanno forzando le grosse industrie farmaceutiche

Le industrie farmaceutiche spesso operano con logiche di mercato dimenticando l’etica, ma questo sistema rischia di spezzarsi

 

Dei 157 miliardi di dollari spesi dal settore privato per ricerca e sviluppo nel settore della salute nel 2016, solo 505 milioni sono per malattie come la malaria e la tubercolosi che colpiscono miliardi di persone più povere in tutto il mondo.

L'obiettivo dell'industria farmaceutica è quello di massimizzare il ritorno finanziario sugli investimenti attraverso vendite, prezzi elevati e qualsiasi cosa che possa fornire molto profitto per cui le cosiddette “malattie dei poveri” vengono trascurate.

Tuttavia, esiste un modo che evita gli incentivi di mercato che impediscono alle aziende farmaceutiche di sviluppare farmaci per le malattie della povertà eliminando la segretezza che avvolge lo sviluppo di farmaci.

Ispirati dal movimento open source nel software, i progetti “open drug discovery” mettono a disposizione di chiunque i propri dati su Internet.

Matthew Todd, professore presso l'University College di Londra e uno dei fondatori del movimento farmaceutico open source, ritiene che l'open source possa potenzialmente trasformare queste logiche in quanto si può lavorare con le persone migliori ovunque e lo sviluppo delle idee è molto rapido grazie proprio alla condivisione.

Un po’ come Wikipedia, chiunque può prendere qualsiasi cosa che viene fatta e fare tutto ciò che si vuole.

Uno di questi progetti è Open Source Malaria, che attualmente sta lavorando a due molecole per sconfiggere la malattia.

In pratica l’utilizzo di licenze open sulla ricerca farmaceutica produce un enorme impatto perché esiste più scambio di informazioni e maggiore capacità di innovazione ma anche una riduzione consistente del costo dei farmaci proprio laddove le industrie farmaceutiche non hanno interesse ad investire.

Per approfondire clicca qui

Per informazioni: www.wikimedia.ch/it/contatti 

ULTIME NOTIZIE Open & Wiki
OPEN & WIKI
1 sett

Fonoteca e Wikimedia Svizzera collaborano ad una giornata wikipediana

Dal 25 al 27 Ottobre oltre 20 wikipediani dalla Germania, dalla Svizzera e dall’Italia si incontreranno in Fonoteca nazionale svizzera per scrivere voci di Wikipedia

OPEN & WIKI
2 sett

Wikidata: imparare uno dei maggiori hub di dati aperti

Wikidata è uno dei maggiori hub di dati aperti e cresce in maniera esponenziale. Molti data scientists vogliono imparare a integrare questi dati nelle proprie applicazioni. Come fare?

OPEN & WIKI
1 mese

La guerra a suon di tastiera tra Cina e Hong Kong

Come al solito capita Wikipedia, grazie alla possibilità di poter scrivere facilmente, diventa un campo di battaglia virtuale tra due fazioni

OPEN & WIKI
1 mese

Negapedia: il lato oscuro di Wikipedia

Uno strumento per mettere in evidenza il complicato lavoro di conciliazione che esiste sui contenuti

OPEN & WIKI
2 mesi

La prima teoria cospirativa in internet: Ong’s hat

Una città fantasma nel New Jersey è anche il luogo dove è stata basata la prima teoria cospirativa dell’era internet

OPEN & WIKI
2 mesi

Lo sapevi che: 99942 Apophis

Un piccolo asteroide che aveva allarmato la Terra

OPEN & WIKI
2 mesi

Cosa c’è dietro gli assistenti vocali?

Strumento molto usato sugli smartphone ma dove vengono prese le informazioni?

OPEN & WIKI
3 mesi

Una wikipedia russa?

Il ministro russo dello sviluppo digitale sta preparando una proposta di legge per creare un "portale enciclopedico interattivo a livello nazionale"

OPEN & WIKI
3 mesi

Google e Wikimedia Foundation per bloccare commenti ostili

Google e Wikimedia Foundation hanno collaborato sul tool Detox per prevenire commenti ostili in Wikipedia ma hanno dovuto chiudere il tool

OPEN & WIKI
3 mesi

Sui passi di Carlo Amoretti: Ornavasso

Il 13 luglio Ornavasso ospiterà una tappa dell’evento “Sui passi di Carlo Amoretti”

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile